Dr Commodore
LIVE

The Elder Scrolls Online: High Isle, la Recensione

Ed eccoci con il nostro consueto incontro trimestrale con The Elder Scrolls Online. La nuovissima espansione High Isle è disponibile e siamo qui per parlarvene approfonditamente e aiutarvi a capire se il prodotto fa per voi.

Sono passati ormai otto anni dall’arrivo di The Elder Scrolls Online, e come già fu detto durante la recensione di Greymoor, l’espansione per ESO che ci portava per la centosettantamilesima* volta nel regno di Skyirim (* numero volutamente esagerato, o forse no ndr.) il gioco è stato per molto tempo criticato, esattamente come la sua controparte futuristica: Fallout 76, per la mancanza di contenuti.

Nel 2022 piatto, ciò che ci si para davanti è un gioco che ormai ha poco a che fare con il vecchio e scarno MMO del lancio, che fortunatamente è stato in grado di crescere, espandersi e catturare numerosi nuovi giocatori.

TESO High Isle recensione

La nuova Espansione premium High Isle è disponibile su PC e Stadia da qualche giorno e arriverà il 21 giugno su console PlayStation e Xbox, potrebbe essere l’occasione che molti aspettavano per tornare a Tamriel? Seguite la nostra review completa per capire se i nuovi contenuti fanno per voi.

L’eredità dei bretoni non è da sottovalutare

La prima cosa che salta all’occhio dopo essere arrivati alle Systres Isles è che ciò che Bethesda ha preparato per noi è una trama diversa da ciò a cui ci eravamo abituati nelle scorse espansioni, visto che The Elder Scrolls ha sempre strizzato l’occhio a intrighi politici (basti pensare alla battaglia tra Imperiali e Manto della tempesta nel 5° capitolo) senza però mostrare il dettaglio delle lotte intestine, bensì ci si concentrava sulle missioni in larga scala in cui proteggere il pianeta da demoni colossali, draghi imponenti e minacce spropositate che terminavano ovviamente con il nostro trionfo sempre e comunque.

È innegabile che questa formula cominciava ad essere abbastanza banale (e potete confermare la questione dando un’occhiata ai nostri voti delle precedenti espansioni) ma fortunatamente, High Isle ci porta in un territorio completamente nuovo nella saga che nasconde si un grave problema di instabilità politica. ma con una storia dove saremo coinvolti in un conflitto pieno di intrighi e tradimenti.

Nell’ultima espansione di TESO ci aspettano circa 20 ore di contenuti, anche grazie alle due nuove località che pur non avendo la risonanza di Skyrim o Morrowind riescono ad avere la loro caratterizzazione unica e intrigante.

Le isole Systres sono davvero ben fatte, si nota anche l’aggiornamento dell’engine utilizzato dagli sviluppatori, visto che da poco ESO gira su una versione “next gen” offrendo uno scenario spettacolare e variegato ispirato all’Europa medievale con campi di girasoli, foreste e covi di pirati nascosti.

Tanta teoria, ma purtroppo pochi contenuti

A parte il contenuto narrativo, High Isle ci offre alcune quest da svolgere che continuano sulla medesima linea che ha avuto Blackwood e che hanno avuto gli episodi passati, come i due nuovi compagni, nuovi eventi come le Volcanic Vent da affrontare (stesso stile delle Harrowstorm per intenderci) e anche un nuovo dungeon di gruppo per 12 giocatori.

I contenuti delle ultime espansioni di Elder Scrolls Online sono il punto più debole da qualche anno a questa parta, ma non a causa di un basso livello di qualità, bensì a causa della struttura degli stessi che è esattamente la stessa ripetuta per ogni anno, con aggiornamenti all’ambientazione ma con poche cose che giustificheranno il prezzo d’accesso, tanto che ci chiediamo come mai la versione base di ESO non sia diventata free to play da tempo.

High Isle fortunatamente non lascia che la monotonia prenda il sopravvento grazie all’aggiunta di Tribute Stories, un gioco di carte che si inserisce come attività secondaria all’interno di Elder Scrolls Online, con una sua trama ma allo stesso tempo strettamente legato all’universo della saga in stile Gwent con The Witcher, che possiamo trovare all’interno delle taverne delle isole bretoni.

Le meccaniche all’inizio sono complesse ma quando ci si prende la mano si rivela abbastanza divertente e ci permetterà di passare anche qualche ora in spensieratezza. È ovviamente un’aggiunta che piacerà a molti di voi, ma per quanto ci riguarda non è l’aggiunta del secolo che convincerà il pubblico degli MMO a migrare in massa su Elder Scrolls Online.

Le mancanze sono ancora molte, ma la sostanza ormai c’è

The Elder Scrolls Online ormai è un gioco ampio e vasto con concorrenti molto blasonati come World of Warcraft o Final Fantasy XIV e ora più che mai si necessiterebbe di una svecchiata alla formula, che potrebbe anche partire semplicemente dalla traduzione in italiano che ricordiamo essere completamente mancante fin dall’uscita del gioco, sia sotto forma di doppiaggio ma anche nei sottotitoli e nei menù, che sono esclusivamente in inglese

Un altro suggerimento che possiamo dare a Bethesda è quello di fornire un pack anche a pagamento per upgradare il proprio personaggio o dare la possibilità ai giocatori “solisti” come chi vi sta scrivendo di poter completare i dungeon anche in solitaria, visto che il tempo a disposizione non è lo stesso per tutti e non tutti hanno voglia o possibilità di livellare in vista di ogni espansione.

Nonostante abbia una struttura già vista nei capitoli precedenti, il viaggio a High Isle è di ottima qualità per la sua trama nuova e originale, ma pecca in tutti gli altri ambiti più importanti come i contenuti e il gameplay. Se siete fan del genere MMO e volete provare per la prima volta The Elder Scrolls Online High Isle è un ottimo punto di partenza, specialmente considerato che con l’acquisto vi saranno fornite anche le espansioni precedenti, ma se avete abbandonato il gioco tempo fa e speravate di vedere una piccola rivoluzione che vi riaccenda la scintilla (purtroppo) siete fuori strada.

The Elder Scrolls Online: High Isle, l’ultima espansione del famoso MMO Bethesda è disponibile ora su PC/Mac e Stadia e il 21 giugno 2022 su Xbox e PlayStation

Se ti interessa TESO leggi anche le recensioni di Blackwood, Greymoor e Summerset

Elder Scrolls Online Recensione

The Elder Scrolls Online: High Isle

Voto - 7.5

7.5

/10

The Elder Scrolls Online: High Isle, l'ultima espansione del famoso MMO Bethesda è disponibile ora su PC/Mac e Stadia e il 21 giugno 2022 su Xbox e PlayStation

User Rating: 1.52 ( 1 votes)

Articoli correlati

Gennaro Lazzizzera

Gennaro Lazzizzera

Nato (quasi) con la prima xbox in mano. il mio primo videogame è stato The Getaway per PS2 ed è stato letteralmente amore a prima vista (mai vista una alfa romeo in un videogioco prima di allora). Appassionato di videogiochi ma anche di Informatica, Tecnologia e Meccanica

Condividi