Dr Commodore
LIVE

VerificaC19: la nuova app per controllare i green pass

Arriva VerificaC19, l’app pubblica che analizzerà i Green Pass

Dopo l’approvazione da parte dell’Unione Europea, dal 6 agosto il Green Pass sarà ufficialmente obbligatorio per usufruire di svariate attività ricreative, come ristoranti, palestre e musei. Secondo molti no-vax e complottisti però, l’imposizione del Green Pass, e quindi della vaccinazione o dei tamponi, rappresenta una violazione della libertà del cittadino.

Proprio per questo, sono nati dei canali Telegram, ovviamente illegali, che vendono dei certificati digitali falsi a tutti coloro che desiderano continuare a frequentare i locali al chiuso, senza quindi doversi vaccinare o sottoporsi continuamente ai tamponi.

Per combattere queste vendite illecite, il Governo aveva annunciato il 17 giugno scorso per poi riconfermare nella giornata di ieri in un tweet la nuova app chiamata VerificaC19, nata con l’obiettivo di controllare e segnalare eventuali Green Pass fasulli.

Come funziona e da chi sarà utilizzabile l’app

VerificaC19, come scritto precedentemente, rientra da tempo nei piani del Governo che l’ha già resa disponibile al download ieri 28 luglio sia per Android che per iOS, ma non per tutti.

Nonostante l’app sia scaricabile da qualsiasi utente del Play Store o dell’App Store, essa è utilizzabile soltanto dal personale scelto, ovvero quelle persone incaricate all’ingresso dei ristoranti, musei, bar e altre attività di verificare la validità del Green Pass dei visitatori.

verificaC19 corpo 2

Come dichiarato dalla descrizione ufficiale di VerificaC19, infatti:

“L’app VerificaC19 consente, agli operatori incaricati, la verifica della validità delle Certificazioni verdi COVID-19 e degli “EU Digital COVID Certificate” attraverso la lettura del QR code del certificato. […]”

Nel sito ufficiale dell’app invece, viene spiegato come funzionerà VerificaC19:

  1. La Certificazione è richiesta dal verificatore all’interessato che mostra il relativo QR Code (in formato digitale oppure cartaceo).
  2. L’App VerificaC19 legge il QR Code, ne estrae le informazioni e procede con il controllo del sigillo elettronico qualificato.
  3. L’App VerificaC19 applica le regole per verificare che la Certificazione sia valida.
  4. L’App VerificaC19 mostra graficamente al verificatore l’effettiva validità della Certificazione nonché il nome, il cognome e la data di nascita dell’intestatario della stessa.

L’interessato, su richiesta del verificatore, esibisce un proprio documento di identità in corso di validità ai fini della verifica di corrispondenza dei dati anagrafici presenti nel documento con quelli visualizzati dall’App.

Fonti: dgc.gov.it, Open, HDBlog.

Articoli correlati

Simone Campisi

Simone Campisi

Sai che non sai?

Condividi