Dr Commodore
LIVE

La grande agitazione su Wikipedia in seguito alla morte della regina Elisabetta II

In seguito alla triste notizia della morte della regina Elisabetta II, una sovrana simbolo di più di un’epoca e la cui scomparsa ha fatto sussultare tutto il mondo, sono molte le cose a cui pensare. L’Inghilterra è impegnata a prestare tutti gli onori alla sovrana con il piano London Bridge in piena esecuzione, ma non è solo la nazione inglese a essersi subito attivata una volta saputo della morte dell’amatissima regina.

Anche nel mondo digitale c’è stato molto da fare. In molti, a livello mondiale, hanno passato ore di tensione prima dell’annuncio ufficiale incollati a Twitter e alla diretta della BBC, in attesa di notizie. Intanto, però, su Wikipedia erano momenti di fermento per i “deaditors”.

Si tratta di un gruppo di editor che si occupa di aggiornare le pagine di Wikipedia di personaggi noti alla loro morte. Tale gruppo è entrato immediatamente in azione una volta paventatasi la possibilità che stesse per accadere qualcosa alla regina Elisabetta II. La loro missione è stata quella di aggiornare subito le informazioni presenti sulla pagina della sovrana, e hanno avuto non poche questioni delicate da risolvere in una questione di secondi.

elisabetta II wikipedia elizabeth regina wiki carlo charles re

Le questioni da chiarire sulla pagina della regina Elisabetta II

Quando muore un monarca, in genere uno dei primi luoghi in cui gli utenti accorrono immediatamente è Wikipedia. E’ per questo che gli editor si sono affrettati per preparare tutte le informazioni. 

Venerdì, una insider che conosce i meccanismi dietro il processo di editing delle pagine in questi casi, ha voluto raccontare cosa è accaduto dietro le quinte di Wikipedia in quei minuti.

Il racconto dell’insider è stato piuttosto avvincente, e ha reso piuttosto bene l’idea di tutto il lavoro compiuto (gratis) dagli editor che contribuiscono al sito. Infatti, ogni minima modifica è stata fonte di grandi discussioni.

I tempi verbali vanno tutti cambiati dal presente al passato, tutte le immagini da inserire e modificare vanno dibattute, sono stati creati ulteriori articoli sulla morte della Regina (tra cui le reazioni a tale evento) e soprattutto bisognava capire come chiamare suo figlio Carlo. 

Tra le varie curiosità svelate, si è venuto a conoscenza del fatto che quando muore qualcuno, su Wikipedia viene scelta una bella immagine storica di tale personaggio, senza limitarsi a mettere foto di quando era anziano e ancora in vita. 

Colui che è riuscito a fare il primo edit alla pagina di Wikipedia è un editor chiamato Sydwhunte, e che può adesso vantare tale primato. Dopo il suo edit ne sono arrivati altri, pare circa 55 in 15 minuti.

Alcuni editor hanno anche anticipato la morte della regina, preparando una bozza di un articolo intitolato “La morte di Elisabetta II” già due ore prima dell’annuncio ufficiale. Infatti, dopo una accesa discussione è stato deciso di separare la pagina della vita della regina da quella della sua morte.

Per quanto riguarda la questione di Carlo: tutti sappiamo che aspettava di succedere alla regina da moltissimo tempo. Adesso, gli editor di Wikipedia si sono trovati a decidere come chiamarlo. Era chiaro che sarebbe stato lui il nuovo Re, ma quale nome avrebbe preso? Carlo, principe di Galle? Carlo III? Carlo, il Re del Regno Unito? Dopo vari cambiamenti (a fine giornata sono state contate 284 modifiche) alla pagina della regina, gli editor hanno deciso per Carlo III. 

Sembra una questione frivola quella di Wikipedia ma, nella giornata della morte della regina, la sua pagina su Wikipedia ha ricevuto circa 8,3 milioni di visite. Il giorno prima erano appena 52 mila.

In seguito a tale richiesta di informazioni da parte di tutto il mondo, gli editor del sito che più tiene alle risorse e all’informazione veritiera si sono trovati parecchio sotto pressione. Non tutte le modifiche sono state approvate, poiché giudicate con delle fonti non sufficientemente accettabili. Ancora una volta, quindi, la serietà ed affidabilità di Wikipedia sembra essere stata confermata.

Fonte: Gizmodo

Articoli correlati

Condividi