Dr Commodore
LIVE

Dragon Ball: perché Gohan è il più grande capolavoro di Akira Toriyama

Dragon Ball è un manga pieno zeppo di personaggi, ciascuno di loro iconico e apprezzato dal grande pubblico per qualcosa e che nel corso degli anni è riuscito a rimanere impresso nel nostro cuore per un motivo o per un altro. Alla domanda “qual è il tuo personaggio preferito?” non vi è mai una risposta univoca e le voci sono più variegate che mai, tuttavia, uno dei nomi che appaiono più spesso quando si pone tale domanda è sicuramente quello di Gohan.

Il giovane mezzo Saiyan, figlio di Goku e Chichi, ha più volte avuto modo di brillare nel corso del manga e di farsi apprezzare per i motivi più disparati: c’è chi apprezza il suo sviluppo, chi per il suo lato “intellettuale” e chi, invece, lo definisce ancora il combattente più potente dell’universo, memore dei suoi successi in Dragon Ball Z.

Comunque la si guardi, sembra effettivamente innegabile che Akira Toriyama abbia messo un impegno particolare a scrivere il personaggio di Gohan, cercando di renderlo radicalmente diverso da tutti gli altri Saiyan fin da subito e di donargli numerose caratteristiche che lo rendono ancora oggi apprezzatissimo dal grande pubblico al punto che, per un certo periodo della storia di Dragon Ball, Gohan sembrò dover rubare il posto a Goku come protagonista della serie. E, diciamoci la verità, un’eventualità simile non sarebbe stata affatto male, anzi!

dragon ball

Lo sviluppo dei personaggi non è sicuramente uno degli elementi più presenti in Dragon Ball e spesso e volentieri capita di vedere alcuni che crescono veramente poco nel corso della narrazione o che addirittura rimangono sempre tristemente uguali a loro stessi, senza sperimentare mai un percorso di sviluppo degno di tale nome. Gohan, da questo punto di vista, rappresenta l’eccezione.

A differenza del padre e di Vegeta, Gohan è un Saiyan che non ama combattere e che rifiuta sempre la violenza, preferendo piuttosto studiare le piante e la natura che tanto ama. Ciò non lo rende un guerriero debole o inutile come molti potrebbero pensare, anzi è una delle più grandi doti del personaggio: non cerca lo scontro a tutti i costi né vuole diventare più forte per il solo gusto di farlo.

Gohan combatte solo per proteggere qualcuno o per difendere la natura, sempre col cuore puro del guerriero che sa bene quali sono i suoi valori e non vuole assolutamente perderli di vista. È proprio per questo che non ama allenarsi: dal canto suo, preferirebbe risolvere le questioni col dialogo piuttosto che con la violenza.

La scena della morte di C16 e le sue ultime parole al giovane Saiyan in questo senso rappresentano il momento più alto e significativo del personaggio e una perfetta sintesi di tutto ciò che Gohan rappresenta e continuerà a rappresentare nella serie.

Gohan possiede dunque una serie di caratteristiche più uniche che rare all’interno dei personaggi di Dragon Ball e soprattutto dei Saiyan, razza che per definizione fa del combattimento la sua ragion d’essere, e che ci consentono di indicarlo come il vero capolavoro di Akira Toriyama all’interno della sua opera più iconica. Certo, Vegeta ha un’evoluzione non indifferente, tuttavia quella di Gohan appare molto più sentita e toccante per i lettori.

Il figlio di Goku è sicuramente uno dei personaggi più unici in Dragon Ball capace di colpirci al cuore con le sue lacrime, il suo impegno, i suoi condivisibilissimi valori e il suo totale rifiuto della violenza e della battaglia, e proprio grazie a ciò in grado di rimanere impresso nel nostro cuore più di qualsiasi altro guerriero nella serie. Se Goku è la creazione più iconica e ricordata di Akira Toriyama, d’altra parte Gohan è sicuramente quella meglio riuscita, più ricca di sfaccettature e con lo sviluppo migliore all’interno della storia. Speriamo solo che il prossimo arco narrativo di Dragon Ball Super riesca a rendergli giustizia, restituendogli finalmente il ruolo da protagonista che ha perso nel corso degli anni.

dragon ball

Leggi anche: Dragon Ball, per un periodo Gohan è stato un “Super Saiyan di livello 5”

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi