Dr Commodore
LIVE

Microsoft Flight Simulator 2020, la recensione: il mondo intero nelle nostre mani.

Microsoft Flight Simulator non è semplicemente un simulatore di volo, ma un’esperienza di fuga da un periodo come quello che stiamo vivendo in questo 2020.

Microsoft Flight Simulator torna dopo 14 anni con un nuovo capitolo grazie al talento di Asobo Studio, collaboratori di vecchia data della casa di Redmond. Flight Simulator 2020 è tornato, ed è qui per restare, sarà il simulatore ultimo? Andiamo a scoprirlo insieme nella nostra recensione.

Hey! Posso vedere casa mia da quassù!

È la prima cosa a cui abbiamo pensato tutti dopo aver visto il video di anteprima di Flight Simulator 2020 perché sì, è possibile decollare e atterrare in uno dei quasi 4000 aeroporti presenti nel gioco, ma anche far partire un volo turistico da oltre 2.000.000 (ndr. sì, Due MILIONI) di città fedelmente riprodotte nel gioco. Ovviamente sorvolando città molto grandi e importanti come le capitali del mondo il dettaglio sarà maggiore rispetto alle cittadine di periferia, ma vi sorprenderà poter davvero vedere casa vostra, o magari schiantarvici su.

Come anche lo stesso Lionel Fuentes (Lead engine programmer di Asobo Studio) dice nel filmato, “Sviluppando questo gioco abbiamo capito quanto il mondo sia grande. Il mondo è DAVVERO grande”, quindi per rappresentare al meglio l’intero pianeta è necessario avere una connessione ad internet costante (anche per avere il traffico aereo in tempo reale) che utilizzerà i server di Microsoft Azure e di Bing Maps per creare proceduralmente le strutture, gli edifici, le radure e tutti gli elementi del paesaggio, compreso il meteo in tempo reale.

Ovviamente per avere un’esperienza ottimale bisogna disporre di una buona connessione ad internet, anche se è disponibile una modalità offline che ovviamente non ha la stessa qualità e dettaglio delle modalità connesse.

Flight simulator

Per Flight Simulator 2020 serve un PC potente quasi come un Aereo

Il lavoro svolto dal team di Asobo è stato magistrale, il mondo è davvero realistico e vivo, ma esclusi gli aeroporti e le città maggiori, più ci si avvicina al terreno, più la magia si “rompe”, a meno di non avere un computer abbastanza potente da far girare il gioco al massimo della grafica. La configurazione di test è composta da i5-4670k portato a 4.2Ghz, AMD R9 390 8G, 8Giga di RAM e il preset grafico migliore che abbiamo potuto selezionare è stato “Medio”, a fronte di 4 preset totali completamente personalizzabili nel dettaglio.

I dati generati in cloud purtroppo non aiutano la computazione della grafica, anzi, in alcuni pochissimi casi i dati di Azure scambiano container e silo di grandi impianti (Come l’ex-ilva di taranto) per texture della strada o pozze d’acqua causando errori nel paesaggio. A parte queste piccole inezie (ndr. dopotutto chi ha voglia di farsi un viaggio turistico sulle acciaierie d’Italia piuttosto che visitare Venezia o Roma) la grafica risulta gradevole ma pesante, i caricamenti sono degni di GTA 5 e Horizon Zero Dawn, facendoci restare con lo sguardo fisso sui consigli e sulle immagini di anteprima anche per qualche minuto.

Tolto lo stupore iniziale, Flight Simulator 2020 che cosa è?

Microsoft Flight simulator 2020 è un ottimo simulatore, spesso utilizzato nelle sue varie iterazioni come software di addestramento per veri piloti aeronautici, grazie alla sua fedeltà e alla quantità di comandi presenti che arrivano a rispecchiare perfettamente la realtà. E voi vi chiederete: e se non ci capisco un acca di aerei, manometri, flap slat e compagnia bella? beh, Microsoft ha pensato anche a questo.

Come nei migliori simulatori automobilistici della famiglia verde c’è la possibilità di scegliere il grado di assistenza alla guida dal praticamente automatico dove premere solo acceleratore, freno e virare all’occorrenza, al completamente realistico con tanto di checklist da controllare alla partenza, dati di volo precisi al millimetro e necessità di rispondere alla radio quando contattati dalle torri di controllo dei vari aeroporti. Ovviamente è presente anche un tutorial di addestramento che però non spiega tutto l’occorrente per diventare piloti provetti, insegna solo i comandi di base per pilotare piccoli aeromobili ad elica.

Quindi Flight Simulator è “il forza horizon del volo in alta quota”? No di certo, se proprio dobbiamo paragonarlo ad un capitolo automobilistico, sarebbe il più simulativo che possiate immaginare, dove addirittura poter comandare il meteo, o aggiungere una quantità a scelta di danni al proprio aeromobile in un punto specifico per dare un pò di pepe alla giornata e vivere in prima persona le scene del film Sully o semplicemente godervi il paesaggio al tramonto.

Microsoft Flight Simulator 2020

A proposito di Sully, non si rischia di annoiarsi a volare sempre da punto A a B?

Fortunatamente Asobo e Microsoft hanno pensato anche a questo. Nella remota possibilità che viaggiare da e verso oltre 4000 Aeroporti e 2.000.000 di città possa venirvi a noia, fra le varie modalità di gioco abbiamo delle sfide giornaliere in cui gareggiare contro il mondo all’insegna del miglior punteggio oppure sfide di atterraggio in posti celebri, Sperduti o in situazioni di emergenza o ancora tour guidati verso le più grandi meraviglie del mondo.

La versione in test per noi era la premium edition che comprende 30 Aeromobili e 40 aeroporti di default dettagliati nei minimi particolari, ma nel menù principale del gioco è presente la voce “Negozio” che non solo ci permette di acquistare nuovi contenuti, ma anche di scaricare le mod create dalla community, che da sempre è un elemento portante della saga di Microsoft Flight Simulator. Inoltre molti partner di terze parti stanno programmando il rilascio di Aeromobili e Aeroporti come il famosissimo Concorde. Di cose da fare ce ne sono tante, a patto che vi piaccia volare e che siate disposti a pagare il prezzo del biglietto.

Quindi chi è il target di Flight Simulator 2020?

In realtà tutti possono giocare a MFS2020, che siate amanti dell’aeronautica, o semplici curiosi che vogliono visitare il mondo anche restando a casa (utile, visto il periodo storico in cui viviamo). La possibilità di avere una simulazione fedele al 100% fra suoni, rumori, controlli, e durate di volo lo rendono il simulatore di volo perfetto. La vostra unica accortezza deve essere quella di avere pazienza o comunque voglia di esplorare, dato che in mancanza di questi requisiti il titolo non farà per voi.

Se adorate l’esplorazione, la scoperta, e volete avere la vostra cabina di pilotaggio virtuale a portata di click correte subito ad acquistarlo, sul mercato non esiste un simulatore più avanzato e completo di questo, con addirittura meteo, traffico aereo e orario in tempo reale, capace di trasferire tramite il controller o la tastiera la tensione di una picchiata o il rischio di andare in stallo salendo troppo velocemente. È altamente consigliato l’acquisto di un Joystick (Si, Joystick o direttamente una Cloche) per avere il massimo che il gioco ha da offrire, ma solo per chi è abbastanza paziente e volenteroso per imparare tutto. Per gli altri, siamo sicuri che la vista favolosa dei paesaggi più belli del pianeta varranno l’acquisto.

Gli unici difetti oggettivi sono causa della nuova grafica che fa affidamento sul Cloud di Azure, ma come abbiamo già detto precedentemente, sono casi sporadici che siamo sicuri Microsoft (Che ringraziamo infinitamente per averci dato la possibilità di provare Flight Simulator 2020) potrà risolvere con qualche update.

Microsoft Flight Simulator 2020 è disponibile per Xbox One e PC su Steam e Microsoft Store a partire dal 18 Agosto 2020.

Pro

+ L’esperienza simulativa più completa che possiate avere ad oggi. Surclassa di molto il suo capitolo precedente Flight Simulator X

+ La grafica è spettacolare nelle grandi città e nei paesaggi naturali

+ La possibilità di gestire meteo, danni e rotte di volo è il fulcro del gioco

Contro

Se non avete pazienza non fa per voi, anche in modalità assistita c’è da imparare

Davvero, dovete avere pazienza, anche per i caricamenti lenti con macchine non di ultima generazione

Alcuni elementi del paesaggio stretchati o non perfettamente modellati a causa dell’engine in cloud (ma nulla che rovini l’esperienza)

Voto: 9/10

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Requisiti Minimi di Microsoft Flight Simulator 2020

  • CPU i5-4460/Ryzen 3 1200 ma meglio se i5-8400/Ryzen 5 1500x
  • GPU con 4GB di VRam GDDR5 compatibile con DirectX 11
  • 8GB di RAM
  • 96GB di spazio su disco per la versione base, 150/200GB con tutti i DLC ed eventuali Mod aggiunte

Articoli correlati

Gennaro Lazzizzera

Gennaro Lazzizzera

Nato (quasi) con la prima xbox in mano. il mio primo videogame è stato The Getaway per PS2 ed è stato letteralmente amore a prima vista (mai vista una alfa romeo in un videogioco prima di allora). Appassionato di videogiochi ma anche di Informatica, Tecnologia e Meccanica

Condividi