Dr Commodore
LIVE

Manga: le vendite in Italia sono salite del 520% nel 2021. Ma quali sono i motivi?

Negli ultimi anni abbiamo potuto assistere ad un graduale e costante aumento delle vendite dei manga e della stessa diffusione sociale di questo media tra le varie fasce della popolazione. Da formato considerato minore rispetto a fumetti americani o europei i manga si sono gradualmente imposti come il “genere fumettistico” più venduto nel nostro paese e non solo. Tale fattore era perfettamente comprensibile dal fatto che sempre più spesso troviamo dei manga nelle classifiche dei libri più venduti in Italia settimanalmente: dalle Celebration Edition di One Piece fino ad arrivare a Demon Slayer ed altri, il successo sempre maggiore del formato è diventato sempre più innegabile, mese dopo mese, e grazie a dei dati forniti da AIE (Associazione Italiana Editori) oggi possiamo avere dei dati precisi riguardo l’effettiva crescita del mercato dei manga nel nostro paese.

Grazie alla AIE apprendiamo infatti che la vendita di fumetti nel 2021 è aumentata del 175% rispetto al 2019. Parlando dei specificatamente dei manga la cifra è ancora più straordinaria: abbiamo infatti un aumento delle vendite del 520% rispetto al biennio precedente. Nel 2022 è inoltre previsto un ulteriore aumento rispetto al 2021 in quanto, sempre la AIE, ha dichiarato che nei primi sei mesi del 2022 un libro su 8 venduto è un fumetto, contro l’1 su 10 del 2021.

Passando per stime più specifiche, nel 2021 sono state vendute 11,543 milioni di copie di fumetti per un valore di 100,245 milioni di entrate provenienti dal settore. Di questi 58,3 milioni di euro (il 58,1%) sono manga, i restanti invece sono graphic novel, fumetti americani, strisce e altri formati minori.

manga

Se la crescita del formato è visibile e assodata dai dati che vi abbiamo fino ad ora elencati forse le motivazioni sono ignote a qualcuno, perciò cercheremo di ricostruirle.

Sicuramente uno dei motivi che hanno contribuito è, banalmente, la presenza di edizioni variant o celebrative per le serie più popolari: non è un caso che il primo manga ad avere scalato la classifica dei libri più venduti in Italia sia stato proprio il numero 98 di One Piece in Celebration Edition. La popolarità di One Piece nel mondo e nel nostro paese probabilmente non è seconda a quella di nessun’altra serie, anzi è solo aumentata negli ultimi anni e sicuramente l’opera di Eichiiro Oda ha contribuito al boom che ha caratterizzato i manga negli ultimi anni.

Se One Piece ha fatto da apripista, diventando subito una delle prime serie giapponesi ad affermarsi nella cultura fumettistica del nostro paese, con gli anni ne sono arrivate altre che hanno aiutato a crescere a dismisura tale formato: da L’Attacco dei Giganti, arrivato nel 2013 grazie alla prima serie adattata da WIT Studio e portata nel nostro paese grazie a Dynit, fino ad arrivare ai più recenti Demon Slayer e Jujutsu Kaisen, negli ultimi anni la lista delle serie che da essere di nicchia sono diventate parti della cultura di massa si è decisamente allungata.

Detto in altri termini, ormai non è più difficile come lo era dieci anni fa trovare qualcuno appassionati di Anime e Manga nel nostro paese, ad oggi invece sono diventati prodotti per un pubblico generalista: tutti conoscono L’Attacco dei Giganti, tutti lo stanno almeno guardando se non leggendo e i dati altissimi di vendite e di richieste per la serie nel nostro paese lo confermano. Stessa cosa possiamo dire con Jujutsu Kaisen visti gli incassi strepitosi che il film ha avuto al botteghino e che hanno portato Nexo Digital ad estendere di diversi giorni il tempo di proiezione, inizialmente previsto per una sola settimana. Tutto questo senza dimenticarci naturalmente di Neon Genesis Evangelion e delle pellicole dello Studio Ghibli, che da anni attirano centinaia di appassionati in sala.

A questo incremento ha sicuramente contribuito l’introduzione del Bonus Cultura e persino in Francia Macron ha promosso la vendita dei manga tramite i soldi del loro bonus sul suo account Instagram.

In ogni modo la si guardi, insomma, è innegabile che l’aumento dell’interesse nei confronti dei manga da parte del pubblico italiano è in netta crescita ed è destinata ad aumentare ulteriormente nei prossimi anni, così come la rilevanza che questo formato sta conquistando presso l’intero pubblico generalista.

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi