Dr Commodore
LIVE

God of War di Amazon, web lancia petizione: ingaggiate il cosplayer di Kratos diventato meme

I cosiddetti “fenomeni del web”, i meme più noti, la “lore” di internet che vediamo crescere di giorno in giorno, ci ha preparato ad assistere a questo evento: ora che Kratos e God of War appariranno anche in formato televisivo grazie ad Amazon Prime Video, c’è l’occasione perfetta per rendere l’intero mondo partecipe del meme che più viene copia-incollato nelle discussioni relative al gioco di Santa Monica.

Stiamo parlando ovviamente del famigerato fatto che avvenne durante la gara di cosplay del XMAS Comics di Torino nel 2019, in quella che sembrava essere una semplice fiera dedicata agli appassionati dei vari media d’intrattenimento, con i suoi eventi, i suoi stand, e le varie particolarità da offrire per passare una giornata serena insieme a ciò che si ama.

Tuttavia, per Paolo Spartano ciò che stava per avvenire lì era un qualcosa che aveva atteso da tempo, per cui si era preparato al massimo, che desiderava ardentemente conquistare ma che, alla fine di tutto, non ha fatto altro che sfuggirli inevitabilmente dalle dita. A quel punto, mentre Paolo non è riuscito a perdonare nessuno, il gesto di cui è stato autore viene ora ricordato da tutti.

God of War su Amazon Prime e la rivincita di Paolo nei panni di Kratos

Di recente è giunta la conferma della serie di God of War su Amazon Prime, e a questo proposito è giunta anche una petizione lanciata da un utente del web su Change.Org, il quale ha deciso di portare alla rivalsa il grande sforzo effettuato da Paolo diversi anni fa affidando a lui il ruolo d’interpretare il personaggio di Kratos.

God of War Ragnarök

Per chi non conosce nel dettaglio la storia che ha poi raggiunto l’intero internet italiano, in soldoni durante la gara di cosplay Paolo sembrava convinto dell’ottima riuscita del suo cosplay del furioso Kratos, ma alla fine non fu lui a vincere il primo posto. Dopo ciò, egli decise di pubblicare un post sui social per sfogarsi, e per via del modo in cui lo formulò è diventato in men che non si dica un vero e proprio meme copy-pasta.

Inoltre, l’estate prima di quel maledetto giorno di XMAS Comics, Paolo fu anche protagonista di un’intervista su Do It Nerd, dove parlò del grande significato che la costruzione di quel cosplay ha avuto per lui, uscendo da un brutto periodo nella sua vita che lo ha portato a rompersi entrambi le mani. Paolo prese il personaggio di Kratos come obiettivo di rivalsa e ritorno: un occasione per rifarsi di ogni cosa che lo stava affliggendo.

Speriamo che Paolo possa prendere con simpatia questa petizione, nata più come gesto per far vivere ancora il meme, che a suo modo lo ha portato a mostrare a tutti quanti gli sforzi del suo cosplay senza dover nemmeno necessitare di una gara o di una fiera per esporli al pubblico.

Articoli correlati

Marina Flocco

Marina Flocco

Fruitrice seriale di videogiochi, anime, manga, tutto ciò che è traducibile dal giapponese.

Condividi