Dr Commodore
LIVE

Hunter x Hunter: compie 10 anni il remake dell’anime

Oggi, 2 ottobre 2021, compie 10 anni il remake dell’anime di Hunter x Hunter prodotto da Studio Madhouse.
Hunter x Hunter è un manga scritto e disegnato da Yoshihiro Togashi che ha iniziato la propria pubblicazione nel marzo del 1998 sulla famosissima rivista Weekly Shonen Jump.

Hunter x Hunter fu inizialmente trasposto in forma animata nella stagione autunnale del 1999 con 62 episodi, dall’ottobre 1999 al marzo 2001.
Dalla conclusione di questa versione, però, dell’anime dell’opera di Togashi non si sentì più parlare; non fu mai annunciato un seguito in quanto l’adattamento aveva ormai raggiunto gli ultimi capitoli del manga ed anche perché Nippon Animation, lo studio che si occupò della trasposizione del 1999, perse i diritti legati a quest’ultima.

Quindi, nonostante Yoshihiro Togashi avesse continuato nel corso di quegli anni a produrre i capitoli del suo capolavoro, non sembrava esserci futuro per l’anime di Hunter x Hunter.

Questo fino a dicembre 2010, quando il colosso dell’animazione giapponese Madhouse acquisì i diritti della serie e iniziò a produrre un ulteriore versione dell’anime; non un sequel dell’adattamento del 1999, ma bensì un vero e proprio remake che avrebbe ricominciato la storia dell’opera da capo, rimanendo più fedele al manga originale e tagliando tutti quei filler che erano stati inseriti nel suo predecessore per evitare di finire in pari con il cartaceo.

Il nuovo adattamento di Hunter x Hunter avrebbe, inoltre, proseguito ulteriormente la trasposizione del manga aggiungendo il celeberrimo arco delle Formichimere (meglio conosciuto come Chimera Ants in inglese) il quale è subito diventato uno degli archi narrativi preferiti in assoluto di moltissimi fan degli shonen.

Hunter x Hunter 2011, infine, vide luce il 2 ottobre 2011 con il suo primissimo episodio e accompagnò le vite di tanti appassionati per ben 3 anni, fino al 24 settembre 2014.

Di cosa tratta Hunter x Hunter?

Hunter x Hunter è ambientato in un mondo in cui individui chiamati Hunter esistono per svolgere una moltitudine di compiti pericolosi, come catturare criminali, cercare coraggiosamente tesori perduti o avventurarsi in territori inesplorati. Il dodicenne Gon Freecss è determinato a diventare il miglior cacciatore possibile nella speranza di trovare suo padre, il quale era lui stesso un Hunter e aveva abbandonato il suo giovane figlio già in tenera età.
Tuttavia, Gon si rende presto conto che il percorso raggiungere i suoi obiettivi è molto più impegnativo di quanto avrebbe mai potuto immaginare.

Lungo la strada per diventare un Hunter ufficiale, Gon fa amicizia con il vivace dottore in formazione Leorio, il vendicativo Kurapika e l’ex assassino ribelle Killua. Per raggiungere i propri obiettivi e desideri, i quattro sostengono insieme l’esame Hunter, famigerato per il suo bassissimo tasso di successo e l’alta probabilità di morire.

Durante il loro viaggio, Gon e i suoi amici si imbarcano in un’avventura che li condurrà attraverso molte difficoltà e combattimenti al cardiopalma, incontreranno una miriade di mostri, creature e personaggi misteriosi.
Il tutto mentre impareranno cosa significa veramente essere un Hunter e di quanto sia fragile la vita umana.

Ci sarà un seguito dell’anime?

Molti fan spesso si chiedono se sarà possibile avere un sequel diretto dell’anime dopo essersi concluso con la riunione di Gon con il padre e la partenza verso il continente oscuro.
Infatti vi sono molte sotto-trame ancora aperte dopo la fine dell’anime come la vendetta di Kurapika verso la brigata fantasma, il rapporto di Killua con la famiglia Zoldyck, il tanto anticipato scontro tra Hisoka e Chrollo e via discorrendo.

Realisticamente, però, è veramente improbabile che ciò avvenga.
Yoshihiro Togashi è da quasi 3 anni che non pubblica un nuovo capitolo e, in ogni caso, è ormai già da un decennio che le uscite di Hunter x Hunter sono estremamente rarefatte e altalenanti.
Perciò c’è poco materiale nel manga da sfruttare per un eventuale sequel animato.

Non è mai detta l’ultima parola, ma il capolavoro di Yoshihiro Togashi rischia di diventare l’ennesimo pezzo da novanta della produzione fumettistica giapponese che rimarrà incompiuto.

Ricordiamo inoltre che il manga di Hunter X Hunter è edito in Italia da Planet Manga e che la versione animata del 2011 è finalmente disponibile legalmente su VVVVID dopo un decennio di colpevole manchevolezza da parte dei siti di streaming nel nostro paese.

Articoli correlati

Matteo Comin

Matteo Comin

Sono Matteo, scrivo da Desenzano (BS), Studio Scienze della comunicazione e lavoro in un cinema multisala. Sono appassionato, come tutti voi, di tutto ciò che riguarda la cultura nerd, in particolar modo di anime e manga.

Condividi