Videogames

Moonryde risponde alle accuse di cheating giocando a Warzone con una brocca d’acqua

Moonryde Warzone Live

Moonryde risponde alle accuse, e lo fa in maniera ironica

La piaga dei cheater in Call of Duty: Warzone è ormai esplosa. Il titolo targato Activision, sviluppato da Raven Software, è infatti strapieno di utenti che utilizzano mezzi poco leciti per vincere i tanti scontri a fuoco che avvengono a Verdansk’84, nuova mappa arrivata nel gioco in seguito alla nuclearizzazione della precedente. 

Per questo motivo è arrivato il movimento #FIXWARZONE, nato grazie ad un utente che ha espresso tutto il suo dissenso nei confronti della battle royale su Reddit; movimento che ha trovato tantissime adesioni anche e soprattutto tra gli streamer, che sono continuamente vittima di stream sniping e non solo. 

Alcuni degli streamer italiani più forti in circolazione, tra cui POW3R e Moonryde, sono stati infatti accusati di utilizzare cheat per vincere le partite; molti utenti, tra cui addirittura i cheater stessi, hanno chiesto ai due di utilizzare una handcam, e cioè una telecamera che mostrasse i movimenti delle loro mani, utile a scongiurare il presunto utilizzo di aimbot e simili. 

Warzone 5 migliori posti dove atterrare

Se POW3R, duramente colpito da queste accuse, ha risposto con un piglio piuttosto serio, lo stesso non si può dire per Moonryde. Lo streamer infatti, durante la live di stamattina, ha utilizzato un handcam piuttosto particolare per smentire l’utilizzo di cheat, ironizzando come suo solito sulla vicenda. La “endcam”, chiamata così da Moonryde stesso, non inquadrava le sue mani, ma mandava in loop un video in cui lui stesso non utilizzava a dovere la tastiera, e, al posto del mouse, usava una brocca piena d’acqua per mirare. Oltre alla brocca d’acqua, Moonryde ha deciso di utilizzare anche un Dualshock ed il telecomando di un condizionatore. Di seguito troverete un piccolo estratto della sua live:

Anche Moonryde dunque, seppur a modo suo, si unisce al movimento #FIXWARZONEita, e risponde a tutti i criticoni che non credono alla sua bravura nella maniera più meme e geniale possibile. Ora, caro Dario, la domanda sorge spontanea.. quanti DPI consigli per quella brocca d’acqua? 

Cosa pensate della vicenda? Fatecelo sapere con un commento e ricordate di seguirci su tutti i nostri social! 

 

L'autore

Carlo D'Alise

Videogiocatore dagli indimenticabili tempi dello SNES. Praticante avvocato nel tempo libero, appassionato in particolare di Action, Soulslike ed RPG, ma in generale del videogioco in (quasi) tutte le sue declinazioni. Sono ad un panino dall'obesità.

Twitch!

Canale Offerte Telegram!