fbpx
News Tech

Apple prossima ad acquisire il reparto 5G di Intel per $1 miliardo

Apple si sta distaccando sempre di più da Qualcomm con l’ultima grande mossa di mercato. Secondo WSJ, la Mela sarebbe vicina a concludere un accordo con Intel per acquisire il reparto dei modem per smartphone. Un affare che potrebbe definirsi completamente nei prossimi giorni o nelle prossime settimane, per un totale di 1 miliardo di dollari.

Apple fa avanti e indietro

In aprile Intel aveva deciso di lasciare il business dei modem 5G per telefoni, in quanto Apple aveva raggiunto un accordo vantaggioso con Qualcomm. Una sorpresa per il gigante delle CPU per PC, che ha portato l’azienda stessa a chiudere il reparto proprio a causa della decisione di Tim Cook. Il CEO di Intel, Bob Swan, appena ricevuta la notizia ha detto che “senza Apple come cliente, il loro business con i modem 5G non avrebbe avuto più senso”.

E così è stato, essendo che la compagnia di Cupertino riteneva le componenti 5G di Intel “non adeguate nelle tempistiche di produzione”. Da qui la decisione di contattare nuovamente Qualcomm, con cui aveva già diverse dispute legali, per preparare gli smartphone 5G in tempo.

Con l’evoluzione negativa dei rapporti tra Apple e Qualcomm, la Mela ha dunque pensato di acquisire direttamente la divisione 5G di Intel. Questa, tra staff e brevetti, risulta avere un valore di un miliardo di dollari. Un acquisto sensato, considerato che Apple è stato il più grande (e unico vero cliente) dei modem 5G marchiati Intel.

Forse in questo modo il processo di produzione di iPhone 5G diventerà sempre più veloce e ottimale. Del resto il background dello staff Intel è di qualità, e inoltre ora Apple potrà fare a meno di appoggiarsi ad altre aziende per produrre le componenti necessarie.

FONTE

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments

Francesco Santin

Studente di Scienze Internazionali e Diplomatiche, ex telecronista di Esports, giocatore semi-professionista e amministratore di diversi siti e community per i quali ho svolto anche l'attività di editor e redattore.