Dr Commodore
LIVE

YouCare, la t-shirt 5G che rileva i parametri bio-vitali

Durante il Mobile World Congress di Barcellona è stata rivelata al pubblico la prima smart T-shirt

La tecnologia negli ultimi anni sta compiendo dei passi da gigante, rendendo realtà dei dispositivi che fino a pochi decenni fa erano impensabili. Abbiamo già visto stranezze come il terzo occhio pensato per chi è schiavo dello smartphone, o il cerotto OLED sviluppato da Samsung per misurare i dettagli vitali degli utenti.

E ora ZTE, in collaborazione con il gruppo AccYouRate, ha annunciato durante il Mobile World Congress (MWC21) di Barcellona, che si svolgerà fino al 1 luglio 2021, una nuova maglietta intelligente in grado di rivoluzionare il mercato dello sport e della sanità: la YouCare.

Come funzionerà YouCare

Realizzata in Italia, essendo nata sotto la guida della divisione nostrana di ZTE, YouCare permetterà all’utente che la indosserà di monitorare i parametri vitali più importanti in tempo reale.

youcare corpo 2

Ciò è possibile grazie all’uso combinato di due principali tecnologie: il tessuto conduttivo filato in bioceramica naturale che comprende al suo interno vari sensori come GPS, giroscopi e accelerometri, e alla elevata velocità trasmissiva dei dati che utilizzerà un modulo 5G di ZTE, posizionato all’interno di una centralina al di sotto del logo di AccYouRate.

YouCare quindi sarà in grado di fornire importanti dati bio-vitali come il battito cardiaco, il livello di sforzo muscolare, la qualità dell’aria che si respira, la temperatura e tanto altro, rendendoli visibili istantaneamente sullo smartphone o smartwatch dell’utente.

YouCare Maglia 5G parametri vitali

Ciò rappresenterà una vera e propria rivoluzione per tutti quei settori dove il monitoraggio dei parametri vitali è fondamentale, come l’attività fisica o la medicina.

Come dichiarato infatti da Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana:

“E’ un’ invenzione che cambierà la vita e la qualità dell’assistenza domiciliare e remota ai molti cittadini che attraversano problemi di salute e alle persone vulnerabili affette da malattie croniche, garantendo accessibilità ai servizi di assistenza e supporto del nostro network nazionale ed internazionale […]

Lavoriamo al progetto dal 2018 e poter presentare oggi i risultati di questa importante sperimentazione, nata nel momento più difficile dell’emergenza Covid, ci permette di pensare con orgoglio al cammino fatto finora e di guardare al futuro con la speranza e la certezza di aver dato dimostrazione dell’impegno, capacità e dedizione del network Croce Rossa, nell’utilizzo e nella diffusione delle nuove tecnologie al servizio della persona e della società.

FONTI: ANSA.it, key4biz.it

Articoli correlati

Simone Campisi

Simone Campisi

Sai che non sai?

Condividi