Dr Commodore
LIVE

Ecco le prime immagini della Nebulosa di Orione dal telescopio James Webb

Dal telescopio spaziale James Webb arrivano delle nuove spettacolari immagini della Nebulosa di Orione, conosciuta anche con i nomi M42, Messier 42 e NGC 1976. Queste prima immaginate, in parte modificate, sono state pubblicate su Twitter da un astronomo amatoriale.

Grazie a queste immagini, però, riusciamo a capire quello a cui assisteremo quando la NASA rilascerà ufficialmente le immagini della Nebulosa in qualità migliore. Queste foto sono state catturate con la NIRCam, la fotocamera a raggi infrarossi situata su James Webb, che è stata creata da un team formato da ricercatori dell’Università dell’Arizona e del Lockheed Martin’s Advanced Technology Center. I filtri degli infrarossi utilizzati sono F210M (colore rosso), F182M (verde) e F140MW (blu) per quelli a onda corta e F444W (rosso), F335M (verde) e F332W2 (blu) per quelli a onda lunga.

Per raccogliere più informazioni possibili su quest’affascinante zona dello spazio, il telescopio utilizzerà anche gli strumenti MIRI (che fornisce delle modalità di analisi e osservazione spettroscopica a lunghezze d’onda medio infrarosso) e NIRSpec (spettrografo in grado di analizzare simultaneamente lo spettro infrarosso di 100 oggetti, come stelle e galassie).

A proposito della Nebulosa di Orione

Tutta quest’attenzione alla Nebulosa di Orione è dovuta al programma Early Release Science (ERS), che è stato promosso anche dall’astrofisico Oliver Berne. Oltre a quest’analisi i Orione, in futuro ce ne sarà un’altra sempre realizzata da James Webb, ma che avrà dietro un team di ricerca differente e che utilizzerà 12 filtri infrarossi (ossia il doppio di quelli utilizzati questa volta) con i quali saranno rilevati anche i dati di emissione.

La Nebulosa di Orione si trova nella Via Lattea, nella regione di formazione stellare più vicina al nostro pianeta (dista “solo” 1500 anni luce). In questa Nebulosa – che ha una magnitudo pari a 4, che l’ha resa visibile sin dall’antichità per la sua luminosità – sono presenti anche le quattro stelle del Trapezio scoperte nel diciassettesimo secolo dall’astronomo e fisico Galileo Galilei.

James Webb

La missione di James Webb è iniziata lo scorso dicembre, e negli scorsi mesi abbiamo visto diversi incredibili scatti della Galassia NGC628 (conosciuta anche come Messier 74 o galassia fantasma), di Giove e dell’Universo Primordiale. Una delle foto del telescopio è inoltre un selfie.

Fonte: Hardware Upgrade.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi