fbpx
Comics Curiosità

Topolino vs Salvini, quando la politica perde contro i fumetti

Troppo spesso i politici usano i fumetti o “giornalini” per svilire i loro avversari. Chi lavora per Topolino non ci sta ed è pronto a blastare

Le vicende politiche italiane dell’ultimo periodo vedono un grande bastonato, l’ex vice-premier Matteo Salvini. Il segretario della Lega si è ritrovato alle strette e sta provando ad attaccare i propri avversari politici. Ancora una volta ha usato i “giornalini” per svilire le vicende che lo stanno travolgendo dichiarando:

“Io non pensavo che ci sarebbero stati dei parlamentari renziani che invece di andare alle elezioni avrebbero votato anche per il governo di Pippo e Topolino”.

Clicca qui se vuoi che la situazione politica italiana ti venga spiegata da Giovanni Muciaccia

Subito è arrivata la risposta secca in un tweet dello sceneggiatore di Topolino, Francesco Artibani:

Una blastata che suona come un colpo nei reni dell’ex vice-premier. Ma questa non è la prima volta che Matteo Salvini viene blastato da Topolino.

Il precedente di Topolino vs Salvini

In passato, infatti, aveva dichiarato di preferire Topolino a l’Espresso ed anche in quel caso era arrivata una stoccata non indifferente. Uno degli autori che curano l’edizione italiana del fumetto Disney, Roberto Gagnor, gli aveva risposto:

“Allora ci legga. Nelle nostre storie troverà cose interessanti: fantasia, cultura, tolleranza, apertura verso gli altri, coerenza, universalità”.

La risposta avvenne anche sulle pagine dell’Espresso che mise questa copertina:

Gagnor spiegò, poi, in un articolo sul Post la sua visione sull’usare il topo simbolo della Disney come metro di paragone svilente:

“Con il solito sottinteso che Topolino è cosa da poco, quindi secondo Salvini L’Espresso fa così schifo che PERSINO Topolino è meglio. Una miope tendenza abbracciata spesso da Salvini, ma anche da altri politici: considerare Topolino «roba da bambini», un magazine sempliciotto, scemo, «cultura bassa» o non-cultura». Per lo sceneggiatore invece, «la letteratura per bambini ha un pedigree culturale ormai ben più importante delle dichiarazioni di parecchi politici”.

Insomma per ora Topolino batte Matteo Salvini 2 a 0.

Fonte

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

 

 

Facebook Comments

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"