Dr Commodore
LIVE

Chainsaw Man 1×07 | Splatter, cena di benvenuto e baci al vomito

L’episodio di Chainsaw Man si apre con Denji che si getta tra le fauci del Diavolo eternità, mentre Aki è accovacciato ferito da una coltellata diretta al protagonista, infatti il Diavolo ha promesso alla squadra di lasciarli liberi dall’ottavo piano dell’albergo in cui sono intrappolati a patto che gli lascino mangiare il Diavolo motosega. Allora Kobeni, insieme ad Arai, cercano di colpire Denji con un coltello da cucina, ma si frappone tra i due Aki, spinto dal suo senso di giustizia, forse, il gesto lascia senza parole anche Himeno, la sua senpai.

Denji, trasformato in Diavolo motosega, fa a fette il Diavolo eternità, scoprendo il modo per ucciderlo senza restare a corto di sangue, la sua benzina, continuandolo a tagliare con le sue motoseghe e nutrendosi del sangue del Diavolo in una continua rigenerazione. Gli altri rimangono nella stanza d’albergo dell’episodio precedente ad aspettare che la battaglia si concluda, un flashback di Himeno, che si stende affianco al suo allievo ferito nel letto, ci trasporta nel passato della senpai e scopriamo un suo lato molto sensibile, che va al di là delle apparenze della donna forte che fuma e beve alcolici, tiene in conto che in quanto Devil Hunter si può morire in qualsiasi missione.

La vediamo infatti al cimitero, come nel flashback dell’episodio precedente, sulle tombe dei suoi compagni morti, il suo maestro le ricorda che anche i Diavoli hanno paura dello sconosciuto, e un Devil Hunter dev’essere fuori di testa per far paura a un Diavolo, dev’essere imprevedibile. E’ qualcosa di già sentito, sono infatti le parole che Himeno dice ad Aki, in questo flashback scopriamo quindi che ha ripetuto un concetto che le è stato insegnato a sua volta dal suo maestro. I Devil Hunter sono delle figure molto particolari, Tatsuki Fujimoto riesce molto bene nel character design, e nel rendere potente un background di un personaggio con pochi particolari e pochi riferimenti, pennellate di ricordi.

Chainsaw Man

Le animazioni che aprono quest’episodio sono sbalorditive dal punto di vista della chiarezza nella dinamicità, non c’è nulla di sbavato, nonostante si rappresenti sullo schermo il caos più totale di motoseghe e sangue nel combattimento di Denji contro il Diavolo eternità. Non c’è una minima perdita di dettaglio, ogni frame è ben animato e ben strutturato. La colonna sonora dalle sonorità che richiamano molto il metal e la seconda ending accompagna il tutto, e Denji sembra l’Eva-01 in berserk.

L’episodio si divide fondamentalmente in due parti, in maniera anche abbastanza netta, la prima parte è la conclusione dell’incontro con il Diavolo eternità, la seconda parte mostra i personaggi che finora conosciamo dell’anime al ristorante, in un ambiente e in una veste inusuale. Se all’inizio dell’anime la componente anomala e particolare dei Devil Hunter era accentuata, qui li vediamo come persone normali, be’, si fa per dire, apparentemente è una tavolata di colleghi a cena fuori per dare il benvenuto alle nuove reclute. Tutta la seconda parte dell’episodio è un espediente, un mezzo narrativo attraverso il quale ci vengono mostrati lati e caratteristiche della personalità di personaggi dei quali sappiamo poco.

Oltre ai flashback, altro strumento per mostrare caratteristiche dei personaggi e dar loro spessore, oltre che per fornire un background e una storia, un passato, durante la cena scopriamo altre cose su Himeno, che chi ha letto il manga già conosce, beve e fuma tantissimo, e si lascia andare quand’è ubriaca a baciare un po’ chiunque di passabile le capiti a tiro. Denji le ricorda di quel bacio che gli aveva promesso, risponde che appena sarà abbastanza ubriaca glielo darà, e sarà un bacio molto intenso.

Gli vomita in bocca. Denji di sicuro se lo ricorderà per tutta la vita, un bellissimo primo bacio, in una scena tanto esilerante quanto disgustosa.

Non so se si tratti di una parodia di una pratica diffusa nella prostituzione giapponese o se è semplicemente frutto dell’atmosfera assurda che Fujimoto riesce a creare, non indaghiamo oltre, in ogni caso Denji si ritrova alla fine della cena in una camera buia, con Himeno con una birra in mano, che gli chiede se vuole fare sesso con lei. La cena non è solo baci al vomito, scopriamo altre cose riguardo al Diavolo pistola, e ai Diavoli che hanno ingoiato i pezzi di carne di quest’ultimo, hanno un comportamento molto strano, soprattutto il Diavolo eternità, che sembrava cercare proprio il Diavolo motosega, ha forse qualcosa di speciale, si chiede Aki.

Rivolge la domanda a Makima, alludendo al fatto che lei potrebbe sapere qualcosa su Denji, in tutta risposta l’enigmatica donna beve in silenzio e una volta posato il boccale dice che se Aki berrà più di lei, glielo dirà, quest’ultimo perde, e il segreto su Denji rimane dietro allo sguardo freddo e distaccato di Makima.

Qui potete leggere le nostre precedenti recensioni agli episodi di Chainsaw Man

Articoli correlati

Condividi