Dr Commodore
LIVE

Non solo ChatGPT: 4 alternative al chatbot di OpenAI

La scorsa settimana ChatGPT è stato bloccato in Italia a causa di un’istruttoria aperta parte del Garante della privacy. Sebbene sembri che la situazione si stia pian piano risolvendo, complice l’incontro avvenuto qualche giorno fa tra l’Autorità italiana e i vertici di OpenAI, non è ancora possibile accedere al sito.

Fortunatamente per gli utenti italiani, non esiste solo ChatGPT. Infatti, l’internet offre delle valide alternative al chatbot di OpenAI.

WriteSonic, come ChatGPT ma aggiornato in tempo reale

WriteSonic è un chatbot basato su ChatGPT-3 dotato di IA capace di interloquire con l’utente umano. Esattamente come ChatGPT, il software è capace di dare risposte di senso compiuto alle domande dell’utente e di offrire consigli all’interlocutore.

ChatGPT

In aggiunta, WriteSonic può anche generare immagini partendo da un input e, soprattutto, è connesso ad internet in tempo reale. Questa è la grande differenza col chatbot di OpenAI, WriteSonic infatti è capace di fornire risposte aggiornate in tempo reale, viceversa ChatGPT limita i suoi output fino ai fatti accaduti nel 2021.

Da ultimo, il chatbot funziona su sistemi Android, supporta i comandi vocali e può interagire con l’utente con ben 16 personalità diverse. Il software è disponibile in 2 diversi piani di abbonamento: uno gratuito, che però limita la generazione del testo a 2.500 parole, e uno a pagamento, del costo di circa 13$ al mese, che permette un output di più di 45mila parole.

ChatGPT

Replika

Replika è un chatbot, sempre basato su ChatGPT-3, che ha come obiettivo quello di instaurare conversazioni profonde e filosofiche con l’interlocutore. Il software ha come obiettivo quello di offrire un supporto psicologico all’utente umano. Insomma, questo è un chatbot per chiunque voglia un po’ di compagnia (è disponibile persino un avatar personalizzabile).

Anche in questo caso, all’utente vengono offerti 2 piani di abbonamento: uno gratuito dalle funzionalità limitate e uno a pagamento, dal costo di 44€ l’anno, che rende disponibili conversazioni più complesse e anche una potenziale romance con l’IA.

ChatGPT

Perplexity

Perplexity è una IA specializzata nella ricerca di informazioni. Sviluppato da ex ricercatori di Meta, Google, Quora e Palantir, questo software opera un’analisi incrociata delle fonti e offre all’utente un risultato il più completo possibile.

Utilizzarlo è molto semplice: basta digitare nella barra di ricerca ciò che si vuole sapere, premere invio e aspettare che Perplexity faccia la sua magia. Inoltre, l’IA fornisce all’utente anche le ricerche correlate e approfondimenti sul tema di ricerca. Da ultimo, Perplexity funziona in modo completamente gratuito e può essere installato come estensione del proprio browser.

ChatGPT

Deepl Write

Deepl Write non è esattamente un chatbot, rappresenta piuttosto un’alternativa a Google Traslate. Questo software, per la verità ancora in beta, è uno strumento di traduzione e scrittura potenziata dall’intelligenza artificiale.

Sviluppato da Deepl, una società tedesca specializzata nel campo delle IA, Deepl Write è capace di creare un testo in più di 30 lingue adottando, tra le altre cose, il tono e lo stile scelti dall’utente. Il software utilizza la rete neurale per comprendere il contesto del testo originale e la sfumatura delle parole utilizzate. Per questo motivo, Deepl Write è capace di proporre parole alternative e modificare i periodi usati.

La versione gratuita del software permette la traduzione di 3 file al mese (vengono anche limitati gli stili che possono essere adottati), mentre quella a pagamento, che costa 24,99€ al mese, permette di sfruttarlo al massimo delle sue potenzialità.

ChatGPT

Fonti: 1, 2, 3, 4, 5

Articoli correlati

Condividi