fbpx
News Tech

Libra perde (quasi) tutti i suoi maggiori partner

Libra, progetto nato per creare la cripto-valuta di Facebook, di nome “Globalcoin, fortemente voluta da Zuckerberg per rendere accessibile a tutti la possibilità di fare transazioni bancarie online senza anche avere un conto proprio, pare non abbia buone chance di vedere la luce.

Paypal abbandona per prima il progetto…

Il noto colosso finanziario online, ha deciso di abbandonare il progetto rilasciando questo comunicato:

Paypal ha deciso di rinunciare alla partecipazione dell’Associazione Libra per continuare a focalizzarsi sulla sua missione e sulle sue priorità aziendali mentre ci sforziamo di democratizzare l’accesso ai servizi finanziari a tutte quelle popolazioni prive di tali servizi. Restiamo a sostegno delle aspirazioni di Libra e non vediamo l’ora di continuare il dialogo su come collaborare insieme in futuro. Facebook è un partner strategico e stimato di lunga data e per PayPal continueremo, quindi, a collaborare e supportare Facebook a vari livelli.”

…seguita da molti altri partner

Se in un primo momento con l’abbandono di Paypal la nascita della cripto-valuta sembrava difficile, ora con il “follow-up” dei maggiori partner finanziari pare quasi impossibile. Mastercard, Visa, Ebay, Stripe e Mercado Pago hanno deciso di abbandonare il progetto dando così un durissimo colpo finanziario a livello globale.

Visa in un comunicato ha dichiarato:

Visa ha deciso di non aderire all’Associazione Libra, almeno per il momento. Continueremo a valutare numerosi fattori tra cui, tra cui quello di soddisfare le varie normative richieste, quindi prenderemo la nostra decisione finale”

Ebay e Stripe pure hanno seguito l’esempio delle altre compagnie, comunicando ufficialmente i motivi dietro il loro abbandono:

Rispettiamo fortemente la visione dell’Associazione Libra. Tuttavia, eBay ha deciso di non andare avanti come membro fondatore. Al momento, siamo concentrati sulla diffusione dell’esperienza di pagamenti gestiti da eBay per i nostri clienti “.

Stripe sostiene progetti che mirano a rendere il commercio online più accessibile per le persone di tutto il mondo. Libra ha questo potenziale. Seguiremo da vicino i suoi progressi e resteremo aperti a lavorare con l’Associazione Libra in una fase successiva.

Unica non rilasciare nessun tipo di comunicato al momento è Mastercard.

Tutti i partner iniziali del “Progetto Libra”

Il reale motivo dell’abbandono

Uno dei reali motivi dell’abbandono da parte dei colossi finanziari, a quanto risulterebbe, sono state le varie pressioni da parte di alcuni esponenti politici americani. In particolare i due senatori americani Brian Schatz e Sherrod Brown, che in una lettera hanno esortato i colossi a ripensare alla partecipazione a questo progetto. Il reale rischio di facilitare attività di criminali e terroristi avrebbe di fatto potuto mettere a rischio tutto il mondo finanziario.

Nella lettera, inoltre, i due senatori “suggerivano” alle compagnie prima citate un maggior numero di controlli, non solo per il progetto Libra ma anche per tutti i loro affari e qualsiasi tipo di transazione.

La risposta di Facebook

Facebook, per voce del capo delle politiche del progetto Libra, Dante Disparte ha ringraziato le varie aziende che supportano la missione di Libra, nonostante l’enorme pressione per non far nascere questo progetto. Inoltre David Marcus, presidente dell’associazione Libra, ha dichiarato che il ritiro di Mastercard e Paypal è solo temporaneo, in attesa della “chiarezza normativa” di Libra.

In attesa di ulteriori sviluppi, al momento la strada per la cripto-valuta di Facebook pare tutt’altro che semplice. Vi terremo aggiornati. Stay Tuned.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

 

 

Facebook Comments