Dr Commodore
LIVE

Stagione primaverile 2020: Gli anime da guardare assolutamente

Gli anime della stagione primaverile 2020 sono ormai alle porte, e, come al solito, la proposta è più che varia. Per questo, nel caso vi sentiste smarriti dall’assenza di titoli familiari, eccovi una bella lista di anime promettenti ai quali dovreste per lo meno dare una chance. Di consigli però ne abbiamo anche altri: sul canale YouTube della redazione Anime&Manga il buon Italo Scanniello ha pubblicato i suoi pick stagionali. Li trovate qui.

Kaguya-sama: Love is war?

Stagione primaverile

È impossibile negarlo, le vicende di Kaguya Shinomiya e Miyuki Shirogane ci hanno conquistati un po’ tutti. Il tempo passato a guardare la prima stagione è praticamente volato, e il vuoto che ci ha lasciato dopo il suo abbandono ha reso l’attesa per la seconda stagione una vera e propria tortura. Ma adesso che finalmente sta per tornare, non resta che mettersi comodi e godersi una delle commedie a stampo romantico più interessanti degli ultimi anni. Se non siete al passo correte a recuperarla, ma prima eccovi un assaggio di ciò che vedrete.

La storia ideata da Aka Akasaka è quella di due liceali, i soprannominati Kaguya e Miyuki. Entrambi fanno parte del consiglio studentesco della prestigiosissima Shuichi’in Academy, e sfruttano quindi la loro smisurata intelligenza per il bene di tutti gli altri studenti. Kaguya e Miyuki si amano, ma confessare i propri sentimenti sarebbe per loro vergognoso e umiliante. Qual è la loro soluzione a questo problema? Semplice, spingere subdolamente l’altro a fare il primo passo. Le loro interazioni quotidiane si trasformano quindi in una vera e propria guerra psicologica (Love is War) volta ad indurre l’altro a confessarsi per poterlo così coprire di ridicolo. Il più piccolo gesto o la più involontaria affermazione acquistano un valore molto più grande di quello che posseggono all’apparenza, creando così situazioni di alta tensione riprese, però, sempre attraverso una lente comica.

Brand New Animal (BNA)

Stagione primaverile

Appuntamento immancabile per la prossima stagione. Il nuovo anime del famoso studio Trigger segna il ritorno negli oscuri meandri delle serie TV stagionali di una delle personalità più conosciute e talentuose dell’intero settore: quella di Yoh Yoshinari. Se il nome non vi fosse familiare non temete, vi basterà sapere che dietro ad anime come Tengen Toppa Gurrenn Lagann, Kill la Kill e Little Witch Academia c’è il suo zampino (e anche più di quello). Bastano soltanto questi titoli per rievocare nelle nostre menti uno specifico approccio al mondo dell’animazione dal sapore molto particolare, frutto in buona parte della sua presenza e che infatti è subito possibile intravedere guardando anche con un occhio solo il trailer di questo nuovo progetto. Gli occhi però fareste bene a spalancarli entrambi, sia per cogliere le svariate autocitazioni che lo studio è solito inserire nelle proprie opere, che perché il fatto che Yoshinari ed ogni singolo membro del suo staff si siano impegnati per dar vita ad un qualcosa di visivamente interessante è praticamente una garanzia.

Occhio però che c’è anche la storia da tenere in considerazione. Ebbene, quella di BNA sembra svolgersi in un presente alternativo nel quale l’umanità è costretta a fare i conti con l’esistenza di individui metà uomini e metà animali. A destare l’attenzione dovrebbe essere un elemento in particolare, ovvero quello della coesistenza di più razze nella società. L’incipit per mettere sul piatto tematiche di enorme importanza, come quella del razzismo, c’è tutto. Non resta, quindi, che vedere come verranno affrontate e sviluppate.

Gleipnir

Stagione primaverile

Non serve di certo una qualche laurea per notarlo, ma Gleipnir fa della bravura del suo character designer, Takahiro Kishida, il suo più grande punto di forza. Tra Haikyuu!!, Welcome to the Balloroom, Durarara!! e persino Puella Magi Madoka Magica, l’artista è responsabile dei design di tanti anime molto conosciuti dagli appassionati. Per questo possiamo sicuramente aspettarci una serie visivamente molto interessante…almeno all’inizio. Perché si, oltre ad essere il grande punto di forza dell’adattamento, il character design forse è anche la sua più grande debolezza. Certo, il design di Kishida è molto intrigante, ma è anche e soprattutto pieno di linee da dover far muovere. E questa cosa non è proprio il massimo per gli animatori, specialmente nelle condizioni in cui ormai è risaputo si trovino a lavorare.

Non è mica la prima volta che Kishida compie una scelta del genere, basta guardare i già menzionati Haikyuu!! e Welcome to the Ballroom, ma che questa arrivi proprio dopo che il primo dei due è stato costretto a semplificare i design perché ormai insostenibili non è proprio un fantastico augurio. Malocchio a parte, comunque, Gleipnir resta comunque, sulla carta, una serie interessante. Per quanto l’incipit di un ragazzo con dei poteri soprannaturali costretto ad abbandonare la sua vita monotona ma per lo meno tranquilla non sia di certo originale, la storia sembra comunque contenere tutti gli elementi adatti ad intrattenere una vasta fetta di spettatori.

Sing “Yesterday” for me

Stagione primaverile

Se siete alla ricerca di un qualcosa di “meno movimentato” allora Yesterday wo Utatte probabilmente farà al caso vostro. Qui non saremo catapultati in un mondo alternativo né avremo modo di assistere a qualche lotta intergalattica, bensì ci troveremo faccia a faccia con il viaggio più misterioso che si possa mai intraprendere: quello della vita. Dopo non essere riuscito a trovare un lavoro che potesse rispecchiare le sue ambizioni, il nostro protagonista, Rikuo Uozumi, si appresta a dover fare i conti con il fatto di star diventando un adulto. Cosa c’entra in tutto questo una bizzarra ragazzina che sembra aver addomesticato un corvo? E il titolo invece che senso ha? Tutte domande più che legittime a cui però non possiamo ancora dare una risposta. Per questo non è proprio facile inquadrare con esattezza questa serie. Quel che è certo, però, è che raggiunta la fine i vari personaggi che la compongono saranno sicuramente diversi, mutati nel profondo dalle loro esperienze.

Shachou, Battle no Jikan desu!

Come non parlare di Shachou, Battle no Jikan desu!
Il mondo del gioco di Kadokawa, Preapp Partners e Deluxe Game prende vita grazie allo studio C2C. A contrapporsi alla sfiducia che un nome poco conosciuto come quello potrebbe instillare, però, troviamo subito il fantastico design di Keisuke Watanabe. L’artista ha contribuito a conferire ad Eromanga Sensei l’aspetto “da diabete” che l’ha reso super famoso, ed eccolo qui a riproporlo anche questa volta. Se non ci credete andate a dare uno sguardo al trailer: l’aspetto super carinissimo dei personaggi sarà una delle cose che maggiormente salteranno all’occhio. Aggiungete poi a tutto questo anche una storia allegra e spensierate, e avete trovato l’anime perfetto per staccare momentaneamente la spina. Non perdetevelo.


Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Inoltre seguite Anime e Manga ITA sui loro social e sul canale Youtube!

Articoli correlati

Matteo Mellino

Matteo Mellino

Matteo Mellino, sul web Mr. Gozaemon. Tormenta continuamente amici e familiari parlando dell'argomento che più lo affascina e al quale dedica tutto il suo tempo libero: l'animazione giapponese. Più pigro di Spike, testardo quanto Naruto ma sempre positivo come Goku.

Condividi