Dr Commodore
LIVE

Monster Hunter World, per i 60 fps serve un PC mostruoso

Requisiti mostruosi per ottenere il meglio da Monster Hunter World su PC

Monster Hunter World sta per approdare su PC e alcune testate hanno avuto modo di armeggiare con le impostazioni grafiche. Nello specifico, ciò che è emerso dalla prova del noto blog di PC Gaming ‘Rock Paper Shotgun’, è che il frame rate non è bloccato a 30 fps come per le console casalinghe ma bensì senza tetto, quindi se si dispone di un monitor con un refresh rate elevato è possibile sfruttarne tutto il potenziale in termini di fps.

La nota dolente è che il gioco risulta pesante da gestire e serviranno almeno due schede video per eseguirlo al massimo delle proprie prestazioni. È probabilmente più pesante di Final Fantasy XV; Capcom ha dichiarato che per ottenere i 30 fps fissi a una risoluzione di 1920×1080 è necessaria almeno una Nvidia GeForce GTX 1060. Vediamo dunque nel dettaglio le dichiarazioni relative ai test eseguiti da una Nvidia GeForce GTX 1070 Ti sul gioco in questione.

Queste sono le specifiche minime del gioco:

OS: Windows 7 – 10 (64-bit required)
Processor: Intel Core i5-4460 / AMD FX-6300
Memory: 8 GB RAM
Graphics: Nvidia GeForce GTX 760 / AMD Radeon R7 260X (VRAM 2GB)

I requisiti raccomandati da Capcom per i 30 fps a 1920×1080:

OS: Windows 7 – 10 (64-bit required)
Processor: Intel Core i7-3770 or Intel Core i3-8350 4GHz / AMD Ryzen 5 1500X
Memory: 8 GB RAM
Graphics: Nvidia GeForce GTX 1060 (3GB) / AMD Radeon RX 570X (4GB)

Monster Hunter World

La prova del blog ‘Rock Paper Shotgun

Al primo accesso al menù “opzioni” la risoluzione è risultata impostata alla più elevata: 2440×1440; uccidendo mostri piccoli intorno alla prima zona, gli fps arrivavano a 60 senza alcun problema. Successivamente ci si è accorti della risoluzione dinamica attivata la quale non può essere disattivata. Questo impedisce una lettura corretta delle vere prestazioni delle singole schede su Monster hunter World e quando è stata impostata una risoluzione prioritaria, il frame rate ha iniziato a scendere a 40. Nonostante questo, il gioco procedeva bene anche se per chi è abituato ai 60 non è molto piacevole. Fortunatamente con alcuni aggiustamenti qua e là e disattivando completamente l’anti-aliasing, gli fps si sono alzati a 45-50.

Se si possiede una Nvidia GeForce GTX 1080 le cose non andranno molto meglio: è stata effettuata una seconda prova a  2440×1440 con la suddetta scheda e sono stati riportati gli stessi problemi. Considerando che queste sono le migliori schede video acquistabili al momento sul mercato il risultato non è dei più brillanti.

Passando da frame rate “Sbloccato” a “Alto” non ci sono state migliorie significanti. Si è raggiunto un massimo di 50 frame al secondo nella gigantesca città-hub del gioco, e 40-45 in mezzo alla natura. Nei momenti dove non ci sono stati molti su schermo, il frame rate è aumentato fino a 60, ma in un gioco come MHW è piuttosto raro. L’impostazione “Media” è risultata la migliore per ottenere dei 60 fps fissi e puliti – ma anche con un monitor a 144Hz, usato per la prova, si sono ottenuti circa 65-67 fps, e tutto questo solo a 1920×1080. Persino Final Fantasy XV produsse  risultati migliori di questo a 1080p, quindi non è proprio una situazione comoda per chi non ha ancora una scheda della serie GTX 10-. Seguiranno dei test nelle settimane successive con schede video leggermente più datate, come la GTX 970 la Radeon R9 270.

Ricordiamo che il gioco è in uscita su PC il 9 agosto 2018, mentre è già disponibile per PlayStation 4 e Xbox One. Lo comprerete su PC? Le vostre macchine sono pronte per il lancio? Fatecelo Sapere!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Articoli correlati

Mirko Proietti

Mirko Proietti

Videogiocatore dal 1999, all'età di 3 anni la prima esperienza con Mega Drive e PlayStation in contemporanea. Predilige il genere Platform, ma da sempre mantiene una visione a 360 gradi del panorama videoludico. Laureato in comunicazione e orientato allo sviluppo tecnologico, cerca la completezza nella produzione del videogioco, che tende a considerare un'arte vera e propria.

Condividi