Dr Commodore
LIVE

In vendita i messaggi privati di 81.000 account Facebook a 10 centesimi l’uno

Non c’è pace per Facebook in questo periodo. Prima Cambridge Analytica, poi la violazione di 50 milioni di account – di cui circa 30 milioni realmente colpiti – e adesso la vendita di messaggi privati.
Lo ha rivelato la BBC, che ha scoperto un forum in cui erano in vendita i log delle chat di almeno 81.000 account Facebook a 10 centesimi l’uno. Questa volta, però, il social network non è stato violato, almeno non direttamente. Gli hacker, infatti, hanno sfruttato alcune estensioni manomesse dei browser utilizzati dagli utenti. Chiunque le utilizzasse, quindi, era potenzialmente a rischio. Il team di Facebook, comunque, si è subito messo al lavoro, facendo rimuovere dagli store tutte le estensioni incriminate.

Chi è stato maggiormente colpito?

Molti degli account colpiti provenivano da Russia e Ucraina, anche se alcuni appartenevano a utenti degli USA o del Regno Unito. La società di sicurezza informatica Digital Shadows, insieme alla BBC, sta indagando un gruppo di utenti con il nickame “FBSaler”, che – in appositi forum – sostiene di essere in possesso di informazioni private ricavate da Messenger. Stando a queste dichiarazioni, il database conterrebbe 120 milioni di account.

L’attacco in questione non è collegato a nessuna delle vicende accadute qualche mese fa – in quel caso, i dati furono venduti sul dark web a circa 3 euro. Se non avevate installato nessuna estensione sul vostro browser – o se utilizzavate queste 5 estensioni che vi abbiamo consigliato – non avete nulla da temere comunque. Le indagini proseguono, e sicuramente nei prossimi giorni ne sapremo di più. Una cosa però è certa: i dati stanno diventando sempre più importanti, e gli hacker lo sanno bene.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Articoli correlati

Dr Commodore

Dr Commodore

Sono Dr Commodore, servono altre presentazioni?

Condividi