Dr Commodore
LIVE

Chainsaw Man: l’intervista all’autore durante i MAPPA Stage 2021

Oltre ad un primissimo trailer di Chainsaw Man durante il MAPPA Stage si è tenuta anche una breve intervista a Tatsuki Fujimoto, durante la quale l’autore ha risposto ad alcune curiosità su se stesso e sull’opera. 

Durante il MAPPA Stage lo studio d’animazione ha finalmente mostrato un primo trailer dell’anime di Chainsaw Man, tratto dal manga di Tatsuki Fujimoto, che tutti stavamo aspettando.

Il trailer è subito diventato virale e ha conquistato per ore il primo posto nelle tendenze internazionali, qui su DrCommodore abbiamo raccolto alcuni dei migliori Tweet della giornata di ieri. 

Il trailer non è stata però l’unica cosa avvenuta durante il panel dedicato a Chainsaw Man. Si è infatti tenuta, subito dopo, una breve intervista all’autore Tatsuki Fujimoto durante la quale questi ha risposto ad alcune curiosità molto divertenti ed interessanti riguardo se stesso e la sua opera. Il tutto, ovviamente, senza spoiler. 

Chainsaw Man

La prima domanda dell’intervistatore è una curiosità riguardante la sua vita. Come mai ha deciso di diventare mangaka?

“Quando ero alle medie, una notte mi svegliai nel cuore della notte per andare in bagno e trovai la mia famiglia tenere un incontro segreto dicendo “Tatsuki diventerà un NEET se non ci prendiamo cura di lui”. Avrei voluto lavorare nel settore manifatturiero… Pensavo che non sarei mai riuscito a fare dei lavori normali. Non puoi fare film da solo ma puoi creare manga e scrivere romanzi, perciò questa è stata la principale ragione.”

La domanda successiva riguarda, invece, direttamente la sua opera. Qual è stata la fonte di ispirazione per Chainsaw Man?

“Texas Chainsaw Massacre. Le motoseghe sono forti.”

Per chi non lo sapesse, Texas Chainsaw Massacre è un franchise horror americano che conta di otto film, numerosi fumetti e persino un videogioco. 

La domanda successiva potrebbe essere spoiler se non avete letto Chainsaw Man, perciò vi consigliamo di passare alla prossima se non volete conoscere nessun dettaglio riguardo la trama. 

“Il sogno di Pochita era di essere abbracciato, ma tu hai qualche sogno o qualcosa che vorresti fare in futuro?”

“Voglio solo vivere nel miglior modo possibile.” 

Le successive curiosità non sono spoiler riguardo l’opera, perciò potete leggere senza paura. 

“Qual è la cosa che più preferisci mangiare a colazione?”

“Non ci sono davvero giorno e notte per me, diciamo che il momento in cui mi sveglio è la mia mattina. Mangio uova bollite, un po’ di carne, yogurt e prendo degli integratori, anceh se mi chiedo se funzionino davvero.” 

Altra curiosità molto carina riguarda le paure del maestro Fujimoto:

“Le persone che non seguono le regole. Una volta ho visto un uomo prendere a calci un piccione e ho pensato fosse spaventoso. Non so se stesse infrangendo qualche regola né cosa pensasse. Non puoi mai davvero saperlo con persone del genere: le cose che non riesci ad immaginare sono davvero spaventose.” 

Chainsaw Man

L’intervistatore ha poi chiesto come fosse accarezzare Pochita, che per chi non lo sapesse è, più o meno, l’animaletto del protagonista Denji (ancora una volta, cerchiamo di dire il meno possibile riguardo Chainsaw Man): 

“[Pochita] è come un pezzo di muschio marino asciutto. Un po’ come una zolla erbosa.”

Ultima domanda, a Fujimoto è stato chiesto quali lavori ricorderà quando sarà sul letto di morte. A ciò l’autore ha risposto che ce ne sono diversi, ma nello specifico ha vitato la scena del bagno presente in Parasite.

Insomma, da queste poche domande possiamo già intuire quanto Fujimoto sia stravagante riguardo certe cose e come abbia fatto a creare un’opera tanto particolare come Chainsaw Man. 

Che ne pensate voi Commodoriani di questa breve intervista a Tatsuki Fujimoto? Fatecelo sapere con un commento!

Fonte

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi