fbpx
Film/Serie Tv News

Brad Pitt e Snoop Dogg vorrebbero entrare nel cast di Peaky Blinders

peaky blinders

Mentre la quinta stagione di Peaky Blinders è stata appena rilasciata su Netflix, iniziano già a trapelare informazioni circa possibili new entry nel cast della serie.

Secondo quanto rivelato da Steven Knight, lo sceneggiatore della celebre serie della BBC, in un’intervista al The Guardian, sarebbero state infatti molte le telefonate da parte di celebrità che hanno richiesto una parte.

Tra i nomi più noti spicca sicuramente quello di Brad Pitt; la star di C’era una volta a… Hollywood non è tuttavia l’unico che ha contattato Steven Knight; anche i rapper Snoop Dogg e A$AP Rocky si sono mostrati interessati a comparire nella sesta stagione.

Steven Knight ha affermato quanto segue:

Abbiamo un sacco di persone che si mettono in contatto e vogliono avere una parte. C’è Brad Pitt, Snoop Dogg e anche A$AP Rocky. Penso che nella sesta serie apriremo un po’ le porte per coinvolgere alcuni attori famosi. La cosa principale è che devono essere bravi. sceglieremo il miglior attore per ciascuna parte, come abbiamo fatto con Sam Claflin, che interpreta Mosley. Lui è perfetto.

Vi è inoltre una curiosità interessante riguardo Snoop Dogg: il rapper ha infatti recentemente creato una cover della sigla di apertura di Peaky Blinders, Red Right Hand, ovviamente in salsa rap.

Riguardo il ruolo che dovrebbero ricoprire queste celebrità non si hanno ancora informazioni, ma una cosa è assolutamente certa: Steven Knight non vuole camei.

Trovo sempre problematico quando il pubblico conosce qualcuno da un’altra opera e questo viene fatto comparire e basta. È molto destabilizzante.

Potrebbe riferirsi all’apparizione di Ed Sheeran in Game of Thrones?

Be’, ci sono alcune vittime lungo la strada” ha concluso Steven Knight.

E voi che ne pensate di questi attori? Li vedreste bene in Peaky Blinders? Fatecelo sapere con un commento.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments