Dr Commodore
LIVE

Iliad contro Vodafone, ritirato lo spot con Baby K

La sfida tra Iliad e Vodafone non è solamente sul mercato a suon di offerte, ma anche in tribunale.

L’operatore francese, infatti, ha denunciato Vodafone, sostenendo che lo spot con la cantante italiana Baby K costituisse pubblicità ingannevole.
Una voce, durante la pubblicità, diceva queste parole:

“Nasce Vodafone Unlimited, Giga Illimitati sulle app che ami di più: social unilimited, chat unlimited, mappe unlimited, musica unlimited. Un’estate senza limiti sulle rete senza limiti”

Secondo Iliad c’erano gli estremi per una denuncia, dal momento che durante lo spot non venivano comunicati al consumatore né i costi di attivazione, né quelli extra in caso di superamento delle soglie.

L’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria ha emesso la sentenza, dando ragione all’operatore francese e sancendo la sospensione della pubblicità. Un duro colpo per Vodafone, che in un colpo solo dovrà “rivedere” lo spot più ballato dell’estate e assorbire le critiche che arriveranno dai consumatori. La reputazione dell’operatore rosso è già stata messa a dura prova dalle frequenti rimodulazioni, e questa sentenza peggiorerà ulteriormente la situazione. Vodafone sta già facendo delle offerte per convincere i propri clienti a rimanere, basteranno?

Una guerra continua

La mossa di Iliad può essere vista come una vendetta: recentemente, infatti, Vodafone e Tim avevano denunciato l’operatore francese per lo stesso motivo. Anche il quel caso, il Giurì aveva dato ragione all’accusa, condannando Iliad.

La guerra dunque prosegue. Quanto considerate giusta questa decisione in una scala che va da zero a cento? Fatecelo sapere con un commento e continuate a seguirci per non perdervi gli ulteriori sviluppi della vicenda.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Articoli correlati

Dr Commodore

Dr Commodore

Sono Dr Commodore, servono altre presentazioni?

Condividi