fbpx
Nintendo Recensioni

Pokémon USUM – L’Ultimocanto di Pokémon su 3DS

Ecco la nostra recensione di Pokémon Ultrasole & Ultraluna!

Ecco la nostra recensione di Pokémon Ultrasole & Ultraluna!

a cura di Samuele Sanesi

USUM segnano la fine della serie Pokémon su 3DS. La serie principale sembra essere destinata a spostarsi su Nintendo Switch, la neonata console ibrida che si accinge a compiere il primo anno di vita. 3DS, l’ultima portatile della casa nipponica ha ben più anni sulle spalle: nel periodo in cui Switch spegnerà la sua prima candelina, l’ultima iterazione delle console Nintendo a doppio schermo compirà 7 anni sul mercato. Sono stati anni scanditi da successi, scivoloni e che hanno saputo regalarci emozioni a prescindere da numeri e prestazioni.

Non c’è mossa Pokémon migliore per descrivere la fine di un’era: Ultimocanto. Questa mossa manda KO, con un conto alla rovescia di 4 turni (compreso quello di utilizzo), ogni Pokémon nel campo di battaglia. Quattro turni, come i quattro anni che ci separano dall’arrivo dei Pokémon in tre dimensioni nel 2013, con i due splendidi X & Y diretti da Junichi Masuda.

I “reprise” – una tradizione di Gamefreak

Pokémon USUM
Ecco alcuni capitoli “reprise” di Pokémon!

Gamefreak da sempre si riserva la possibilità di alzare il tiro con dei capitoli di ripresa. Cristallo per la Seconda Generazione, Smeraldo per la Terza e Platino per la Quarta.

Stiamo parlando di veri e propri reprise, che approfondiscono aspetti precisi dei capitoli di partenza e ne mescolano gli aspetti migliori in una sola cartuccia. Menzione speciale va a Bianco 2 & Nero 2, appartenenti alla Quinta Generazione Pokémon. Questi ultimi sono dei veri e propri sequel dei loro predecessori, forse il punto più alto in termini di qualità, maturità e completezza della serie.

Da Sole & Luna a Ultrasole & Ultraluna

L’anno scorso abbiamo passato il tempo giocando a Pokémon Sole & Luna, i quali ci hanno portato nella colorata regione di Alola, che hanno introdotto tante novità, nonché dubbi per quanto riguarda l’aspetto prettamente narrativo. Accanto a qualche difetto, come un‘ottimizzazione da rivedere ed un end game particolarmente scarno, Sole & Luna presentavano diverse lacune che impedivano una visione completa dello scenario narrativo.

Pokémon USUM
Ecco la mappa di Alola di Pokémon USUM!

Con Pokémon USUM siamo di fronte ad un caso ancora diverso: Gamefreak vuole portarci una dimensione alternativa, in cui gli eventi visti in Pokémon Sole & Luna avvengono con un time shift, e in cui nuovi personaggi, nuove Ultracreature ed una nuova minaccia arrivano nella regione di Alola.

Vediamo dunque se Gamefreak ha alzato sufficientemente il tiro ed analizziamo punti di forza e punti deboli di questa chiusura del sipario in attesa di Pokémon su Nintendo Switch!

SPOILER ALERT!

Parlare di Pokémon senza rovinare la sorpresa a chi deve ancora metterci le mani? Impossibile. Ogni creatura ha la sua caratterizzazione, ogni città le sue tradizioni. Capite dunque che ogni elemento nei giochi di questo straordinario brand è a rischio spoiler. Da qui in poi, siete consapevoli di ciò a cui andate incontro. Buona lettura e GOTTA CATCH ‘EM ALL!

“You spin me right round…” – Come girano Pokémon US & UL?

La recensione è divisa in due, per due target diversi: chi ha giocato a Pokémon Sole & Luna e chi si avvicina all’ultima generazione con Ultrasole & Ultraluna. In prima battuta affrontiamo un aspetto di interesse comune: l’ottimizzazione.

Il frame rate è Ok

Pokémon USUM
Benvenuti ad Alola!

Rispetto a quanto visto con i precedenti capitoli in 3D della serie Pokémon i quali, chi più chi meno, hanno sempre avuto qualche problemino per quanto riguarda il frame rate, Ultrasole & Ultraluna si presentano piuttosto rinfrescati. Quei brutti cali di fotogrammi al secondo che si notavano un po’ troppo spesso in Sole & Luna – durante le lotte, nonché in alcune aree di Alola – sono diminuiti considerevolmente.

Nel nostro lungo test ne abbiamo riscontrati davvero pochi e relegati ad aree particolarmente piene di dettagli a schermo e nei momenti più concitati delle battaglie – con alcune mosse Z, le lotte in doppio e la modalità foto. Nonostante gli anni che 3DS (e famiglia) si porta sulle spalle, Gamefreak è riuscita a spremere ancora meglio le risorse hardware disponibili: Pokémon USUL girano bene, dando pace anche agli utenti più suscettibili.

Aggiunte gradite

Pokémon USUM!
Un Wingull che vola sull’isola di MELE MELE!
Da notare che c’è stato un miglioramento per quanto riguardano le presenze a schermo, sicuramente dovuto alla maggiore padronanza dell’hardware da parte degli sviluppatori: in diverse aree della regione – oltre i bordi non transitabili dei percorsi e su in cielo – è possibile notare dei Pokémon nel loro habitat.

Avremmo voluto questa caratteristica più presente nel gioco, ma purtroppo dobbiamo accontentarci di vederla a schermo solo in alcune aree. Colpiscono fin da subito i Wingull ed in Murkrow in volo nel cielo sopra l’isola di Mele Mele, o gli sporadici Magmar a spasso sulle pendici del Vulcano di Akala.

USUL – Due ottimi giochi per chi non ha ancora giocato alla settima generazione di Pokémon

Che tu sia un genitore che deve fare un bel regalo da vivere assieme al proprio bambino o un giocatore che vuole avvicinarsi al brand, Ultrasole & Ultraluna sono dei giochi che consigliamo senza ombra di dubbio.

Pokémon e i suoi valori

Pokémon USUM
Amicizia, coraggio, onore!

Ogni gioco di Pokémon è molto stratificato e ciò lo rende adatto ad ogni tipo di giocatore. La molteplicità di obiettivi e di mezzi rendono i giochi della serie dei veri punti di incontro tra grandi e piccini, riuniti sotto dei bellissimi valori comuni: Amicizia, Fratellanza, Amore, Rispetto, Famiglia, Onore. Ogni titolo del brand rappresenta una vera e propria esperienza educativa, col device narrativo del viaggio di formazione.

Cosa sono i Pokémon?

Ormai chiunque ha sentito parlare almeno una volta di Pokémon, ma rinfreschiamoci comunque la memoria.
I Pokémon sono delle creature ispirate ad animali del mondo reale, oltre ché ad oggetti particolari o esseri di diverse mitologie. Ogni Pokémon ha il suo nome, il suo aspetto, i suoi colori e il suo background.

Pokémon USUM
Benvenuto nel mondo dei Pokémon!

Ogni Pokémon ha uno o due tipi, tra cui Terra, Acqua, Fuoco, Erba, Drago, Psico e molti altri. Questi tipi determinano i punti di forza e le debolezze, nonché le tipologie di mosse che un Pokémon può apprendere. Molti Pokémon possono evolversi, mutando il loro aspetto e le proprie statistiche. Esistono dei Pokémon leggendari, delle creature di estrema forza e rarità che creano un alone mitico attorno ai giochi. Molti di essi sono anche importanti ai fini narrativi. Tra evoluzioni e leggendari esistono circa 800 specie di Pokémon. Naturalmente il discorso è molto stringato e meriterebbe molto più approfondimento, ma non possiamo dilungarci: parliamo di Ultrasole & Ultraluna.

Benvenuti nella regione di Alola

In questi ultimi giochi il nostro alter ego arriva ad Alola dopo un lungo viaggio dalla sua terra natia. Fin da subito possiamo ammirare le pacate e colorate ambientazione della regione, ispirata alle isole Hawaii.

Un breve incipit narrativo, che prepara il terreno per degli incontri che avvengono durante la trama, anticipa l’inzio del nostro viaggio. Dopo pochi minuti di gioco, il Professor Kukui – esperto di Pokémon della regione di Alola – ci consegna il nostro primo Pokémon a scelta tra i graziosi Rowlet, Litten e Popplio. Rispettivamente di tipo Erba, Fuoco ed Acqua.

Pokémon USUM
Alola, una regione ricca di cultura e tradizione tutta da scoprire!

Il nostro obiettivo è uno: dimostrare il nostro valore compiendo Il Giro delle Isole, che consiste in prove di vario tipo – basate su indovinelli e lotte – , una per ogni isola della regione. Le isole sono quattro – Mele Mele, Akala, Ula Ula e Poni – ciascuna con i suoi elementi tipici come le musiche, i colori, le architetture, le tradizioni ed i Pokémon che si possono trovare in natura. Questo obiettivo ci guida nell’esplorazione delle diverse isole, che si sviluppa parallelamente all’intreccio narrativo.

Lylia, una misteriosa ragazza, porta nella propria borsa un misterioso Pokémon mai visto prima. Il nostro incontro con questa giovane donna ci trascina nel cuore di una vicenda che si sviluppa addirittura in dimensioni diverse, tra personaggi carismatici, malvagi da fermare, creature appartenenti ad altri mondi ed una minaccia che mette a repentaglio l’intera esistenza.

 Lotte, amicizia ed esperienza

La nostra squadra di Pokémon può raggiungere un massimo di 6, catturabili in vari habitat esplorando l’erba alta, gli specchi d’acqua, il mare o le grotte. I Pokémon si catturano con le Pokéball, delle particolari sfere tascabili. Esse esistono di diverso tipo, di maggiore o minore efficacia a seconda delle condizioni di cattura.

Con la nostra squadra di Pokémon siamo chiamati a lottare con altri allenatori lungo il nostro cammino. Le lotte avvengono a turni e si basano sulla compatibilità dei tipi. Ad esempio: una mossa di tipo Acqua è particolarmente efficace su un Pokémon di tipo fuoco, mentre una mossa di tipo Terra è inefficace su Pokémon volanti.

In battaglia entra in gioco anche il legame che abbiamo con i nostri Pokémon. Una forte amicizia si palesa con una maggiore intesa durante la lotta, con Pokémon in grado di schivare gli attacchi avversari e di resistere a colpi fatali per fare bella figura con il proprio allenatore.

Pokémon USUM
La funzione Poké Relax, per coccolare, curare e nutrire i propri Pokémon!
Il rapporto di amicizia con i propri Pokémon si coltiva attraverso la funzione “Poké Relax”. Quest’ultima permette di coccolare le proprie creature tramite il touch screen, dare loro da mangiare e curarne le alterazioni di stato. Essi infatti possono rimanere Avvelenati, Scottati, Congelati, Addormentati o Paralizzati da particolari mosse avversarie in battaglia.

 

Ad ogni vittoria i Pokémon guadagnano esperienza e possono salire di livello. I livelli vanno da 1 a 100, e determinano gli stadi evolutivi oltre ad essere l’indice più palese della forza di una creatura.

Gli scambi e la socialità, essenza di Pokémon

Pokémon USUM
Socializzare è un aspetto importante di Pokémon!

I giochi di Pokémon si basano anche sulla possibilità di scambiare le proprie creature con quelle degli altri, sia con due console nella stessa stanza che online. Scambiare i Pokémon può servire al completamento del Pokédex: una enciclopedia digitale di tutte le specie esistenti. Le due versioni – Ultrasole & Ultraluna – presentano infatti Pokémon esclusivi, che devono essere per forza di cose scambiati al fine di arricchire il proprio Pokédex.

Lo scambio è uno strumento bellissimo per socializzare e per allungare un’esperienza di gioco di per sé longeva.

Non solo, due giocatori possono anche lottare uno contro l’altro per provare chi è il miglior allenatore. Lo lotta, come per gli scambi, può avvenire sia in locale ché online. Immaginate gruppi di utenti divertirsi insieme, connessi ciascuno con la propria console, a scambiare Pokémon come si scambiano figurine o impegnati in coinvolgenti sfide tra due o più giocatori. Magico.

Qualche peccatuccio, ma niente di imperdonabile

I giochi non sono esenti da difetti. Molti di questi vengono fuori in rapporto ai precedenti Pokémon Sole & Luna , dunque in parte verranno trattati nel capitolo secondo della recensione.

Camera balorda

Senza mezzi termini: i cambi di inquadratura spesso sono fastidiosi. Interessante l’impostazione cinematografica della visuale, che si sposta per far notare dettagli precisi nelle ambientazioni, ma i raccordi non seguono regole precise, cambiando angolazioni senza una logica, dando un fastidioso effetto alla vista. In alcuni casi ci è addirittura parso di avvertire dei cambi di tonalità dei colori al cambio di inquadratura, segno che il sistema di illuminazione presenta falle notevoli. Niente che comprometta la giocabilità.

Un livello di sfida particolarmente basso

Pokémon USUM
Ecco i Pokèmon starter!
Un altro difettuccio consiste nell’intensità delle lotte con gli allenatori a giro per i percorsi: per i giocatori più navigati, capaci fin da subito di intendere la meccanica dei combattimenti, certe lotte sono davvero semplici.

La maggior parte degli allenatori non offre un livello di sfida particolarmente appagante. Le squadre avversarie, fatta eccezione per alcuni personaggi di rilievo nella trama, non hanno mai più di tre Pokémon.

Tenendo attivo il “Condividi Esperienza” – strumento che permette di allenare simultaneamente più Pokémon tramite la condivisione dell’esperienza guadagnata dai Pokémon in lotta – la propria squadra cresce esponenzialmente di potenza, andando spesso molto sopra le capacità degli allenatori che si incontrano lungo il cammino. Consigliamo dunque, per un’esperienza di gioco più appagante, il NON utilizzo di suddetto strumento.

I giocatori più duri – quelli che bevono birra a colazione e guardando solo film con le esplosioni – troveranno un po’ ingenui i dialoghi del gioco. Niente di troppo edulcorato, ma una buona soluzione per far piacere il gioco a tutti, grandi e piccoli.

Il Giro delle Isole è un po’ troppo facile

Pokémon USUM
Il Giro delle Isole!

Il difetto più notevole, in mezzo a suddetti difetti che segnaliamo per dovere di cronaca, sono le Prove del Giro delle Isole. Quest’ultime sono di una semplicità disarmante e spesso si ha un senso di deja vu, ma fortunatamente si riprendono nelle fasi finali in cui bisogna fare attenzione a impostare la giusta tattica per affrontare la lotta conclusiva. L’esperienza varia naturalmente da giocatore a giocatore. Il Giro delle Isole è approfondito più avanti.

In definitiva?

Come si capisce, il design di gioco è molto profondo ed è costruito per sviluppare attenzione, dedizione ed intelligenza. Grazie ad un linguaggio visivo cristallino si creano delle associazioni mentali tra situazioni e testi che aiutano la comprensione di ciò che avviene a schermo. Per i più piccoli è dunque un ottimo modo per fare pratica con la lettura, dato che tutti i dialoghi avvengono per iscritto.

Ultrasole & Ultraluna sono in grado di garantire decine di ore di divertimento, che variano in base all’approccio al gioco. I tipi più avventurosi trovano pane per i loro denti nell’esplorazione, gli ingordi di trama possono seguire lo scorrimento lineare e gli appassionati di lotte possono darsi a combattimenti online, contro i NPC, in locale e in modalità Battle-Royale.Quest’ultima è una delle novità dell’ultima generazione, che vede quattro allenatori sfidarsi con tre Pokèmon a testa, tutti contro tutti in contemporanea.

Se volete farvi un regalo di Natale, volete regalare al/alla vostro/a bambino/bambina una splendida avventura che ha tanto da insegnare, o semplicemente volete avvicinare un amico o un partner al brand, Ultrasole & Ultraluna rappresentano un modo completo ed efficace per farlo.

USUM – Due giochi che non osano rispetto a Sole & Luna

Questo capitolo della recensione è dedicato a tutti gli appassionati che hanno giocato ai precedenti Pokémon Sole & Luna. Questi ultimi, seppure ottimi e freschi, avevano dei difetti non di poco conto. Il punto di partenza per Ultrasole & Ultraluna era proprio quello: migliorare quanto già visto, oltre ché portare nuovi contenuti.

Per il lato tecnico il miglioramento c’è stato – ed anche qualche aggiunta espressa all’inizio della recensione – ma non si può dire lo stesso per il level design.

Pokémon USUM
Una prova del Giro!

Il tasto dolente sono proprio le prove del Giro delle Isole. La loro struttura era già debole in Pokémon Sole & Luna, con dei semplicissimi indovinelli da risolvere, qualche Pokémon minore da sconfiggere ed il Pokémon Dominante alla fine. Tra di loro si assomigliavano e il cambiamento reale tra una e l’altra era solo del setting.

E’ noto che la scarsa complessità delle prove fosse dovuta a dei tempi di sviluppo particolarmente compressi, dunque sarebbe stato lecito aspettarsi un consistente miglioramento in Ultrasole & Ultraluna. La nostra aspettativa, come quella di molti altri utenti, era troppo alta: Pokémon USUM non hanno portato niente di nuovo su quel fronte.

Il lato narrativo è lievemente più solido, ma sempre schizofrenico

La nostra aspettativa era troppo alta anche per tutto il lato narrativo. La debolezza dell’impianto di Sole & Luna era percepibile anche ai meno esperti. Lodevole l’intento di voler dare un taglio cinematografico alla narrazione, ma sono preponderanti i passaggi frettolosi, le sequenze di dialogo estenuanti e le cutscenes.

Si vedeva chiaramente che Gamefreak era appena arrivata nel mondo del “Montaggio videoludico analitico” – passate l’espressione, pace all’anima del vecchio Griffith -, che vede l’alternanza tra scene di intermezzo, realizzate con inquadrature e cadenze tipiche del cinema contemporaneo, e sequenze di gioco.

Ultrasole & Ultraluna si perdono negli stessi errori dei predecessori, portando nelle nostre console una narrazione schizofrenica, a volte rapida, a volte diluita, con cambi continui di tonalità. La rivoluzione narrativa che sarebbe dovuta arrivare con la Settima Generazione, ancora una volta non riesce a spiccare il volo. Ci auguriamo che Pokémon su Switch riuscirà a creare la giusta miscela di gioco e narrazione.

Siamo di fronte una trama mediocre? Tutt’altro! Viene arricchito e rinforzato quanto visto l’anno scorso: personaggi ben caratterizzati, tematiche significative e ritorni memorabili. Non osa, ma non è certo scarsa.

Pokémon USUM
La Valle dei Pikachu!

Simpatica l’aggiunta dell’interazione con i Pokémon nell’overworld, che trova la sua massima espressione nella Valle dei Pikachu – area fondamentalmente inutile (come la feature dopotutto), se non fosse che è legata all’ottenimento del Cristallo Z del Pokémon e ad alcuni vestiti per il personaggio.

Pokémon USUM
Acrobazie in aria con Surf Mantine!

Ancora più simpatico è il Surf a bordo di Mantine, con momenti epici come l’arrivo degli Wailord. Questo è un minigioco che permette di spostarsi tra le isole, invece di un normale caricamento. Spessore in più al gioco che fa solo bene ad un esperienza già buona. Il funzionamento è semplice: con il pad scorrevole si oscilla sull’onda per prendere velocità e quando si è pronti ci si lancia in un grandioso salto verso l’alto. In aria è possibile eseguire acrobazie con precisi movimenti del pad.

Pokémon USUM
Surf Mantine!

Da sottolineare la presenza di diverse missioni secondarie – non catalogate, dovrete tenerne traccia voi – che allungano l’esperienza e talvolta sono utile al lato competitivo dei giochi. Un esempio è la quest dei Ditto, in cui si ha la possibilità di catturare 5 Ditto, ciascuno con caratteristiche diverse, utilissimi per la creazione di Pokémon adatti al competitivo. La nuova feature per il Rotom Pokédex, “Roto ‘n Roll”, permette di ottenere ulteriori oggetti che permettono il potenziamento un grinding più rapido: Esp ‘n Roll, PP ‘n Roll, ecc. I nomi parlano da soli.

Rimanendo in tema, in Pokémon USUM è stata estrapolata la photo mode dal Rotomdex, per farla diventare una modalità a sé stante che sta spopolando tra gli utenti: Alola Photo Club. Oltre a fotografare Pokémon selvatici – come si poteva fare in Sole & Luna – è possibile fotografarsi con i Pokémon della propria squadra.

Pokémon USUM
benvenuti nell’Alola Photo Club!

Nel set fotografico è possibile modificare tanti parametri: sfondo, pokèmon con cui fare la foto, animazione, inquadratura ed infine si possono aggiungere anche stickers ed effetti alla scena. Insomma, entro i limiti della console, quest’anno abbiamo una vera e propria fabbrica di Meme dentro un gioco Pokémon. Cosa chiedere di più?

Naturalmente altre Ultracreature. L’introduzione di queste schegge impazzite con Sole & Luna ha sfaccettato il VGC ed ha stravolto l’intera chiave di lettura dell’universo (o multiverso?) narrativo di Pokémon. A fianco ai memorabili Guzzlord, Xurkitree e Phermosa, con USUM abbiamo nuove Ultracreature, come Viscosus, Structura e Burst.

Purtroppo, anche in USUM, entrati dal parrucchiere, dobbiamo sperare che il taglio di capelli selezionato sia carino: come in Sole & Luna, si paga con la valuta di gioco senza sapere quale sarà il nostro aspetto (Realistico no? Come nella vita vera, raramente saremo contenti del nostro taglio). Cosa inspiegabile, dal momento che sarebbe stato sufficiente riadattare il sistema adottato per la scelta del vestiario, il quale prevede l’anteprima dei capi d’abbigliamento.

Ma naturalmente ci sono diversi aspetti positivi, come il cambio radicale del Monte Lanakila rispetto ai predecessori ed il post game molto più ricco rispetto ai primi capitoli ambientati ad Alola.

Per questo motivo il post game non è trattato al momento della pubblicazione della recensi0ne, ma verrà affrontato prossimamente con un aggiornamento di quest’ultima.

In conclusione…

Pokémon Ultrasole & Ultraluna sono dei must per i possessori delle console della famiglia 3DS & 2DS. Sono una coppia di giochi dalla fattura ottima, con qualche difetto che impedisce ai giochi di smarcarsi a sufficienza dai predecessori: Sole & Luna. L’ottimizzazione è nettamente migliorata, qualche aspetto è stato approfondito e la trama rimpolpata per garantire maggiore solidità narrativa, ma molto meno di quanto la campagna pubblicitaria ci aveva fatto sperare. Per i neofiti, USUM rappresentano un modo per entrare nello splendido mondo dei Pokémon e viverlo in tutta la sua essenza: grandi, piccoli, famiglie e lupi solitari non devono peritarsi dei difetti, la giocabilità è comunque buonissima. Ai prossimi giorni per parlare del post game!

8

 

PRO

CONTRO

Buona ottimizzazione: una Alola ancora più bella

Tante ore di gioco

Un ricco post game

Trama semplice ma con bei messaggi e momenti alti…

… Che tuttavia è pressoché identica a quella di Sole & Luna per le prime 10 ore di gioco

Delle aggiunte senza capo né coda

Camera un po’ balorda

Il Giro delle Isole è facile e pressoché identico a quello di Sole & Luna

 

Restate su DrCommodore per altre recensioni, news ed approfondimenti!

 

 

 

 

Facebook Comments

Samuele Sanesi

Giocatore da sempre, Game Designer come stile di vita. Caporedattore nel tempo libero (a volte anche in quello occupato). Mangio salutare e bevo tanta acqua, perché i videogiochi tra settanta anni non si giocheranno da soli. Ho predilezione per ogni forma di intrattenimento ludico. Amo la mia città, le tradizioni Italiane e la mia famiglia. Uno dei miei hobby è la critica del Tiramisù. Ho visto navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione.