fbpx
Film/Serie Tv News

Marvel Studios: Dopo l’uscita di Perlmutter lo staff ha più libertà creativa

Il prezzo della libertà

Il Marvel Cinematic Universe non è sempre stato il “macina soldi” che tutt’oggi conosciamo. Lo shared universe Marvel ha infatti faticato molto ad arrivare dove si trova. Ike Perlmutter (CEO di Marvel Entertainment) è stato uno degli ostacoli più grandi da superare. Il dirigente infatti portava continui cambiamenti all’interno dei film, solamente per aumentare le vendite del marchandising legato alle pellicole e  ciò ha portato a continue lamentale da parte di alcuni registi. Chi ha abbandonato un film non ancora iniziato (Edgar Wright con Ant-Man), altri sono arrivati a livelli di frustrazione mai visti (Joss Whedon con Age of Ultron).

Kevin Feige (presidente dei Marvel Studios) ha cercato più volte di risolvere queste controversie ma alla fine c’era sempre qualche problema che metteva in disaccordo tutta la produzione. Per fortuna da qualche anno Perlmutter  ha preferito concentrarsi su altri progetti, tra cui il flop Inhumans.

Feige ha così preso il suo posto, assumendo pieno controllo della produzione dei film del Marvel Cinematic Universe, permettendo una maggiore serenità all’interno dello staff.

Marvel Studios

ATTENZIONE SPOILER!

I fratelli Russo hanno commentato i cambiamenti all’interno degli Studios da quando Feige ha preso in mano la situazione:

In pratica, scegliamo la storia che vorremmo raccontare e la presentiamo alla Marvel. E non ci è stata mai respinta nessuna decisione. Non abbiamo avuto alcuna conversazione con James Gunn riguardo la morte di Gamora in Infinity War, per esempio.SSicuramente Kevin gli ha parlato ma non ci hanno mai respinto l’idea.”

Cosa ne pensate della direzione che hanno preso i Marvel Studios? Scrivetecelo nei commenti,

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su  Facebook,  InstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

Facebook Comments