Anime & Manga Recensione

My Hero Academia 5×12 | Non lo strumento, ma l’utilizzatore

My Hero Academia 5x12

Pur non dandoci sostanziali novità riguardo Deku, My Hero Academia inizia lentamente a prepararci al prossimo arco narrativo.

Adesso che l’allenamento congiunto tra la 1-A e la 1-B è giunto al termine, My Hero Academia si appresta, con il suo centesimo episodio totale, a voltare pagina verso nuovi orizzonti. Cosa ci attende non lo sappiamo ancora, però il fatto che non si salti subito da un grande arco narrativo all’altro non vuol dire che la storia sia in completo stallo, questo è certo.

Anzi, in un certo senso potremmo dire che per personaggi come Todoroki e Bakugo è essenzialmente l’opposto. Altro che allenamento congiunto, il vero momento per mettersi in gioco al 100% doveva essere proprio l’esame per l’acquisizione della licenza da supereroe, e finalmente, dopo mesi in cui i due erano rimasti indietro, adesso anche loro sono finalmente riusciti a recuperare il terreno perso.

Non nego che è emozionante vederli raggiungere questo risultato proprio adesso che entrambi hanno iniziato a mostrare dei palpabili miglioramenti dal punto di vista caratteriale. Todoroki è riuscito a instaurare una relazione quanto meno decente con il padre, e ciò gli ha permesso di affrontare e schiarire i suoi sentimenti. Allo stesso modo, Bakugo ha iniziato a dimostrarsi più collaborativo, pur mantenendo sempre i suoi gentilissimi modi di fare, e i risultati si son visti eccome.

My Hero Academia Eri

In un modo o nell’altro alla fine torniamo sempre lì: non è soltanto una questione di quirk. Essere un eroe, di quelli veri, richiede delle virtù, un senso di giustizia ed altruismo e soprattutto una ferrea morale. È questo il punto principale che si cela anche dietro il discorso che viene fatto ad Eri in questa puntata. Dietro i quirk ci sono persone che li utilizzano e, sorpresa sorpresa, alcuni hanno buone intenzioni mentre altri no.

Perché in fondo sono proprio questi piccoli, grandi dettagli come i valori di una persona a fare la differenza. All for One si è ritrovato per le mani un potere incommensurabile, e ha deciso arbitrariamente di utilizzarlo per scalare nella società sfruttando le debolezze altrui. Non è il suo quirk ad avere una natura malvagia, piuttosto è l’animo del personaggio ad essere inevitabilmente corrotto dall’ambizione. Immaginate l’All for One nelle mani giuste oppure il One for All in quelle sbagliate, e iniziate a sudare freddo.

A proposito del One for All, le novità di quest’episodio sono sicuramente interessanti. A quanto pare, il One for All sembra essere in qualche modo legato anche alla volontà di All for One e, soprattutto, sembra anche tendere ad assomigliargli nella sua nuova forma, quasi come se si evolvesse in un qualcosa di simile. In effetti, questa novità dell’assimilazione dei quirk posseduti dai vari predecessori in fin dei conti non è altro che un accumulamento di diversi superpoteri. Non che la prima novità fosse difficile da intuire, comunque, ma sembra che le sue implicazioni siano ben più profonde di quanto si potesse inizialmente pensare.

Il tempo, dunque, è giunto. Non sappiamo precisamente di che cosa si tratti, ma sicuramente sta per succedere un bel casino.

Lo sketch dell’episodio di Horikoshi

Vi ricordiamo che My Hero Academia 5 è disponibile legalmente su Crunchyroll. Trovate i nostri commenti precedenti facendo clic su questo link.

L'autore

Matteo Mellino

Matteo Mellino, sul web Mr. Gozaemon.
Tormenta continuamente amici e familiari parlando dell'argomento che più lo affascina e al quale dedica tutto il suo tempo libero: l'animazione giapponese.
Più pigro di Spike, testardo quanto Naruto ma sempre positivo come Gon.

Twitch!

Canale Offerte Telegram!