fbpx
Approfondimento Film/Serie Tv

1989: i migliori film di un’annata storica

9 novembre 1989, cade il muro di Berlino. Sono passati esattamente 30 anni da quel giorno che segnò inevitabilmente la storia contemporanea. Il muro di Berlino non rappresentava solo la divisione di una città ma soprattutto era il simbolo di un’epoca che vedeva il mondo schierato in due fazioni: capitalismo e comunismo. Una divisione fisica e simbolica durata 28 anni che ha mietuto vittime sia per le condizioni spregevoli in cui vivevano molti cittadini della DDR (Germania Est), 133 persone furono uccise in tentativi di fuga, sia per la guerra al comunismo adottata dai Paesi occidentali. Il 9 novembre del 1989 si pose fine a quest’epoca con l’abbattimento del muro. Quest’evento non fu solo fisico, ma fu anche simbolico, infatti decretò la fine della “Guerra fredda” e l’inizio di una nuova epoca, quella della globalizzazione.

Per celebrare quest’evento, abbiamo stilato una classifica dei migliori film usciti nel 1989, un’annata che fra cult immortali e pellicole destinate a fare scuola nel tempo risultò essere un momento d’oro per il cinema.

19 giugno 1989 – Batman

Batman è il quarto lungometraggio di Tim Burton che dopo questo film iniziò una lunga e proficua carriera. Un cinecomic con uno stile tutto suo che fa dell’espressionismo e della cultura pulp i suoi elementi principali. Un film destinato a fare scuola, con l’interpretazione del peso massimo Jack Nicholson nei panni del Joker più “fumettoso” della storia. “Danzi mai col diavolo nel pallido plenilunio?”

2 giugno 1989 – L’attimo fuggente

“Carpe diem, cogliete l’attimo ragazzi, rendete straordinaria la vostra vita.” Quante volte avete sentito questa frase? Ebbene è presa da “L’attimo fuggente” di Peter  Weir. “Dead poets society”, titolo originale, è un film tremendamente poetico e romantico con l’interpretazione di Robin Williams nei panni del professor Keating, entrata nel cuore di tutti noi. L’attimo fuggente è come già detto un film poetico, ma è anche un’opera sulla poesia e sulla sua importanza nel mondo di oggi e ci insegna che di questi tempi forse l’umanità ha bisogno di un avvocato in meno e di un poeta in più.

“… O capitano! Mio capitano…”

19 maggio 1989 – Fa’ la cosa giusta

Se il 1989 ha segnato la fine del mondo diviso in due ha anche dato inizio a un’epoca di cambiamento culturale. Fa’ la cosa giusta è il grido di battaglia di un’intera generazione, quella afroamericana. Spike Lee in quest’opera ci mostra come da un semplice screzio possa scaturire una violenza selvaggia, solo perché dimezzo c’è una persona di colore. Fa’ la cosa giusta è stato ed è un film necessario, tremendamente carnale, che esalta i corpi sudati e i fisici degli afroamericani. Do the right thing è anche un’opera hip-hop con la colonna sonora dei Public Enemy che ci accompagna per tutta la storia: “1989, a number, another summer, sound of the funky drummer”. Un film con un finale sconvolgente che ci pone una scelta: Martin Luther King condanna la violenza, Malcom X la giustifica, a noi la decisione.

20 gennaio 1989 – Sesso, bugie e videotape

Sesso, bugie e videotape è il film che ha vinto la Palma d’Oro nel 1989. Al di là del valore artistico della pellicola che è indiscutibile, l’importanza dell’opera prima di Soderbergh è simbolica. Infatti questo film sancisce la nascita del movimento indie inteso come indipendente. Ovvero quei film che mantenendo la propria vena autoriale riescono a produrre incassi elevati, ne è un’esempio appunto Sesso, bugie e videotape: budget di 1,2 milioni di dollari, incasso oltre 36 milioni. Aperte le porte dunque ai vari Quentin Tarantino, Paul Thomas Anderson, Wes Anderson, Kevin Smith ecc. Un film che segna a suo modo un’epoca, un’opera che raffigura al suo interno la classe media americana con ferocia e innovazione.

21 luglio 1989 – Harry, ti presento Sally…

La commedia romantica di solito è abbastanza irrealistica: di base è una storiella che vende un’idea irraggiungibile d’amore. Harry ti presento Sally… è diverso perché ci presenta una coppia che non si innamorerà mai. Non scoppia l’amore quando i due hanno 20 anni e neppure 10 anni dopo quando entrambi hanno il cuore a pezzi, anzi succede l’impossibile a detta di molti, i due diventano amici. “Nessun uomo può essere davvero amico di una donna, il sesso si mette sempre di mezzo”. Harry ti presento Sally… riscrive quindi le regole della commedia romantica, con scene cult, atmosfere anni 80 e due protagonisti indimenticabili, Harry e Sally.

20 dicembre 1989 – Nato il 4 luglio

Quante volte avete letto sul web che Tom Cruise non sa recitare? Tutte queste persone lo dicono perché non hanno mai visto Nato il 4 luglio di Oliver Stone. Un film asciutto, commovente che narra la storia di Ron Kovic, un reduce del Vietnam che abbraccia l’idea del pacifismo dopo esser tornato dalla guerra in carrozzina. Un eroe che diventa nemico pubblico perché mostra tutte le contraddizioni dell’America degli anni 70. Un film che non ha perso la sua potenza visiva grazie anche alla colonna sonora indimenticabile e ad un Tom Cruise immenso.

Voi sapevate che questi film erano usciti ben 30 anni fa? Ne manca qualcuno? Scrivetecelo nei commenti.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments