fbpx
Curiosità

Una scuola cattolica di Nashville vieta i libri di Harry Potter perché… evocano demoni

harry potter

Benvenuti a fine 1400, cari lettori di Harry Potter

Se avessimo saputo che bastava andare a Nashville per shottare qualcuno con un Avada Kedavra ci sarebbe stata una migrazione di massa tipo ebrei dall’Egitto. Ah, già, non lo sapete che le magie di Harry Potter funzionano? Forza, bambini, tirate fuori le bacchette e lanciate uno Stupeficium alla vostra maestra: se siete a Nashville, più precisamente alla scuola cattolica St. Edward, la vedrete spiaccicata sul muro dietro la cattedra come un incidente stradale dipinto da Jackson Pollock.

harry potter

Confusi? Comprensibile, ma cerchiamo di fare chiarezza. Sì, perché qualche giorno fa la suddetta scuola di Nashville, in Tennessee, ha bandito dalla sua biblioteca tutti i libri di Harry Potter. Il motivo? Beh, ma state ancora a chiederlo? Ovvio, le magie in realtà sono vere, e leggendole puoi evocare demoni dai membri giganti che spruzzano altrettanti goblin che, e spesso succede proprio in quella zona degli Stati Uniti, vomitano uominiorsimaiali che, e dovete stare veramente ma veramente attenti, rischiano di insegnarvi il libero arbitrio e che magari uno deve crearsi la propria morale, senza immagazzinarne una imposta a priori.

harry potter

È tutto così tragicamente vero. A riportarlo è il Tennessean, che mette sul proprio sito un estratto delle parole del reverendo Dan Reehil, uomo che probabilmente brucia le streghe in pausa pranzo. Eccovele, tenetevi forte e state pronti con l’Occlumanzia:

“Questi libri presentano la magia come buona e malvagia, cosa non vera, ma solo un astuto inganno. Le maledizioni e gli incantesimi usati nei libri sono maledizioni e incantesimi reali che, quando letti da un essere umano, rischiano di evocare spiriti maligni alla presenza delle persone che stanno leggendo il testo.”

Sì, non stiamo scherzando. E, soprattutto, neanche lui. Perché ha dichiarato di aver chiesto pareri a vari esorcisti, statunitensi e di Roma, che gli hanno consigliato di rimuovere i libri. Un uomo avanti cento anni, dopotutto stiamo attualmente vivendo in una specie di apocalisse biblica eterna, con demoni che spuntano ogni cinque minuti smembrando la gente per strada.

https://cdn0.tnwcdn.com/wp-content/blogs.dir/1/files/2016/11/giphy-5.gif

E come dimenticare quel brutto incidente sul set del primo film, quando alla settima “Leviosà” è apparso un Adramelech che ha sodomizzato il povero Rupert Grint? Per non parlare delle maratone televisive o delle riedizioni cartacee: ogni volta la Terra viene invasa da Behemot, Azazel, Draghignazzo e Bafometto, che ormai sono talmente di casa da avete la tessera dell’Esselunga, e tra un sabba e l’altro riescono a strappare qualche arto in più e cinque euro di sconto sulla spesa.

harry potter

Resta il fatto che Dan Reehil ha l’ultima parola sulla sua scuola. Quindi, sì, Harry Potter è ufficialmente bandito dalla St. Edward di Nashville, sia mai che qualche ragazzino evochi per sbaglio un Cerbero mentre legge del sacrificio di Piton. Mentalità giusta, sguardo al futuro e qualche rogo di pagani qua e là, tanto per andare sul sicuro, dopotutto c’è sempre il rischio che un bambino raccolga un bastoncino di legno e, con le parole sbagliate, faccia una strage nella sua scuola. Solo che le parole sbagliate, nella splendida terra statunitense, sono spesso “prendo anche quel fucile” al supermercato.

Fonte

E voi cosa ne pensate di tutta questa vicenda? Ditecelo nei commenti!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Edoardo Ferrarese

Nato a Novi Lugubre l’11/11/92, anche se nessuno lo ha interpellato sulla questione. Laureato in Lettere Moderne senza infamia e, soprattutto, senza lode, capisce che magari gli piace la critica cinematografica e il Cinema tutto, anche se troppo tardi, e che vuole scriverne, perciò prende pure un diploma alla Scuola Holden (tanto per non continuare a sembrare un radical chic di merda). Finirà per insegnare letteratura italiana nel liceo del suo diploma, però questo non ricordateglielo mai.