Dr Commodore
LIVE

God of War Ragnarok è stato rimandato, arriverà anche su PS4

God of War Ragnarok rimandato ufficialmente, con una conferma cross-gen

Brutte notizie per tutti i fan in attesa del sequel del recente titolo approdato su PS4 dedicato a Kratos, God of War Ragnarok non arriverà nel 2021.

Dopo lo State of Play di annuncio di PS5, di God of War Ragnarok si sono perse le tracce. Il teaser, che non mostrava altro che il logo del titolo targato Santa Monica Studio, terminava con una, già allora improbabile, data: 2021.

Sin da subito lo scetticismo dell’utenza fu elevatissimo, dato il pochissimo tempo intercorrente tra l’annuncio e la presunta uscita. Oggi, tramite un tweet di Santa Monica, quello scetticismo è stato confermato: God of War Ragnarok arriverà nel 2022, e anche su PS4, con la propria natura cross-gen confermata da Hermen Hulst insieme a Gran Turismo 7.

God of War Ragnarok delayed

Per continuare a vestire i panni di Kratos e di suo figlio Atreus dovranno quindi passare svariati mesi. Nell’annuncio Santa Monica ha affermato:

Dall’uscita del teaser del nuovo God of War avvenuta lo scorso anno, siamo stati letteralmente inondati dall’amore dimostrato dalla community. Siamo incredibilmente grati di vedere l’entusiasmo di così tante persone che desiderano vivere il prossimo capitolo del viaggio di Kratos e Atreus.”

Rimaniamo concentrati sulla produzione e lo sviluppo di un videogioco di alta qualità mentre cerchiamo di mantenere la sicurezza e il benessere del nostro team creativo, dei partner e delle rispettive famiglie al primo posto. Di conseguenza, abbiamo preso la decisione di spostare la nostra finestra di lancio del nuovo God of War al 2022.”

“Vi ringraziamo per il continuo supporto, non vediamo l’ora di mostrarvi tutte le cose entusiasmanti che abbiamo in cantiere!”

Ve lo aspettavate? Fatecelo sapere con un commento attraverso i nostri canali social.

Articoli correlati

Mirko Proietti

Mirko Proietti

Videogiocatore dal 1999, all'età di 3 anni la prima esperienza con Mega Drive e PlayStation in contemporanea. Predilige il genere Platform, ma da sempre mantiene una visione a 360 gradi del panorama videoludico. Laureato in comunicazione e orientato allo sviluppo tecnologico, cerca la completezza nella produzione del videogioco, che tende a considerare un'arte vera e propria.

Condividi