fbpx
Curiosità

Le Iene: sequestrati i servizi fatti contro Burioni

Le Iene

La Procura di Milano ha sequestrato i servizi de Le Iene contro Burioni

Il virologo spesso ospite in televisione, Roberto Burioni, ha comunicato oggi sul suo profilo Facebook che i servizi de Le Iene per cui aveva presentato querela sono stati sequestrati dalla Procura di Milano.

Le Iene

Il virologo ha così commentato la decisione della procure:

“Io naturalmente sono molto contento perché era una diffamazione grave e gratuita che disinformava sugli anticorpi monoclonali in un momento delicato. Sono grato al mio avvocato, l’avvocato Anselmo, che ha preso molto a cuore questa vicenda perché l’ha ritenuta non una semplice diffamazione ma anche qualcosa di simbolico per l’importanza che ha l’informazione corretta su argomenti medici in un momento drammatico.

Non potete immaginare quanto questo mi abbia ferito, visto che io ho sempre fatto del mio meglio (anche in quei mesi terribili) per informare il pubblico nel modo più obiettivo e corretto. Sono stati momenti per me molto dolorosi, perché vivevo non solo l’infamia della diffamazione e la distruzione della mia credibilità personale, ma anche i danni che una disinformazione strumentale e gravissima avrebbe prodotto nell’opinione pubblica sui temi da me trattati momento in cui la credibilità della scienza era (ed è) fondamentale.

Hanno raccontato su di me grottesche bugie su miei inesistenti interessi nel campo di anticorpi monoclonali anti-Covid, generando nei miei confronti un clima di intenso odio pubblico. Il loro metodo è stato quello di diffamarmi prima, senza neanche ascoltare la mia versione; e poi insistere pubblicamente pretendendo un confronto (a diffamazione avvenuta), e accusandomi velatamente di essere un vigliacco e di fuggire da loro. Io ho sempre risposto che un confronto l’avremmo avuto, ma davanti a un giudice. Quel confronto è incominciato, e il giudice ha disposto il sequestro delle due puntate di quel programma nelle quali venivo diffamato”

La Risposta de Le Iene

La risposta del programma Le Iene è arrivata in modo repentino. Il punto focale della risposta (potete trovarla integralmente cliccando qui), verteva su quattro domande che la redazione poneva a Burioni e che sono le seguenti:

1) Che tipo di rapporto ha con la società Pomona srl? E con Fides Pharma?

2) Perché durante i suoi interventi in Rai non ha mai detto che lei è consulente scientifico di due

case farmaceutiche e che brevetta da anni anticorpi monoclonali?

3) Perché ha definito il plasma iperimmune una cura costosa e rischiosa, quando pubblicazioni

scientifiche e ospedali di eccellenza la avallano e la praticano con ottimi risultati?

4) Per partecipare a “Che tempo che fa” è stato pagato? Se così fosse, questo non alimenterebbe un ulteriore conflitto di interessi?

Commodoriani che ne pensate della questione? Credete che la Procura di Milano abbia fatto bene? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch. Seguite inoltre le offerte del nostro shop shop.drcommodore.it e sul canale Telegram DrCommodore Offerte.

Facebook Comments

L'autore

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"

Twitch!

Canale Offerte Telegram!