Recensioni Tech

Motorola Moto G10 recensione: una certezza nella fascia low cost

Motorola Moto G10 copertina
Motorola Moto G10 è uno smartphone low-cost dall’esperienza Android stock che fa sempre piacere, convincente in alcuni dettagli e in altri no. Eccone la recensione!

Motorola continua a proporre sul mercato sempre più smartphone di fascia medio-bassa per soddisfare le esigenze degli utenti che non intendono sforare quota 200 Euro nell’acquisto di un dispositivo mobile. Tra gli ultimi rilasciati figura Motorola Moto G10, lanciato nel marzo 2021 e dalle specifiche sulla carta non eccessivamente convincenti, ma nella pratica soddisfacenti.

Essendoci giunto in redazione un modello di prova, abbiamo colto l’occasione per provarlo nel dettaglio e capire se è l’acquisto giusto per chi punta al low cost.

Motorola Moto G10 anteriore

Scheda tecnica Motorola moto G10

  • Processore: Qualcomm Snapdragon 460, 4 x 1.8 GHz Kryo 240 & 4 x 1.6 GHz Kryo 240, GPU Adreno 610
  • Display: 6.5” LCD IPS 20:9 1600 x 720 pixel
  • Fotocamera:
    • posteriore, 48 MP grandangolare f/1.7 + 5 MP ultra-grandangolare f/2.2 + 2 MP macro f/2.4 + 2 MP f/2.4 profondità
    • frontale, 8 MP, f/2.2
  • RAM: 4 GB
  • Memoria: 64/128 GB (espandibile con microSD)
  • Batteria: 5000 mAh Li-Po (con Ricarica rapida 10W)
  • Accessori: Dual SIM, sensore impronta digitale, USB Type-C 2.0, NFC, jack 3.5mm

Materiali, design ed ergonomia

Motorola Moto G10 si propone con un design non eccelso, ma particolare: le dimensioni pari a 165,22 x 75,73 x 9,19 mm e il peso di 200 grammi si sentono tutte, togliendo punti al fattore maneggevolezza. Anteriormente figura un display dai bordi certamente evidenti, elemento tipico degli smartphone Motorola di fascia medio-bassa, mentre posteriormente troviamo una certa sorpresa nella cover ondeggiante che non solo risulta piacevole allo sguardo ma anche al tatto…se non fosse che in confezione viene fornita anche una copertura in silicone.

Piccola nota riguarda il modulo fotocamera che forse poteva essere meno sporgente, eppure all’occhio non dispiace e anzi quasi lo fa apparire come un dispositivo di fascia più alta con i suoi quattro sensori e il flash LED. A nostro avviso, comunque, una soluzione più apprezzabile rispetto al Nokia 5.4 (di cui trovate la nostra recensione sul sito). Con un design leggermente diverso anteriormente, forse poteva risultare davvero molto più accattivante all’occhio, ma in tal caso sarebbe stato quasi uno specchietto per allodole.

I colori disponibili sono Aurora Grey (come quello dell’unità di prova) e Iridescent Pearl, tonalità che non spiccano affatto e rendono il prodotto un po’ anonimo, ma che quasi invitano il consumatore a evitare di soffermarsi sull’estetica per puntare alle prestazioni.

Motorola Moto G10 posteriore

Software ed esperienza d’uso

L’esperienza d’uso lato software, a nostro avviso, è una garanzia assoluta: Motorola è nota per fornire un sistema operativo estremamente pulito con l’aggiunta delle poche funzioni Moto, comunque estremamente apprezzabili. Come nel caso del precedentemente citato Nokia 5.4, questo costituisce il vero punto forte di questo smartphone grazie alla proposta bloatware-free e agli aggiornamenti regolari. Android 11 nella nostra versione di prova non è mancato, dunque abbiamo provato pure le ultime funzionalità introdotte da casa Google e non abbiamo notato alcun problema con le prestazioni, eccetto qualche micro-lag durante la navigazione.

Per quanto concerne il SoC Qualcomm Snapdragon 460, lato gaming possiamo goderci a pieno strategici come Age of History 2 e titoli entry-level come Rusted Warfare, assieme anche a titoli più mainstream come Brawl Stars e persino Call of Duty Mobile. La modalità gaming firmata Moto qui risulta particolarmente utile per impedire interruzioni da parte di chiamate e notifiche, però l’esperienza in toto non è certamente il massimo. Insomma, in parole povere “fa quanto basta”.

Gli utenti che non hanno troppe pretese, però, potranno restare decisamente soddisfatti da Motorola Moto G10 che, per un utilizzo quotidiano con social, messaggistica e operazioni non troppo pesanti funziona molto bene. Va considerato, però, che il chip in dotazione non consente tanto multitasking.

Display

Lo schermo in dotazione a Motorola Moto G10 è un LCD Max Vision HD+ (1600 x 720 pixel) da 6,5 pollici, con refresh rate di 60 Hz e screen-to-body ratio dell’85%, con notch a goccia al centro dello schermo. Sebbene nella stessa fascia di prezzo appaiano altri smartphone con schermi dalla risoluzione e dalla qualità più elevate, dobbiamo dire che questo display non delude affatto: i colori sono decisamente bilanciati e la luminosità soddisfa sia in massimi che minimi, anche se bisogna ammettere quanto comunque sia molto più bassa rispetto ad altri casi.

Nota negativa riguarda la mancanza di funzionalità come Always On Display e il fatto che il pannello sia veramente una calamita per ditate. Ciononostante, il suo lavoro lo fa in maniera sufficientemente soddisfacente offrendo la qualità necessaria per godersi qualche produzione su piattaforme di streaming senza troppe esigenze.

Fotocamera

Come per il resto delle specifiche tecniche analizzate finora, anche il comparto fotocamera fa il suo lavoro e niente più. Anteriormente, il sensore da 8 megapixel permette a chi ama i social di scattarsi tanti selfie da pubblicare con una qualità discreta, con una gestione mediocre della luminosità. Posteriormente, invece, il setup composto da grandangolare principale da 48 megapixel, obiettivo ultrawide da 8 megapixel, macro da 2 megapixel e lente per profondità di campo da 2 megapixel garantisce foto piacevoli ma non eccellenti.

Audio e connettività

Lo speaker mono in dotazione garantisce lato audio una qualità piuttosto buona per gli smartphone appartenenti a questa fascia di prezzo. La presenza di un jack 3.5mm per le cuffiette cablate (che giungono incluse nella confezione, per il piacere di chi lo acquisterà come “primo telefono”) è sempre piacevole e il Bluetooth 5.0 fa un ottimo lavoro nel caso in cui si preferiscano gli auricolari True Wireless. GPS, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac e NFC funzionano altrettanto egregiamente.

Batteria

Se c’è una cosa che gli smartphone di fascia medio-bassa gestiscono bene, tendenzialmente, è l’autonomia: Motorola Moto G10 con i suoi 5000 mAh di batteria e la ricarica rapida a 10W permette all’utente medio di riuscire nell’intento di chiudere due giornate con una singola carica. Se messo sotto sforzo, invece, la giornata di lavoro riesce a completarla ma poi richiede una pausa.

Motorola Moto G10 foto anteriore

Conclusioni e prezzo

Motorola Moto G10 è certamente un ottimo smartphone per chi è alla ricerca di un display grande, un’autonomia particolarmente elevata e un’esperienza d’uso semplice e affidabile. C’è chi può rimanere col naso storto per i bordi del display, ma allo stesso tempo con uno sguardo sorpreso per il design posteriore. Non è speciale nel design e nelle prestazioni, semplicemente rientra nella sua fascia di prezzo come da dovere. Insomma, un dispositivo che sicuramente soddisferà chi non ha pretese, ma niente di più.

VOTO: 7

L'autore

Francesco Santin

Studente di Scienze Internazionali e Diplomatiche, ex telecronista di Esports, giocatore semi-professionista e amministratore di diversi siti e community per i quali ho svolto anche l'attività di editor e redattore.

Twitch!

Canale Offerte Telegram!