fbpx
News Smartphone Tech

Google potrebbe aver rivelato per sbaglio Pixel 3!

La svista nelle impostazioni della Beta di Android P

Si è concluso poche settimane fa Google I/O, l’incontro sulla tecnologia che l’azienda tiene annualmente. Tra i vari argomenti non poteva mancare Android P, il nuovo aggiornamento del sistema operativo Android. Google ne ha, infatti, rilasciato una versione Beta, ma non è stata molto attenta. Secondo alcuni rumor infatti, sembra che potrebbe aver involontariamente rivelato in anticipo il design di Pixel 3, la cui uscita è stata già confermata.

La svista è infatti “nascosta” nelle impostazioni della beta di Android P, come inizialmente riportato da Slashleaks. Seguendo il percorso Settings > Sounds > Shortcut to Prevent Ringing è possibile arrivare alla foto incriminata: la funzione viene, infatti, descritta utilizzando l’immagine di un telefono con un nuovo design, diverso da ogni telefono Pixel mai esistito, e che se confermato potrebbe sicuramente cambiare il mercato della telefonia.

L’immagine mostra un nuovo design

Perché sarebbe rivoluzionario

Com’è possibile vedere dall’immagine, il display occupa totalmente la superficie del telefono, senza il classico spazio inferiore e soprattutto senza nessuna traccia del notch.
Ciò solleva diverse questioni. Innanzitutto, l’assenza del notch (che ricordiamo essere nato appositamente per posizionare quelle componenti che prima erano nello spazio sopra lo schermo, ora tagliato) potrebbe far pensare a diverse soluzioni studiate da Google per posizionare la fotocamera e le altre componenti. Che abbia fatto ricorso alla pop-up camera, in altre parole la stravagante fotocamera frontale che “esce fuori” dal telefono quando serve? Oppure ancora, potrebbe essere riuscita a sviluppare la tanto ambita tecnologia under-display, in grado di posizionale la fotocamera al di sotto dello schermo (e, di fatto, rendendo inutile l’esistenza del notch)?
Se si confermasse essere davvero il design ufficiale di Pixel 3, Google sarebbe la prima ad aver raggiunto la perfezione nel design per smartphone.

Google non ha imparato dai suoi errori

È importante sottolineare che nessuna delle ipotesi qui riportate ha un fondo ufficiale, e che si trattano solamente di voci. Ciò che però fa sperare nella veridicità di queste immagini è che Google ha commesso lo stesso identico errore con Pixel 2 XL. Nell’illustrare il nuovo strumento di trasferimento dati, infatti, Google aveva utilizzato un design sconosciuto, che si è poi rivelato essere proprio quello di Pixel 2 XL.
Inoltre, l’esistenza di telefoni con design simili come Vivo Apex, fa pensare che una tecnologia sufficientemente avanzata per creare questo tipo di telefoni esista già.
E se ci riesce Vivo, certamente Google non può essere da meno…

Vivo Apex (a sinistra) confrontato con iPhone X

Notch o non notch?

Le notizie degli ultimi giorni però sembrano smentire la presenza del display frameless, confermando la presenza del notch. Le ipotesi arrivano sempre osservando Android P. Nel sistema operativo attuale, Oreo, la barra di stato lascia spazio fino a sette icone; quella di Android P invece ne consente fino a quattro, lasciando un “vuoto“, che sarà probabilmente riempito dal notch.

La conferma arriverà a ottobre

L’unica cosa sicura è che Pixel 3 ci sarà, com’è stato confermato da Evan Blass, uno dei più noti ed autorevoli leaker del mondo Android. Insieme al nuovo smartphone sono state confermate altre novità, come la seconda generazione di Pixel Buds (le cuffie bluetooth in grado di tradurre istantaneamente) e uno smartwatch brandizzato Pixel. Come ogni anno bisognerà aspettare Ottobre, periodo in cui di solito Google presenta i suoi nuovi prodotti.

Ricordiamo che tutte le informazioni sono solamente voci e non c’è stata alcuna dichiarazione ufficiale a riguardo. Ma voi cosa ne pensate? Vi piacerebbe un Pixel 3 con il notch? Che aspettative avete riguardo questo telefono? Fateci sentire la vostra opinione e le vostre speranze con un commento!

FONTE

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

Facebook Comments

L'autore

Eleonora Amenta

Eleonora, 21 anni, (quasi sempre) da Roma.
Studio lingue, ma trovo sempre tempo per appassionarmi a qualcosa di nuovo.

Image credits: @maggiecoledraws on Instagram

Twitch!

Canale Offerte Telegram!