Dr Commodore
LIVE

Apple vs dipendenti: al via il contrattacco alle sindacalizzazioni

La Apple ha deciso di contrastare apertamente le sindacalizzazioni dei dipendenti dei suoi Apple Store, ingaggiando gli avvocati anti-sindacali di Little Mendelson (uno studio legale statunitense che gestisce le controversie in materia di lavoro, occupazione, mobilitò globale e immigrazione, che ha tra i suoi clienti personaggi illustri come la giocatrice di NBA Sonja Henning, la scrittrice e blogger Melissa Lafsky e l’ex assistente del segretario della sicurezza degli Stati Uniti Alnan D. Cohn).

A metà di questo mese, alcuni dipendenti della Apple Cumberland Mail di Atlanta hanno iniziato a lavorare con i Communications Workers of America (CWA) per poter poi presentare domanda per candidarsi alle elezioni sindacali e creare un loro sindacato. La richiesta sarebbe stata firmata positivamente da 107 dipendenti (ossia il 70% dei dipendenti totali del Cumberland Mail).

I dipendenti del negozio di Atlanta non sono gli unici a voler formare un sindacato contro la multinazionale. Pure i dipendenti degli Apple Store di New York e di altri due negozi hanno intenzione di presentare una domanda simile.

L’azienda vuole evitare che si formi un’organizzazione sindacale simile, per questo ha contattato gli avvocati di Little Mendelson, che stanno già affrontando una situazione simile per Starbucks.

Il potere dei sindacati sulle aziende

Un dipendente del negozio di Atlanta ha recentemente dichiarato che per lui la sindacalizzazione è sempre una buona cosa, visto che la retribuzione nei negozi Apple è molto diseguale, tanto che ad esempio ci sono state persone che hanno coperto ruoli per meno tempo e che hanno guadagnato più di persone che hanno coperto gli stessi ruoli per molto più tempo. Con un sindacato, secondo lui i dipendenti avrebbero i mezzi per incutere più pressione sull’aziende per farla agire meglio, visto che finora si è sempre dimostrata non all’altezza della sua immagine di azienda aperta al feedback.

Anche Amazon e il già citato Starbucks stanno avendo a che fare con la formazione dei sindacati dei loro dipendenti. Come nel caso dei dipendenti Apple, il gruppo si è affidato ad una organizzazione esterna (in questo caso i sindacati Workers United e Seiu). Chissà se in futuro altre multinazionali se la dovranno vedere con i sindacati.

Fonti: 1 | 2.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi