Dr Commodore
LIVE

Come usare ChatGPT senza limiti (e cosa succederà in Italia)

ChatGPT è ormai sulla bocca di tutti da mesi ed è stato capace di stravolgere il mercato a tal punto da essere bloccato nel Bel Paese e, alcune personalità autorevoli nel mondo, hanno chiesto l’immediata cessazione del processo di sviluppo della prossima versione. OpenAI, l’azienda che è dietro al caro amato chatbot, però, negli scorsi mesi ha dato pieno accesso alla propria tecnologia tramite un piano a pagamento.

Ed ecco che circa due mesi fa è nato ChatGPT Plus, un piano ad abbonamento mensile di OpenAI che permette pieno accesso a tutte le funzionalità di questa meravigliosa intelligenza artificiale con tutti i suoi pro e contro. Cosa cambia quindi dalla versione base visto che è già molto potente di suo?

Cos’è ChatGPT Plus?

ChatGPT Plus è il primo piano a pagamento offerto da OpenAI e fornisce diverse funzionalità rispetto alla versione free. Queste funzioni probabilmente arriveranno in futuro nella versione gratuita ma, per ora, sono esclusiva dell’abbonamento Plus. Prima su tutte, chi partecipa al piano può usufruire di maggiore disponibilità dei servizi, anche nei momenti di alta richiesta, mentre chi sfrutta la versione free dovrà attendere magari minuti prima di accedere al sito.

ChatGPT Plus

Gli utenti di ChatGPT Plus sfrutteranno una versione del bot più aggiornata, con tempi di risposta molto più brevi rispetto alla versione gratuita e vari miglioramenti nel tempo. Come la versione free, si potranno fare domande senza problemi o scrivere testi e, come lo abbiamo sempre conosciuto, risponderà anche in base alle risposte precedenti.

LEGGI ANCHE: Blocco di ChatGPT, un ingegnere italiano non ci sta: nasce PizzaGPT, il clone utilizzabile senza VPN

Il costo di 20$ al mese non è proprio accessibile a chiunque ma per chi lo sfrutta per lavoro può essere un investimento decisamente allettante. Chi vorrà acquistare l’abbonamento dovrà attendere una lista di attesa visto che per ora la domanda è troppo elevata.

Cosa succede a chi lo ha già acquistato in Italia?

“Caro cliente ChatGPT, siamo spiacenti di informarti che abbiamo disabilitato ChatGPT per gli utenti in Italia su richiesta del Garante italiano. Stiamo emettendo rimborsi a tutti gli utenti in Italia che hanno acquistato un abbonamento ChatGPT Plus a marzo. Stiamo anche sospendendo temporaneamente i rinnovi degli abbonamenti in Italia in modo che gli utenti non vengano addebitati mentre ChatGPT è sospeso”

Il rimborso dovrebbe arrivare in circa 5-7 giorni lavorativi a seconda della banca emettente a detta di OpenAI. Nel frattempo, potreste sfruttare una VPN per usare ancora il chatbot.

Fonte: 1

Articoli correlati

Valerio Monti

Valerio Monti

Fotografo, videomaker e consulente tecnico, ma visto che mi avanzava un po' di tempo anche studente di Ingegneria Informatica

Condividi