Dr Commodore
LIVE

Kingdom Hearts 3, nuove informazioni su boss e doppiaggio

Square Enix si esprime su boss e doppiaggio di Kingdom Hearts 3

Il community manager di Square Enix, Sunil Godhani, ha dichiarato ai microfoni di IGN che la software house non ha intenzione di svelare nulla riguardante i boss finali del gioco. Dunque, non avremo informazioni in merito fino al lancio del titolo fissato a gennaio. Egli ha aggiunto che in ogni mondo contenuto in Kingdom Hearts 3 vi sarà uno speciale boss finale da affrontare in campo di battaglia e questi avranno identità nascosta fino al prossimo anno per permettere ai giocatori di scoprire il tutto in prima persona.

Kingdom Hearts 3

Precedentemente a quanto riportato sopra, in un’intervista il game director del gioco, Tetsuya Nomura, ha dichiarato che il Kingdom Hearts 3 sarà doppiato esclusivamente in inglese e giapponese con sottotitoli per tutte le altre lingue. La ragione di tale scelta sarebbe da attribuire a ragioni di tempo e denaro. Il livello di attesa spasmodica per il titolo in questione è troppo alto per ritardare il gioco ulteriormente per favorire l’inclusione di altri doppiaggi, specialmente per chi ha toccato recentemente il gioco alle varie fiere, ultima la Gamescom 2018. Gli sviluppatori si stanno attenendo a una rigida tabella di marcia per garantire che la data di uscita del titolo venga rispettata. Un adattamento delle voci nelle varie lingue con le controparti Disney originali avrebbe preso certamente molto più tempo e denaro di un doppiaggio normale.

Ricordiamo che il gioco uscirà per Playstation 4 e Xbox One il 29 gennaio 2019. Volerete a lucca a provarlo? Cosa ne pensate di queste dichiarazioni? Fatecelo sapere!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Articoli correlati

Mirko Proietti

Mirko Proietti

Videogiocatore dal 1999, all'età di 3 anni la prima esperienza con Mega Drive e PlayStation in contemporanea. Predilige il genere Platform, ma da sempre mantiene una visione a 360 gradi del panorama videoludico. Laureato in comunicazione e orientato allo sviluppo tecnologico, cerca la completezza nella produzione del videogioco, che tende a considerare un'arte vera e propria.

Condividi