Dr Commodore
LIVE

“La Terra non è sicura”: uomo della Florida punta a creare dei server sulla Luna in cui custodire i dati

Siamo in Florida, dove un sognatore vuole ridefinire i limiti del cloud computing fino a renderne obsoleto il nome. Lui e la sua startup desiderano portare dei web server sulla Luna, abbattendo i limiti dell’atmosfera.

Questo è l’annuncio di Lonestar Data Holdings, una startup americana che è riuscita a ottenere ben 5 milioni di dollari di finanziamenti col proprio progetto, e che verranno utilizzati per raggiungere il loro ambizioso obiettivo: creare un data center sul nostro satellite.

Il visionario fondatore della startup Chris Stott ha un’idea ben precisa dietro questa missione, che è quella di salvare i dati dall’inarrestabile decadenza al quale sta andando incontro il nostro pianeta:

“I dati sono la moneta più grande creata dalla razza umana. Siamo dipendenti da essi per quasi tutto ciò che facciamo e sono troppo importanti per noi come specie per lasciarli conservati nella biosfera sempre più fragile della Terra. Il nostro satellite più grande, la Luna, rappresenta il luogo ideale per conservare al sicuro il nostro futuro”.

web server luna florida

Il cambiamento è già in atto

Lonestar ha già testato con successo il suo data center sperimentale in condizioni di microgravità a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nel dicembre 2021. Il data center, che pesa soltanto due libbre, può vantare anche una capacità di 16 terabyte. Pare che ci sia già il piano di portarlo a bordo del razzo SpaceX Falcon 9. In caso di successo, Lonestar potrebbe avere data center autosufficienti sulla Luna entro il 2026.

La startup è convinta che l’espansione dell’economia mondiale per includere la Luna sia il prossimo passo nella Nuova Economia Spaziale. Questo sarà un passo importante per guidare le prossime esplorazioni lunari, perché ci sarà un luogo sicuro in cui conservare i dati.

È vero che l’ecosistema del nostro pianeta e il nostro stile di vita iper tecnologico sta diventando sempre più difficile da mantenere, e ormai numerose opere di narrativa teorizzano sulla necessità per i terrestri di spostarsi altrove pur di sopravvivere. Il piano di questa startup sembra essere la prima pietra posta proprio in vista di quel futuro.

Fonte: 1

Potrebbe interessarti anche: BABYLON’S FALL CHIUDE I SERVER A MENO DI UN ANNO DI ATTIVITÀ

Articoli correlati

Condividi