fbpx
Nintendo

Schermo e Cover – Guida agli accessori per Nintendo Switch!

Nintendo Switch
Ecco la nostra guida agli accessori per Nintendo Switch!

DrCommodore  ha realizzato la guida che ti permetterà di scegliere con saggezza gli accessori per la tua console Nintendo Switch!

a cura di Samuele Sanesi

Se hai cliccato su questo articolo, sicuramente hai la tua Nintendo Switch in mano e tante domande: Quali accessori devo comprare per la mia console? Quali sono necessari per metterla in sicurezza? Quali possono migliorare la mia esperienza di gioco? O semplicemente ti stai domandando quali accessori possano toglierti uno sfizio. In questa rubrica settimanale vengono analizzate le tue esigenza, al fine di offrirti la guida più chiara possibile.

In prima battuta trattiamo la protezione totale dei punti a rischio della console, nei prossimi appuntamenti il resto.

Come proteggere lo schermo di Nintendo Switch

Lo schermo della console, seppur di buona costruzione, non è dotato della tecnologia Gorilla Glass, presente sulla maggior parte dei dispositivi touchscreen portatili, la quale rende i pannelli protetti da intaccature e ammaccature, oltre che dai graffi. Sebbene occorra mettersi di impegno per graffiare in modo vistoso lo schermo della console, c’è da dire che il rivestimento di plastica fa sì che la console sia predisposta a collezionare i graffi. Alcuni casi noti sul web, emersi nei primi mesi di vita di Switch, confermano quanto detto, così come i vari crash test danno – ricordiamo che queste pratiche sono di una barbarie unica. Dunque, lo schermo è assolutamente una delle parti da proteggere. Ma come?

I pannelli in vetro temperato fanno al caso nostro

E’ chiaro che in assenza di una tecnologia antigraffio ed antiammaccature, quello che consigliamo è un pannello di vetro temperato, strumento che fornisce protezione in ogni senso. Molti diranno che il vetro temperato riduce la visibilità, ma dipende tutto dalla qualità del prodotto acquistato. Se di buona fattura, problemi del genere non si presentano. Leggete sempre con attenzione l’esperienza degli altri

utenti quando siete alla ricerca di prodotti di questo tipo, dato che non troverete mai conferme o smentite dal venditore. L’utenza, anche quella che si esprime come mangia, è quasi sempre lo specchio della verità.

Nintendo Switch
Un pannello di vetro temperato applicato alla console!

Quanto alla marca da scegliere per il pannello di vetro temperato, ahinoi, non ci sono mai dei nomi che diano garanzie. Ci sentiamo di consigliare quella che il sottoscritto sta usando da mesi: di buona fattura e che non riduce in alcun modo la visibilità. Se vi state chiedendo se la console entri nella dock in presenza di suddetta protezione, la risposta è si, non preoccupatevi.

Il vetro temperato è frantumabile, ma dipende molto dal vostro comportamento

Alcuni di voi diranno che, a fronte di urti violenti, un pannello in vetro temperato possa frantumarsi, e questo è vero. È anche vero che a fronte di urti violenti, con una normale pellicola, lo schermo della console potrebbe risultare rovinosamente danneggiato, tanto da doverlo mandare in assistenza per la sostituzione. Si presume che l’utente sia in grado di gestire una console, di trattarla bene e di saper riconoscere le situazioni in cui potrebbe non essere in sicurezza. Abbiamo testimonianza di ragazzini molto piccoli perfettamente in grado di avere cura del proprio Nintendo Switch: non ci sono scuse, è questione di educazione e rispetto. Se riuscite a far cadere in modo violento e rovinoso la vostra console, vuol dire che prima di giocare avete trastullato un panetto di burro.

Un esempio di vetro temperato in frantumi!

Come proteggere il corpo di Nintendo Switch

Il corpo di Nintendo Switch è di ottima fattura, dai buoni materiali e dalla compattezza unica. È chiaro tuttavia che esistono delle situazioni di pericolo. Escludendo le classiche cadute e gli urti in generale, una parte particolarmente vulnerabile della scocca è la verniciatura opaca. Quest’ultima conferisce una aspetto accattivante alla console, ma è estremamente soggetta al deterioramento causato dall’attrito della Dock e dal sudore delle mani. Un’eventuale abrasione del rivestimento non compromette il funzionamento delle console, ma se siete tipi puntigliosi come il sottoscritto, può comportare fastidio.

Se volete evitare gli sgradevoli graffi che si notano in controluce, o gli aloni lasciati dalle mani, abbiamo individuato e testato per voi alcuni soluzioni.

Cover in silicone, economiche ed efficaci…

La scelta più scontata – non di certo la migliore, dipende tutto dai vostri gusti – sono le cover in silicone, che si possono trovare in varie colorazioni. Esse rappresentano la soluzione più economica. Tutte le cover che trovate in commercio sono fatte in modo tale da proteggere la console dagli urti, da tutte le angolazioni, lasciando le porte di areazioni scoperte ed i tasti ben accessibili. Non ci sono marche di riferimento: è un tipo di prodotto che non ha particolari requisiti di realizzazione, e spesso i distributori si rifanno alle medesime fabbriche.

Ecco dei Joy-Con con cover in silicone. Anche le levette sono protette!

Le cover in silicone sono ottime anche per la protezione dei Joy-Con e delle levette analogiche. Ne asistono alcune bombate, le quali aumentano notevolmente la presa per i palmi più grandi. Per chi vuole il massimo della presa del pollice sulle levette, delle coperture in silicone sono la scelta migliore. Oltre ad aumentare la presa, aumenta anche la superficie utile. Occorre specificare inoltre che con una cover di questo tipo, la console è protetta, ma non entra nella dock. Grande punto a sfavore per chi fa utilizzo della dock originale Nintendo.

… Ma occhio all’aderenza!

Nell’acquisto di una cover in silicone, dovete fare attenzione ad una brutta trappola: l’aderenza alla scocca. Molte di quelle che si trovano in commercio sono troppo larghe rispetto alla console, o sono fatte di un silicone troppo lasso per garantire una presa salda. I continui spostamenti della cover rendono oltremodo scomoda l’esperienza di gioco. Come consuetudine, suggeriamo di verificare le recensioni degli altri utenti, per assicurarvi che il prodotto non faccia scherzi al momento della applicazione.

Nintendo Switch
Le cover in silicone per Joy-Con aumentano la presa per i palmi più grandi!

Le cover a libro, un po’ stranianti ma di certo sicure

Una soluzione più elegante, il compromesso migliore a nostro avviso – nonché impiegata in pianta stabile dal sottoscritto – è quella della cover a libro. Protezioni di questo tipo si possono trovare in varie colorazioni ed in vari materiali, come pelle, cuoio, ecopelle ed altri tessuti sintetici. Le cover richiudibili di questo tipo offrono una protezione pressoché totale per il corpo della console, sia per quanto riguarda la vernice ché lo schermo, ben protetto dalla chiusura a libro. Tutte quelle che trovate sul web hanno le aperture per l’areazione, per i tasti e per le porte. Molte di quelle che si trovano sul mercato dispongono di più gradi di inclinazione, ma del sostegno per il gaming su tavolo parleremo in un prossimo appuntamento.

Nintendo Switch
Ecco un esempio di cover a libro, con tanto di gradi di inclinazione!

Libro sia, ma con qualche accorgimento

È chiaro che la soluzione potrebbe essere straniante, poiché la console tende a somigliare ad un grosso gelato-biscotto. Vi assicuriamo che abituarsi è facile, e che questa è la migliore scelta se si vuole bene alle propria console. Nella scelta di una cover di questo tipo, fate ben attenzione che sia presente un magnete che permetta di sostenere la faccia che altrimenti rimarrebbe appesa, poiché potrebbe risultare fastidiosa. Unico contro, quello che caratterizza tutte le cover, è il fatto che anche questo tipo non permetta alla console di entrare nella dock originale.

In un prossimo appuntamento, spiegheremo come ovviare a questo problema sia per chi non vuole invalidare la garanzia, sia per i più smanettoni.

Restate su DrCommodore per altre guide, news e recensioni!

 

Facebook Comments

Samuele Sanesi

Giocatore da sempre, Game Designer come stile di vita. Caporedattore nel tempo libero (a volte anche in quello occupato). Mangio salutare e bevo tanta acqua, perché i videogiochi tra settanta anni non si giocheranno da soli. Ho predilezione per ogni forma di intrattenimento ludico. Amo la mia città, le tradizioni Italiane e la mia famiglia. Uno dei miei hobby è la critica del Tiramisù. Ho visto navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione.