Dr Commodore
LIVE

L’Ordine dei Giornalisti contro Le Iene: “non è giornalismo” e scrive a Mediaset

In queste ultime ore si è parlato molto dell’ultima trasmissione de Le Iene per via di un servizio che di certo non ha lasciato impassibile il pubblico. Dopo i tragici effetti, forse scatenati proprio dalla trasmissione, ora l’Ordine dei Giornalisti ha voluto scrivere una lettera all’amministratore delegato di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, parlando proprio di questo popolare programma.

Nella lettera, viene però fatta un’affermazione piuttosto negativa nei confronti de Le Iene: il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia Riccardo Sorrentino ha infatti scritto come l’attività svolta dal programma non sia considerabile giornalismo, da nessun punto di vista:

“L’attività de Le Iene non è qualificabile come giornalismo, né da un punto di vista sotanziale, né da un punto di vista formale”.

Questa lettera arriva dopo il servizio che ha visti protagonisti la Iena Matteo Viviani e Roberto zaccaria, 64enne pensionato che si è poi tolto la vita diversi giorni successivi al confronto che ha avuto con la trasmissione d’Italia 1.

le iene

La vicenda de Le Iene e Roberto Zaccaria, e la denuncia dell’Ordine dei Giornalisti

Il caso in questione si è poi fatto largo all’interno degli argomenti di cronaca nazionali: Le Iene stavano indagando sul sucidio del ventiquattrenne Daniele, ingannato in una chat online dal pensionato, il quale si era finto una ragazza di cui il giovane si è poi infatuato. Daniele, scoprendo la verità dietro l’identità della ragazza, si è poi suicidato.

In seguito a ciò, Le Iene hanno voluto confrontarsi con Roberto Zaccaria, e poco dopo anche egli è finito con il togliersi la vita; questo fatto ha così portato l’amministratore delegato di Mediaset a pronunciare delle parole dure verso l’attività giornalistica del programma, facendo monito che non succedesse più una cosa del genere e di alzare ulteriormente il livello di sensibilità.

L’Ordine dei Giornalisti, però, non sembra deciso a lasciar andare così facilmente la questione:

“Parlare del lavoro delle Iene a proposito delle vicende di Roberto Zaccaria e del 24enne Daniele come di lavoro giornalistico è sbagliato dal punto di vista sostanziale e dal punto di vista formale, e lo sarebbe anche all’estero dove non esiste un Ordine ma sono ovunque attivi organismi che svolgono analoghe funzioni.

Perché quella modalità di infotainment, in quel servizio – e, mi spiace dirlo, anche in diverse altre occasioni – è stata spinta a estremi che non sono compatibili con nessuna modalità sana di comunicazione e non rispetta i canoni del giornalismo italiano e internazionale.”

Insomma, sebbene ancora non siano giunte risposte in merito alle parole pronunciate dall’Ordine dei Giornalisti, Le Iene adesso potrebbero essere costrette a “volare basso” per qualche tempo in fatto di servizi legati alla cronaca e alle indagini relative ad argomenti piuttosto delicati.

Articoli correlati

Marina Flocco

Marina Flocco

Fruitrice seriale di videogiochi, anime, manga, tutto ciò che è traducibile dal giapponese.

Condividi