Dr Commodore
LIVE

Charlie bit my finger, lo storico video virale venduto per 760.000 dollari. Sarà rimosso da YouTube

Charlie bit my finger lo storico video venduto come NFT

Charlie bit my finger è un piccolo pezzo di storia di Internet, uno dei primi video virali del web, approdato su YouTube per caso e diventato uno dei video più visti e condivisi della piattaforma

Ma ora la clip del piccolo Charlie che rosicchia il dito di suo fratello Harry verrà rimossa da YouTube dopo essere stato venduto all’asta per 760.999 dollari.

La famiglia Davies-Carr ha messo infatti all’asta il breve video come NFT, un token non fungibile (clicca qui per saperne di più). Le offerte sono andate avanti per tutto lo scorso fine settimana, ma il prezzo è aumentato notevolmente nelle ultime ore di domenica.

charlie bit my finger

La battaglia al rialzo si è consumata tra due account anonimi.

3fmusic” alla fine ha superato “mememaster” per il video, che è stato visto più di 880 milioni di volte da quando è stato messo su YouTube nel 2007.

Il video è stato caricato su YouTube dal padre di Harry e Charlie, Howard, perché non riusciva a inviarlo via email ai loro padrini in America.

Il sito web della famiglia dice che la clip è stata girata come parte della “cattura di momenti casuali della crescita dei ragazzi“, e che “è diventata involontariamente virale“.

La clip doveva essere rimossa dalla piattaforma di condivisione video il 23 maggio, a seguito dell’asta, ma nel momento in cui scriviamo (25 maggio) è ancora disponibile, seppur non in elenco. Non sappiamo per quanto ancora resterà online.

https://www.youtube.com/watch?v=_OBlgSz8sSM&ab_channel=HDCYT

Un NFT è come un certificato per affermare di possedere in modo univoco qualcosa di digitale. Significa che le versioni originali di video virali, meme o tweet possono essere vendute come se fossero arte.

Il meme noto come “Disaster Girl” – una foto di una giovane ragazza che sorride con un incendio alle sue spalla – è stato recentemente venduto come NFT per 473.000 dollari.

E anche Pringles, la nota marca di patatine si è buttata in questo business redditizio.

Conoscevate questo breve video? Siete d’accordo con la decisione della famiglia di toglierlo dal web per venderlo? Ditecelo nei commenti!

FONTE

Articoli correlati

Gabriele Pati

Gabriele Pati

Cresciuto con libri di cibernetica, insalate di matematica e una massiccia dose di cinema e tv, nel tempo libero studia ingegneria, pratica sport e cerca nuovi modi per conquistare il mondo. Vanta il poco invidiabile record di essere stato uno dei primi con un account Netflix attivo alla mezzanotte del 22 ottobre 2015.

Condividi