fbpx
Google Stadia News Videogames

Google Stadia: si punta alla latenza negativa, quale il consumo di dati?

Google Stadia

Google Stadia continua la marcia di avvicinamento al lancio, e lo fa con promesse rivoluzionarie

Madj Bakar promette delle features fantascientifiche per Google Stadia. Lo streaming engineer della piattaforma della grande G, infatti, intervenuto sul noto magazine Edge, ha raccontato di un innovativo sistema che permetterà a Stadia di prevenire l’input lag “nel giro di uno o due anni“.

Google Stadia

In verità, Bakar si spinge oltre ed afferma che, nel giro dello stesso lasso di tempo, si avranno “Titoli più veloci e responsivi in cloud che su di una macchina in locale; indipendentemente dalla potenza di quest’ultima“. Tutto ciò sarà possibile attraverso l’obiettivo finale di Google Stadia, ossia il raggiungimento di una “latenza negativa“.

La stessa opererà in vario modo. Quello che più stuzzicherà gli amanti della tecnologia è legato all’avanzato machine learning di Stadia, che permetterà al sistema di sviluppare una sorta di ‘consapevolezza’ di gioco, al fine di eleborare una strategia predittiva efficace. Sì, avete letto bene! Google Stadia abbatterà l’input lag attraverso la previsione degli input stessi.

Tutto bene, tutto bello, ma dov’è la proverbiale ‘fregatura’? Secondo un articolo di Ars Technica, anche Microsoft starebbe sviluppando una simile tecnologia per il suo Project X Cloud, sin dal 2014. Il dato allarmante proverrebbe dal consumo: DeLorean, questo il nome del sistema, adoperava una quantità di dati tra l’1,5 e le 4 volte in più rispetto a quella normalmente richiesta. Se pensiamo che, secondo le stime, giocare in 4K/60fps su Stadia richiederà uno scambio di dati vicino ai 16 GB/h, capiamo come Stadia possa diventare il nemico numero uno dei Servizi Internet a consumo o a quelli con soglie limitate.

Google Stadia

Il futuro dà, il futuro toglie. Voi cosa ne pensate? Vi ricodiamo che Google Stadia sarà disponibile dal prossimo novembre. Prenderete parte alla rivoluzione o ne prenderete le distanze? Fatecelo sapere con un bel commento!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments