fbpx
Breaking News News

PUBG, il CEO della compagnia vorrebbe vedere PlayerUnknown’s Battlegrounds in altri media

PUBG

PUBG al cinema, o il libreria? Il CEO è di quest’avviso, a quanto pare

PlayerUnknown’s Battleground, da semplice mod è diventato un fenomeno mediatico di proporzioni epiche. Con il raggiungimento dei 3 milioni di utenti attivi contemporaneamente su Steam, PUBG sembra non voler arrestare la sua corsa. Nemmeno il CEO di PUBG Corp – Chang Han Kim – pare volersi fermare.

“Vogliamo essere coinvolti  in diverse industrie, quali eSports, film, serie televisive, cartoni animati e altro ancora”

Ha dichiarato ad un’intervista ad InvenGlobal. Il CEO ha anche riferito di aver ricevuto proposte di collaborazione da parte di produttori di Hollywood e da Netflix.

“Il nostro obiettivo è costruire una nuova cultura, fatta di videogiochi, attraverso diversi canali”

Nella medesima sede, Kim ha ammesso che il team non stia puntando a premi come il Game Of The Year, riconoscendo che altri titoli sono sicuramente più meritevoli di PUBG. In ogni caso, PUBG Corp ha tra le mani un fenomeno da 30 milioni di utenti. In queste condizioni, chiunque farebbe un pensierino di espansione.

Ricordate com’è andata a finire con EA?

Restate su DrCommodore e seguiteci sulla nostra pagina Facebook!

Facebook Comments

Samuele Sanesi

Giocatore da sempre, Game Designer come stile di vita. Caporedattore nel tempo libero (a volte anche in quello occupato). Mangio salutare e bevo tanta acqua, perché i videogiochi tra settanta anni non si giocheranno da soli. Ho predilezione per ogni forma di intrattenimento ludico. Amo la mia città, le tradizioni Italiane e la mia famiglia. Uno dei miei hobby è la critica del Tiramisù. Ho visto navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione.