fbpx
News Nintendo

Nintendo Francia su VR e 4K: “Se facessimo come gli altri saremmo destinati a fallire perché più piccoli”, l’analisi di DrCommodore

Nintendo Switch

Una spiegazione ufficiale alla politica di Nintendo. Soddisfatti?

In questi giorni si parla molto di Nintendo. Prima il Nintendo Direct Mini – che abbiamo analizzato e che probabilmente anticipa un Direct più importante – ora delle dichiarazioni ufficili in merito a 4K e VR. Qual’è la posizione di Nintendo in merito? Philippe Lavoué

Philippe Lavoué, General Manager di Nintendo Francia – dentro Nintendo da 7 anni – parla di 4K e Realtà Virtuale ai microfoni di LesNumeriques. Le dichiarazioni approfondiscono quanto detto da Reggie Fils-Aime durante l’E3, il quale sostiene che il pubblico interessato alla risoluzione 4K sia troppo ristretto per gli obiettivi dell’azienda.

Di seguito l’estratto in lingua Inglese. Quanto detto da Lavoué verrà analizzato più avanti, per i lettori Italiani.

We are very pragmatic. You look at VR headsets, I have doubts about their ability to seduce the public. And consumers are not patient with entertainment if you are not able to offer them a complete solution. As for 4K, should we invest in a technology that is not widely adopted? Where are the 4K screens today? Should we invest before the consumer has adopted the technology? We can not invest everywhere. And what will be new compared to competitors? If we do the same thing as others, we are doomed to die because we are smaller than them. With the Switch, we have the merit of proposing different uses adapted to the pace of users’ lives. The advantage is to be able to fit into your daily life. The use of video games thus becomes less exceptional.

Sicuramente quello detto da Reggie lo scorso Giugno ha del vero: Nintendo ha bisogno di un bacino di utenza più ampio, per sostenere la ripresa dopo la parentesi WiiU. Dalle dichiarazioni di Lavoué emerge anche altro: Nintendo non ha mai provato realmente a competere nel mercato bipolare di Sony e Microsoft, perché compagnie troppo grandi e radicate.

“Se facessimo le stesso cose degli altri, saremmo destinati a morire perché siamo più piccoli”

Dall’estratto ricaviamo anche lo scetticismo del General Manager nei confronti della presa di suddette tecnologie

Giustamente, perché Nintendo dovrebbe investire in campi non completamente sviluppati, nei quali potrebbe non essere in grado di offrire un’esperienza completa?

Xbox One XPerché investire prima che gli utenti abbiano adottato una tecnologia (riferito ai pannelli 4K)? Semplicemente, Nintendo non è un colosso dei servizi come Microsoft, e non può permettersi di investire ovunque.

“… dovremmo investire in una tecnologia che non è ampiamente adottata? Non possiamo investire ovunque”

Il fattore novità gioca anche la sua parte, sostiene Philippe Lavoué: cosa ci sarebbe di nuovo rispetto alla concorrenza, se Nintendo si muovesse verso 4K e VR?

In effetti, Nintendo piace proprio per la sua personalità.

“Con Switch, abbiamo il merito di proporre qualcosa di diverso, che si adatti allo stile di vita degli utenti. Ha il vantaggio di essere capace di adattarsi alla vita quotidiana”

Quante volte avete sentito parlare di “Nintendo Difference“? Ebbene, l’espressione viene dal popolo, ma la Grande N è assolutamente consapevole che la differenza sia il piatto forte.

Dunque, ciò che prima era riflessione di terze parti, ora è spiegazione ufficiale

Nintendo fa giochi, e per offrire esperienze complete ha bisogno di una tecnologia solida a supporto. Se uniamo a ciò il necessario “fattore novità/differenza”, che da sempre pone Nintendo su un binario differente – non sempre felice, non sempre solitario, ma differente – otteniamo il ritratto completo di Nintendo Switch.

Checché se ne dica, la politica di Nintendo funziona, Switch è un successo ed i giochi che offre sono di una qualità unica.

Restate su DrCommodore per altre news, seguiteci su Facebook ed unitevi al canale Telegram per non perdere nessuna novità dal sito!

Vuoi giocare con noi? Ecco il server Discord ufficiale!

 

Facebook Comments

Samuele Sanesi

Giocatore da sempre, Game Designer come stile di vita. Caporedattore nel tempo libero (a volte anche in quello occupato). Mangio salutare e bevo tanta acqua, perché i videogiochi tra settanta anni non si giocheranno da soli. Ho predilezione per ogni forma di intrattenimento ludico. Amo la mia città, le tradizioni Italiane e la mia famiglia. Uno dei miei hobby è la critica del Tiramisù. Ho visto navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione.