fbpx
News Tech

Motorola Razr: quanto costa ripararlo?

Motorola tempo addietro aveva annunciato il modello iconico Razr, rifatto per rimanere a passo con i tempi. RAZR™ è il primo smartphone a conchiglia realizzato con un display flessibile, sfruttando quella che è a detta di tutti la tecnologia del futuro in campo fonia mobile.
Motorola RAZR

Una nuova tecnologia fragile

La preoccupazione vera di tutti gli addetti al settore è una sola: quanto è fragile il display? Quanto costerebbe riparare uno di questi nuovi dispositivi? Lo smartphone, costruito con il migliore acciaio inossidabile e il vetro 3D Gorilla Glass, ha un guscio esterno protettivo e resistente ma premium al tatto, grazie ai materiali selezionati.

Già i primi modelli di Galaxy Fold hanno dimostrato tutte le criticità e i difetti di una tecnologia acerba. Pellicole che si tolgono come nulla e schermi che non rispettano gli standard dichiarati dal costruttore sono alcuni tra i problemi che sono sorti in questi mesi tanto da ritardare l’uscita dei primi modelli di questi nuovi smartphone.

 

Ma quanto costa riparare uno schermo di un Razr?

A differenza dei suoi competitors, Motorola ha deciso di porre il prezzo di ricambio dello schermo del suo nuovo arrivato a un costo accessibile ai più. Questa mossa, chiaramente di marketing, mira a cercare di rendere il suo prodotto non solo più popolare, ma anche più “abbordabile”.

Se i suoi “cugini” Huawei Mate X e Samsung Galaxy Fold richiedano il doppio (circa 600 dollari) Motorola ha dichiarato che sarà possibile riparare il display A SOLI 299 DOLLARI (in pratica il costo di uno smartphone di fascia media, mica bruscolini ndr).

Nonostante i costi folli per dispositivi e riparazioni, questa tipologia di dispositivi rimangono comunque i precursori di quello che sarà il futuro e i prezzi caleranno sicuramente. Al momento rimangono proibitivi per i più, al massimo non per gli addetti ai lavori.

Vi terremo aggiornati. Stay Tuned.

FONTE

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments