fbpx
Breaking News News Tech

Il rumore delle pale eoliche provocherebbe il cancro, secondo Donald Trump

La Spagna aveva Don Chisciotte, l’America ha Donald Trump. Secondo le ultime dichiarazioni del Presidente degli Stati Uniti d’America – famoso per le sue argomentazioni prive di ogni fondamento scientifico – le pale eoliche sarebbero dannose per la salute. Il loro rumore infatti provocherebbe addirittura il cancro, sebbene le modalità non siano ancora note (e probabilmente non lo saranno mai, considerando che qualcosa del genere non è nemmeno lontanamente vicino all’esistere).

Le dichiarazioni contro le pale eoliche

Durante una raccolta fondi per i Repubblicani a Washington lo scorso martedì, Trump ha dato ancora una volta spettacolo, cercando di smontare gli effetti positivi dell’energia rinnovabile e addossando alle pale eoliche più o meno tutti i mali del mondo.

Se avete una pala eolica da qualche parte vicino casa, congratulazioni: la vostra casa ha appena perso il 75% del suo valore”. Una dichiarazione palesemente infondata – smentita dalla CNN già quando qualche anno fa, sempre secondo Trump, la svalutazione ammontava al 65%. Secondo alcune ricerche condotte dal Journal of the Real Estate Research, infatti, non è stato registrato nessuno svalutamento statisticamente significativo causato dalla presenza di pale eoliche.

Ma volendo assecondare il presidente e ammettendo che le sue dichiarazioni fossero vere, la causa della svalutazione risiederebbe nel fatto che la vicinanza di una pala eolica causerebbe malattie come il cancro.

“E dicono che il rumore causi il cancro. Me lo avete detto voi, ok” (qui non è ben chiaro a chi si stesse riferendo). Sfortunatamente, però, anche in questo caso la scienza non è dalla parte di Trump. Secondo uno studio, le pale eoliche non avrebbero nessun effetto sulla salute dell’uomo. Anche se i suoni a bassa frequenza potrebbero effettivamente incidere sul sonno e causare nausea e vertigini – ma nulla di lontanamente vicino al cancro. D’altronde, cosa aspettarsi da un uomo che mette in dubbio la validità dei vaccini e il riscaldamento globale?

Non poteva mancare, infine, la causa animalista. “…e ovviamente sono come cimiteri per gli uccelli. Se amate gli uccelli, non vorreste mai camminare sotto una pala eolica, perché è una vista molto, molto triste. È come un cimitero. Mettiamo una piccola statua per i poveri uccellini, davvero. Sapete che in California si può essere arrestati per aver sparato a un’aquila calva. E nonostante ciò le pale eoliche li spazzano tutti via. Davvero. Li spazzano via. È terribile”.

Su questo, quasi nulla da dire: è vero, le pale eoliche uccidono gli uccellinicosì come lo fanno i tradizionalissimi cavi elettrici. Questi sarebbero anzi una delle maggiori fonti di mortalità degli uccelli, secondo il sito Natura Che Vale. L’impatto con i cavi può causare ferite mortali, mentre rimangono spesso stecchiti quegli animali particolarmente grandi che, aprendo le ali per riprendere il volo, toccano i cavi adiacenti chiudendo il corto circuito e così anche il ciclo della loro vita. Eppure i cavi sono ancora lì, a seminare il panico tra i poveri volatili.

Le origini del conflitto

Ma da dove viene tutto questo astio di Trump nei confronti delle pale eoliche? Oltre agli interessi economici nel mantenere attiva l’industria basata sul carburante fossile, e di conseguenza una vera e propria battaglia alle energie rinnovabili, a scatenare la rabbia di Trump sarebbe bastato molto meno.

Il fatto risale infatti al 2015, quando il governo scozzese voleva installare delle pale eoliche sulla costa di Aberdeen, rovinando la vista del campo da golf di Trump; il caso arrivò addirittura alla Corte Suprema. Tuttavia, gli impianti furono realizzati comunque e completati nel 2018. E Trump dovette anche farsi carico delle spese legali del governo scozzese. Chi semina vento, raccoglie tempesta.

Insomma, Donald Trump come un Don Chisciotte moderno. Peccato però che l’hidalgo spagnolo fosse solo un povero scellerato, e non fosse alla guida di uno dei paesi più potenti e influenti del mondo.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

 

Facebook Comments

Eleonora Amenta

Eleonora, 21 anni, (quasi sempre) da Roma.
Studio lingue, ma trovo sempre tempo per appassionarmi a qualcosa di nuovo.

Image credits: @maggiecoledraws on Instagram