Dr Commodore
LIVE

Facebook come Clubhouse: in arrivo le chat vocali private e pubbliche

Grazie ad un’operazione di reverse engineering un hacker ha scoperto la presenza delle chat vocali sul social di Mark Zuckerberg 

Facebook è sempre stata particolarmente famosa nel mondo tecnologico per “implementare” le novità portate dagli avversari sui propri social network.

Ad esempio? Le storie di Snapchat, riprodotte a pennello su Instagram e sull’app principale del social blu, o ancora i Reels che sono palesemente un’imitazione dei TikTok.

Adesso l’azienda di Menlo Park sarebbe in procinto di introdurre nella sua app principale Facebook le chat vocali, cavalcando l’onda del successo di Clubhouse.

Le chat vocali non sono una novità sui social di Facebook Inc, perché esse saranno presto aggiunte anche su Instagram.

L’azienda ora starebbe integrando le stanze vocali anche su Facebook, almeno stando a una operazione di reverse engineering eseguita da un’utente di Twitter che avrebbe rivelato dentro il codice del social la presenza di tale funzionalità.

Le stanze, stando al leak, saranno suddivise in tre tipi:

-le chat vocali pubbliche che ricalcano in tutto e per tutto le chat vocali di Clubhouse permettendo a chiunque di accedere alla stanza;

-le chat vocali private che permetteranno di parlare soltanto con le persone presenti nella propria lista amici;

-le chat video private che permetteranno di avviare una videochiamata soltanto con i propri amici.

Al momento non sappiamo quando le chat vocali saranno introdotte su Facebook, ma come sempre vi terremo aggiornati. Voi intanto diteci, cosa ne pensate di questa funzionalità? Apprezzate le stanze vocali introdotte da Clubhouse? Fatecelo sapere con un commento!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch. Seguite inoltre le offerte del nostro shop shop.drcommodore.it e sul canale Telegram DrCommodore Offerte.

FONTE

Articoli correlati

Simone Campisi

Simone Campisi

Sai che non sai?

Condividi