Dr Commodore
LIVE

Crea contenuti per OnlyFans in classe: insegnante cacciata dalla piattaforma

OnlyFans di nuovo protagonista di una vicenda che ha come luogo un edificio scolastico: stavolta, però, la piattaforma non è disposta a passare sopra al comportamento attuato da una sua creator. Si tratta di una donna di Lake Havasu City, di nome Samantha Peer, che è stata licenziata dalla sua scuola per presunta produzione di contenuti espliciti all’interno della struttura. I filmati, prodotti insieme al marito Dillon Peer, sarebbero stati pubblicati sulla nota piattaforma e poi scoperti dagli alunni.

La donna è stata scoperta perché avrebbe pubblicato alcuni dei filmati su TikTok e Instagram per promuovere il proprio profilo. Gli studenti, seguendola sui social, hanno così potuto guardare i contenuti e hanno scoperto che alcune delle cose filmate avvenivano proprio sui loro banchi.

Quando i genitori degli alunni sono venuti a conoscenza di ciò, la richiesta è stata unanime e immediata: il celere allontanamento della docente dalla scuola media e dal suo ruolo. Le cose, però, non sono finite lì. Infatti, da poco Samantha ha scritto su Twitter di essere stata bandita anche dallo stesso OnlyFans.

onlyfans

La dura punizione della piattaforma

Secondo quanto scrive l’ex insegnante, OnlyFans ha chiuso il suo profilo e le impedisce di crearne di nuovi. Ma non è tutto: ogni cliente è stato rimborsato. La piattaforma, infatti, ha delle regole precise che vietano ai content creator di ingaggiare in atti osceni in luoghi pubblici, esattamente come avrebbe fatto Samantha. 

Le prime reazioni degli studenti e dei genitori alla scoperta dei video sono state piuttosto basite. Scoprire che gli stessi banchi e sedie che si usano ogni giorno per studiare sono stati invece utilizzati in quel modo, ha lasciato l’amaro in bocca a diverse delle persone coinvolte.,La scuola si è difesa affermando che i contenuti fossero stati girati in un giorno in cui non erano in corso lezioni.

L’ex insegnante aveva cercato di nascondere la propria identità utilizzando uno pseudonimo, ma gli studenti sono riusciti a trovarla perché Samantha aveva allegato un link di OnlyFans a tutti i suoi account social.

Fonte: 1

Potrebbe interessarti anche: ONLYFANS, DA PROFESSORESSA A MILIONARIA IN 3 ANNI: “NON TORNEREI MAI SUI BANCHI DI SCUOLA”

Articoli correlati

Condividi