Dr Commodore
LIVE
The Ascent recensione

The Ascent, la recensione: l’ascesa letterale di Neon Giant

The Ascent è il nuovo sparatutto a visuale isometrica di Neon Giant in esclusiva Microsoft. È finalmente una ventata di aria fresca per il panorama Xbox, ma ne sarà valsa la pena?

The Ascent: un nuovo e originale sparatutto sviluppato da Neon Giant (studio formato da veterani del panorama con curriculum del calibro di  Bulletstorm, Far Cry 3, Gears of War, Wolfenstein e Doom) con visuale isometrica. È questa l’esclusiva Microsoft che ci stavamo aspettando? Forse no, ma proprio per questo motivo i creatori sono riusciti a non far inabissare il progetto nell’hype, portando alle nostre mani un prodotto davvero particolare

In questo shooter twin-stick controlleremo un semplice lavoratore, schiavizzato dall’azienda che possiede noi e tutti gli altri nel distretto. Siamo in grado di portare a termine i nostri compiti, non importa quanto difficili essi siano, ma un giorno, mentre si viene assegnati ad un incarico di routine in cui fare uso delle nostre uniche abilità con un cyberdeck, ci ritroveremo improvvisamente risucchiati in un vortice di eventi catastrofici.

La più grande mega corporation del pianeta si spegne per ragioni a noi sconosciute, causando il blocco totale dei sistemi di sicurezza automatizzati. La sopravvivenza del distretto è minacciata: le aziende rivali stanno cercando di fare man bassa di tutte le proprietà e le società di crimine organizzato stanno cercando di espandere il loro mercato nero. È necessario imbracciare le armi per impedire tutto questo e scoprire l’oscuro motivo per cui The Ascent (nome del gioco e del gruppo ndr.) è stato portato all’oblio.

I segreti di Twin Sticks

The Ascent rientra nella categoria degli sparatutto twin-stick, un genere evolutosi dall’hack & slash che ha dato i natali a perle come  i classici Hotline Miami o Super Cane Magic Zero con però delle aggiunte RPG con cui potenziare le nostre skill e le nostre armi in puro stile Cyberpunk (si, proprio il gioco da tavolo che ha ispirato CDprojectRed). Ci si può sbizzarrire fra potenziamenti alla salute, velocità di ricarica, e altri elementi che influiscono sul gameplay tranne che per l‘armatura che da la sensazione di non essere molto impattante sulle nostre battaglie.

Ci sono piaciute alcune soluzioni di gameplay viste raramente ma ci è sembrato che alcune di queste aggiunte non siano state rifinite o pensate in modo perfetto, come ad esempio è presente la possibilità di mirare più in alto e colpire nemici che stanno scendendo delle scale con la semplice pressione del tasto LT, ma non è in nessun modo possibile sparare a dei nemici che le stanno salendo finchè non ci ritroveremo per forza di cose a pochi metri di distanza, dove l'”auto aim” da una mano importante.

Fortunatamente però, nonostante il gioco sia abbastanza ripetitivo (ci si ritrova a seguire sempre lo stesso ciclo di Spara-Schiva-Spara-Uccidi) riesce ad essere molto divertente, e anche grazie agli obiettivi secondari difficilmente ci si annoierà giocando. Tutto sommato il difetto più grande che il titolo presenta è la navigazione del menù parecchio frustrante, visto che con il solo movimento dello stick sinistro ci si ritrova a cambiare sezioni, sotto menù e praticamente tutte le impostazioni del mondo prima di potersene rendere conto.

Squadra che vince non si cambia, forse

The Ascent è un titolo che punta moltissimo alla componente multiplayer, comprendendo ben 2 modalità diverse (purtroppo nessuna delle quali PVP) con cui divertirsi in compagnia di amici o sconosciuti completando le missioni della campagna cominciata in singolo giocatore, o cominciando una nuova storia.

La prima modalità è la mai troppo dimenticata modalità “split screen”, in cui ci si collega sullo stesso dispositivo stando comodamente seduti sullo stesso divano magari insultandosi a vicenda dal vivo con la propria squadra  (che può arrivare ad un totale di 4 membri) invece che solo tramite voice chat.

L’altra invece è la più classica multiplayer Online,in cui si è liberi di invitare i propri amici o ospitare/partecipare ad una sessione “aperta” dove si sarà matchati con giocatori casuali da qualsiasi parte del mondo (insomma, sapete anche come funziona un matchmaking online ndr.). Il gioco supporta totalmente il Cross-Gen, visto che è uscito sia su Xbox One che su Xbox Series X|S e il cross-play fra PC e Console ma non è presenta la funzionalità di cross-save.

Purtroppo ci siamo resi conto che l’esperienza anche qui dà l’impressione di non essere stata rifinita perfettamente, in quanto abbiamo trovato diversi bug e glitch, specialmente nelle modalità multi-giocatore.

Il gioco è disponibile solo dal 29 Luglio 2021, ma la community che si è formata ha fornito una serie di segnalazioni agli sviluppatori di Neon Giant che però hanno dichiarato che

gli elementi menzionati sono nella nostra lista di problemi noti e stiamo lavorando attivamente sulle correzioni. Non siamo in grado di fornire una timeline, ma siamo pienamente impegnati a fixare e migliorare tutti questi elementi. Cercheremo di farvi sapere una volta che avremo maggiori dettagli.

Gli errori di The Ascent spaziano dall’impossibilità di giocare online al mancato riconoscimento degli input o addirittura perdite di dati e progressi raggiunti in co-op. Insomma, una serie di fastidiosi errori, che speriamo vengano risolti nel minor tempo possibile, dato che l’esperienza di perdere i propri progressi per qualcuno potrebbe anche significare l’abbandono prematuro del titolo.

Più che tattica, qui è tutta tecnica

The Ascent ha un comparto tecnico invidiabile per un gioco del suo genere, con colori vivi e al neon (come l’ideale cyberpunk ci ha insegnato) uniti a texture in HD e addirittura il Ray Tracing (non su console ndr.) anche grazie all’ormai supercollaudato ma sempre meraviglioso Unreal Engine 4

La qualità grafica è davvero encomiabile, anche grazie ad un pizzico di distruttibilità ambientale e una marcata contrapposizione fra ambienti oscuri e cupi con le luci delle insegne e degli spari, che danno davvero un’ottimo colpo d’occhio e una qualità percepita davvero elevata, pur essendo un isometrico con visuale dall’alto. Sulla nostra configurazione di test (Solita con i5-4670k 4.2Ghz, AMD Radeon R9 390 8GB e 16GB di RAM) si riesce a far girare il titolo al massimo con un frame rate stabilizzato sui 60 fotogrammi al secondo

Qui invece la mancanza più grande è quella della lingua italiana. non solo non è presente un doppiaggio nella nostra lingua (e onestamente da uno studio formato da solo 11 persone come Neon Giant ce lo saremmo pure aspettato) ma ci fa storcere il naso il fatto che nonostante la quantità di risorse in Microsoft, sia assente qualsivoglia tipo di localizzazione, come testi, menù, dialoghi, impostazioni e tutto il resto, precludendo il titolo a chi magari non mastica molto le lingue anglosassoni.

Certo, voi direte (come è già successo su CZ) “nel 2021 se non conosci l’inglese sei *insulti vari*“, ma vi svelo un piccolo segreto: dubito fortemente che qualcuno decida di imparare una nuova lingua solo per giocare a The Ascent, e sarebbe stato molto meglio se fosse il gioco ad adattarsi al giocatore, non viceversa.

Coppia di stick, poker di amici e la partita è servita.

The Ascent alla fine dei conti è un gioco divertente, afflitto da qualche errore ma che promette e permette di giocare assieme a 3 amici per fare fuori qualsiasi cosa ci si pari davanti. Certo, gli errori sono abbastanza fastidiosi, ma i dati di vendita spaventosi (nonostante la presenza all’interno di Xbox Gamepass) mostrano che la passione spesso viene anche ripagata, nonostante qualche piccola defiance. Vale la pena di essere provato ed apprezzato solo per la passione delle 11 menti dietro questo progetto, e poi tutto ciò che c’è di buono è tutto valore aggiunto.

The Ascent è action isometrico sviluppato dallo studio svedese Neon Giant e pubblicato da Curve Digital.  L’uscita era fissata  il 29 luglio 2021 esclusivamente per Microsoft Windows (PC), Xbox One e Xbox Series X|S.

The Ascent

Voto - 7.5

7.5

/10

The Ascent è il nuovo sparatutto a visuale isometrica di Neon Giant in esclusiva Microsoft. Disponibile per Xbox e PC Windows dal 29 Luglio 2021, anche su Xbox Game Pass

User Rating: 1.79 ( 2 votes)

Articoli correlati

Gennaro Lazzizzera

Gennaro Lazzizzera

Nato (quasi) con la prima xbox in mano. il mio primo videogame è stato The Getaway per PS2 ed è stato letteralmente amore a prima vista (mai vista una alfa romeo in un videogioco prima di allora). Appassionato di videogiochi ma anche di Informatica, Tecnologia e Meccanica

Condividi