Dr Commodore
LIVE

Twitch, Hacker ‘deturpano’ le immagini di alcuni giochi col faccione di Jeff Bezos

Non si tratta di un periodo idilliaco per Twitch. I guai per piattaforma che rientra tra quelle del gruppo Amazon non hanno a che fare ‘solo’ con l’ormai celebre data breach che ha portato alla trafugazione del suo codice sorgente ed alla pubblicazione dei guadagni percepiti dai 10000 streamer più seguiti, ma anche con problemi di natura senz’altro più ilare e leggera.

Durante la scorsa mattinata, infatti, un gruppo di hacker si è divertito a modificare le immagini di copertina di alcuni dei titoli consigliati dalla stessa piattaforma con una foto molto particolare di Jeff Bezos, ex CEO proprio di Amazon. Nel novero dei colpiti anche giochi del calibro di Apex Legends, DOTA 2, Back4Blood e GTA V.

Non è ancora chiaro come sia stato possibile per i ‘teppisti digitali‘ riuscire in un’impresa simile, ma c’è chi imputa la colpa proprio al succitato security breach. E’ probabile che gli Hacker siano stati in grado di sfruttare il leak per entrare in possesso di codici capaci di alterare le immagini di background in maniera semplice e veloce.

Il che ha portato all’inaspettato e comico risultato di ritrovarsi un sorpresissimo Jeff Bezos a guardia del proprio titolo preferito, nonostante possa essere solo l’inizio di inquietanti risvolti in tema alla faccenda della sicurezza in seno a Twitch.

Twitch e la sicurezza

Due precedenti impiegati della piattaforma viola di live-streaming sono stati raggiunti da The Verge in forma anonima, confermando che anche in tempi non sospetti – tra il 2017 ed il 2019 – La sicurezza della piattaforma non era tenuta in grande considerazione da parte del management.

Al centro della diatriba, i così detti Hate-Raid: un fenomeno che porta alcune chat ad essere invase da bot che spammano messaggi di odio, discriminazione e violenza, al fine di penalizzare il malcapitato streamer di turno. Secondo le fonti, la preoccupazione che i raid potessero diventare un vettore in tal senso era già stata suggerita più volte, senza mai riscontrare l’attenzione del gruppo dirigenziale.

Accanto a questo, anche la tendenza all’insabbiamento, con gran parte dei problemi in ordine alla sicurezza che passerebbero sottotraccia e non verrebbero divulgati in pubblico. Cosa ne pensate di questa situazione? Fatecelo sapere con un commento nella sezione dedicata!

FONTE

Articoli correlati

Angelo Basilicata

Angelo Basilicata

Gamer dall'età di 12 anni, cultore (o meglio "cultista") di Hidetaka Miyazaki dal 2009. vive la passione per i Vg da completista ed è un ragazzo semplice: mangia, gioca, ama

Condividi