Dr Commodore
LIVE

Vodafone multata dal garante della Privacy per “messaggi incomprensibili dei call center e contratti promozionali indesiderati”

Il Garante della Privacy ha multato Vodafone Italia per 500 mila euro a causa di messaggi incomprensibili dei call center e contatti promozionali indesiderati per spingere i clienti a cambiare operatore telefonico. A essere colpiti da questo fenomeno sono soprattutto gli anziani, e infatti è stata proprio una signora ultraottantenne a segnalare la cosa al Garante.

La signora si è ritrovata di punto in bianco con un contratto a Vodafone, nonostante avesse il contratto con un altro operatore telefonico. L’azienda telefonica si è difesa dicendo che l’anziana aveva contattato volutamente un suo call center albanese per farsi proporre un nuovo contratto, che poi aveva sottoscritto con un vocal order.

Dopo aver ascoltato la registrazione della chiamata, il Garante ha confermato che all’anziana non era stata fornita un’adeguata informativa sul trattamento dei dati, che per di più era stata resa incomprensibile dalla velocità con cui la stessa è stata letta dall’operatore. Anche la lettura del nuovo contratto era stata letta in modo troppo veloce (200 parole al minuto per 6 minuti), risultando incomprensibile anche a più di un ascolto. Ora la società non potrà più trattare i dati dell’anziana reclamante.

Vodafone

Le contestazioni a Vodafone

Oltre alla multa, il garante ha intimano all’azienda telefonica di controllare con attenzione l’operazione dei suoi call center esterni (usati soprattutto per telemarketing) e del trattamento dei dati personali dei clienti e della registrazione vocale dei contratti.

L’associazione contesta inoltre a Vodafone di aver violato i principi di correttezza e trasparenza normalmente previsti da Gdpr riguardo la conclusione di un contratto telefonico. Tra queste violazioni c’è quella dell’acquisizione del consenso dei clienti per finalità di marketing (ad esempio quello della signora sarebbe stato preso il giorno dopo la chiamata effettuata al call center albanese).

Sembra inoltre che la compagni abbia commesso violazioni nel telemarketing anche nei tre anni precedenti, cosa che si ripercuote nella cifra scelta per la multa. Sui 500 mila euro c’è anche un attenuante legata al repentino annullamento del contratto contesto dall signora.

Vodafone

Fonte: Federprivacy.

Leggi anche Meta multata dall’Irlanda per 265 milioni: “Su Facebook non rispettava alcuna privacy”.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi