Dr Commodore
LIVE

One Piece, tifosi sfoggiano un Luffy gigante per sostenere la squadra di calcio palestinese

Le tematiche trattate in One Piece sono numerose, e molto spesso vengono presentate anche in modi a volte particolarmente curiosi ed efficaci. Nonostante l’opera sia rivolta specialmente ad un pubblico giovane, con delle situazioni all’apparenza particolarmente strampalate e stravaganti, queste trattano quasi sempre di argomenti particolarmente delicati, come la schiavitù, il genocidio, la corruzione del sistema, l’egoismo dell’uomo e il risentimento verso il prossimo.

Questi temi vengono affrontati nel corso delle varie saghe di One Piece dai protagonisti, che riescono infine a superare le situazioni più disperate grazie ai loro rapporti reciproci, ai sogni che inseguono, e al loro senso di giustizia e libertà che li sprona a non arrendersi mai.

Potrebbe interessarti:

ONE PIECE, LE 8 DOMANDE CHE DOVRANNO AVERE RISPOSTA COL CAPITOLO 1054

Non è una novità, dopotutto, che quest’opera di Eiichiro Oda parli prevalentemente della volontà di ricerca della liberazione dal dominio altrui, e Luffy è diventato un simbolo innegabile di ciò. Sarà forse proprio per questo che un gruppo di tifosi di una società calcistica giordana di Aman, la Al-Wehdat Sports Club, ha deciso di tirare fuori durante una partita un Luffy formato gigante come coreografia sugli spalti.

one piece

One Piece e la libertà dei palestinesi

Il conflitto tra Palestina e Israele è una questione che esiste ormai da tempo immemore, e che vede le due parti scontrarsi spesso con violenza nei confini dei rispettivi territori. Da decenni i palestinesi tentano di “liberare” la loro terra, cercando di riappropriarsi delle zone adesso sotto il controllo d’Israele anche con la lotta armata, ritenendola un’azione necessaria.

Da qui, possiamo forse capire come mai i tifosi dell’ Al-Wehdat Sports Club abbiano deciso di utilizzare proprio One Piece e Luffy come strumento e simbolo utile per incitare la loro squadra. L’ Al-Wehdat Sports Club fu fondata nel 1956 da un gruppo di rifugiati palestinesi ospitati presso un campo profughi in Giordania, e la coreografia che hanno voluto usare durante un match mostra come il loro animo rimanga ancora più che determinato nel perseguire la libertà tanto agognata.

Dopotutto, la scelta di Luffy calza a pennello: lui è sempre apparso come un protagonista che agisce d’impulso, lanciandosi verso vicende della storia e cambiandole in base al suo senso di giustizia, che non riflette o mugugna sul da farsi, e avanza senza accettare compromessi o effettuare complesse previsioni future. La volontà pura di uno spirito libero, incontenibile e quindi pericoloso, è forse quella che i tifosi palestinesi rivedono nella propria squadra, e che ispira loro stessi a lottare ancora per riavere un luogo da poter chiamare Patria.

Articoli correlati

Marina Flocco

Marina Flocco

Fruitrice seriale di videogiochi, anime, manga, tutto ciò che è traducibile dal giapponese.

Condividi