Dr Commodore
LIVE

No, non è Twitch a mettere troppa pubblicità: è colpa del tuo streamer preferito

Moltissime volte abbiamo sentito gli streamer lamentarsi delle troppe pubblicità all’interno delle proprie live. L’alto numero di ads all’interno delle stream è un problema comune e la colpa è quasi sempre attribuita a Twitch. È idea comune che la piattaforma gestisca in maniera sregolata l’invio degli spazi pubblicitari agli utenti. 

Il pubblico è da molti mesi insofferente e le lamentele sono sempre più frequenti. La verità però è che grazie al Gestore Annunci si può personalizzare il tempo di invio e il numero dei blocchi pubblicitari. Quindi no, non è Twitch a mettere troppa pubblicità: è colpa del tuo streamer preferito.

Come funziona il gestore annunci su Twitch

Twitch illustra in una pagina del suo sito le funzionalità del Gestore Annunci. Con questo strumento l’invio e l’intervallo degli annunci è personalizzabile: si può avviare un blocco pubblicitario ogni ora per un minimo di 30 secondi.

Per disattivare il pre-roll, la pubblicità all’apertura della live, bastano invece soltanto 3 minuti di pubblicità ogni ora.

Twitch Ads

Twitch dà addirittura la possibilità di interrompere la programmazione degli annunci. Questa opzione permette allo streamer di inviare manualmente la pubblicità.

Perché gli streamer danno la colpa a Twitch per le troppe pubblicità?

Il lancio del programma incentivi per gli annunci (abbiamo spiegato qui il suo funzionamento) ha cambiato un po’ le carte in tavola. Twitch stesso spiega come si guadagna tramite le pubblicità nelle domande frequenti:

I partner e gli affiliati con un pubblico di qualsiasi dimensione guadagnano pubblicando annunci. Le entrate derivanti dalle interruzioni pubblicitarie dipendono dal numero di spettatori che visualizzano gli annunci: più spettatori vedono l’annuncio, più soldi guadagna il creatore.

Molti streamer non sono a conoscenza del funzionamento del proprio canale. Altri, invece, mostrano volontariamente più pubblicità possibile ai propri spettatori. Dare la colpa a Twitch diventa quindi un facile modo per liberarsi delle accuse. 

Gestore Annunci Twitch

Anche Poly ha parlato del problema in una sua recente live

Poly, lo streamer conosciuto per il suo quiz show, ha parlato della situazione in una recente live. Il Content Creator ha commentato le parole di Rick Dufer che si è recentemente trasferito su YouTube ed è critico verso alcuni colleghi. Poly spiega come ogni streamer abbia un controllo pressoché completo del proprio canale: 

Lo Streamer ha il 100% di controllo sulle pubblicità del proprio canale. Chiunque su Twitch ha la possibilità di mettere o meno una pubblicità prima della live. Come vedete in questo momento la mia non è attivata. Se tu entri nel mio canale e non mi hai mai visto né guardato non vedrai nemmeno una pubblicità.

Poly ammette che durante il mese di settembre ci sono state pubblicità impossibili da controllare. Come dice però lo stesso streamer si trattava di un periodo particolare in cui Twitch ha probabilmente sperimentato con il lancio degli ads. Poly continua a spiegare però che adesso la situazione è diversa:  

Io ho impostato nel mio canale 3 minuti di pubblicità ogni ora. Ogni 20 minuti partono tre spot pubblicitari per una durata totale di circa un minuto. Quindi ragazzi, ve lo voglio dire, vi voglio guardare negli occhi: se da uno streamer vedete 10 spot di fila è perché quello Streamer ha deciso di metterne 10. Questa cosa dev’essere chiara.

Poly continua dicendo che se Twitch dà la possibilità di mettere così tante pubblicità è diritto dello streamer inserirle. Però in questo caso non è corretto attribuire la colpa a Twitch.

La situazione è spinosa: gli streamer usano tutti gli strumenti disponibili per monetizzare. È giusto però che si prendano le proprie responsabilità. Twitch permette di ridurre la pubblicità sui canali e la colpa se ce ne sono troppe è soltanto del tuo streamer preferito. 

LEGGI ANCHE: Twitch, con la Shield Mode la moderazione dei canali sarà più semplice

Twitch Skip Ad

FONTE: 1,2,3.

Articoli correlati

Condividi